Salute 26 Settembre 2019

Suicidio assistito, perché no/ Garavaglia (Com. Bioetica): «Consulta è entrata in campo ‘etico’, così rende inutile Servizio sanitario»

L’ex ministro della Salute, membro del Comitato dio Bioetica, contesta la decisione della Corte Costituzionale sul fine vita: «La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini»

«Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini». Mariapia Garavaglia, ex ministro della Salute e membro del Comitato nazionale di Bioetica, commenta così a margine del Congresso dell’Associazione nazionale tecnici di laboratorio la sentenza della Consulta che ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, “chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”. Garavaglia sottolinea che «lo Stato deve garantire la dignità della vita non la dignità del morire» e che la sentenza mette in discussione lo stesso servizio nazionale sanitario: «Se lo Stato abbandona le persone la legge 833 diventa inutile».

Cosa pensa della sentenza della Consulta?

«Temo questa sentenza. Quando si dice ‘casi limitati’ si introduce una discrezionalità e incomincia un pendio scivoloso. Chi ama l’uomo, la persona, la sua dignità e ama il Sistema sanitario nazionale deve stressare la medicina, lo Stato deve aiutare le famiglia altrimenti non so perché si chiama Sistema sanitario universalistico che serve la dignità della persona. Se a un certo punto di fronte a una difficoltà enorme, di fronte a una malattia inguaribile e incurabile c’è la possibilità di stare vicino e di esprimere affetto e che lo Stato invece abbandona le persone, diventa inutile sia la legge 833 (che ha istituito il Servizio sanitario universale, ndr) che il valore dello Stato. Lo Stato ci deve garantire la dignità della vita non la dignità del morire. Non è un diritto morire come non è un diritto nascere nel senso che veniamo alla vita chiamati da qualcuno che ha il diritto e la responsabilità di procreare. Questi due termini, nascita e morte, hanno in mezzo una cultura che deve valorizzare l’accompagnamento in tutte le fasi della vita di qualsiasi cittadino. Allo Stato chiedo di non lasciarmi solo soprattutto quando è ora di morire, perché il suicidio è certamente solitudine».

LEGGI:  SUICIDIO ASSISTITO, PERCHÈ SÌ/ D’AVACK (COM. BIOETICA): «GIUSTO REGOLAMENTARE. MA PER I MEDICI CORRETTO PREVEDERE OBIEZIONE»

Pensa sia opportuno a questo punto che il Parlamento legiferi sul tema?

«Il Parlamento in dieci mesi, anche se è vero che c’è stata la crisi di governo, ha fatto poco. Le Commissioni non hanno messo nemmeno all’Ordine del giorno la discussione, per cui la Corte ha deciso di non rinviare. Credo che come è stato per la legge 219 (legge su DAT e consenso informato, ndr) e a suo tempo la legge 40 sulla fecondazione assistita, in Parlamento avverrà uno scontro culturale. Io sono cattolica ma su questi temi voglio essere laica perchè sono diritti inviolabili della persona. Ritengo che in Parlamento ci siano laici e cattolici che la pensano alla stessa maniera. Numericamente non so da che parte pende la bilancia. Il Parlamento è la sensibilità del Paese: potrebbero emergere tutte quelle sottigliezze di ragionamento, quelle perplessità quei sentimenti che renderebbero la legge, qualora si facesse, più aderente al Paese. La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini».

Articoli correlati
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
«È stata una battaglia per la libertà di tutti. Mi è mancato il sostegno di medici e infermieri». Parla la compagna di Dj Fabo
Applausi e standing ovation alla Sapienza per Valeria Imbrogno, la compagna di Fabiano Antoniani, il ragazzo tetraplegico e cieco che nel 2017 decise di togliersi la vita in Svizzera: «Bisogna essere liberi di poter scegliere in qualsiasi momento della propria vita». Dopo l’intervento della Consulta chiede che «il legislatore si dia una mossa» sul fine vita
Suicidio assistito, eutanasia, DAT: cosa cambia nella responsabilità per il medico?
La Sentenza della Corte Costituzionale sul fine vita pone nuovi interrogativi ai medici in ambito di responsabilità professionale. Alcuni chiarimenti con il contributo del Prof. Pasquale Macrì della Prof. Paola Frati, a margine del convegno dell’Università La Sapienza.
Suicidio assistito, FNOMCeO: «Medici non più punibili se rispettate condizioni Corte Costituzionale»
Il Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici aggiorna il codice deontologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...