Salute 26 Settembre 2019 16:00

Suicidio assistito, perché no/ Garavaglia (Com. Bioetica): «Consulta è entrata in campo ‘etico’, così rende inutile Servizio sanitario»

L’ex ministro della Salute, membro del Comitato dio Bioetica, contesta la decisione della Corte Costituzionale sul fine vita: «La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini»

«Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini». Mariapia Garavaglia, ex ministro della Salute e membro del Comitato nazionale di Bioetica, commenta così a margine del Congresso dell’Associazione nazionale tecnici di laboratorio la sentenza della Consulta che ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, “chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”. Garavaglia sottolinea che «lo Stato deve garantire la dignità della vita non la dignità del morire» e che la sentenza mette in discussione lo stesso servizio nazionale sanitario: «Se lo Stato abbandona le persone la legge 833 diventa inutile».

Cosa pensa della sentenza della Consulta?

«Temo questa sentenza. Quando si dice ‘casi limitati’ si introduce una discrezionalità e incomincia un pendio scivoloso. Chi ama l’uomo, la persona, la sua dignità e ama il Sistema sanitario nazionale deve stressare la medicina, lo Stato deve aiutare le famiglia altrimenti non so perché si chiama Sistema sanitario universalistico che serve la dignità della persona. Se a un certo punto di fronte a una difficoltà enorme, di fronte a una malattia inguaribile e incurabile c’è la possibilità di stare vicino e di esprimere affetto e che lo Stato invece abbandona le persone, diventa inutile sia la legge 833 (che ha istituito il Servizio sanitario universale, ndr) che il valore dello Stato. Lo Stato ci deve garantire la dignità della vita non la dignità del morire. Non è un diritto morire come non è un diritto nascere nel senso che veniamo alla vita chiamati da qualcuno che ha il diritto e la responsabilità di procreare. Questi due termini, nascita e morte, hanno in mezzo una cultura che deve valorizzare l’accompagnamento in tutte le fasi della vita di qualsiasi cittadino. Allo Stato chiedo di non lasciarmi solo soprattutto quando è ora di morire, perché il suicidio è certamente solitudine».

LEGGI:  SUICIDIO ASSISTITO, PERCHÈ SÌ/ D’AVACK (COM. BIOETICA): «GIUSTO REGOLAMENTARE. MA PER I MEDICI CORRETTO PREVEDERE OBIEZIONE»

Pensa sia opportuno a questo punto che il Parlamento legiferi sul tema?

«Il Parlamento in dieci mesi, anche se è vero che c’è stata la crisi di governo, ha fatto poco. Le Commissioni non hanno messo nemmeno all’Ordine del giorno la discussione, per cui la Corte ha deciso di non rinviare. Credo che come è stato per la legge 219 (legge su DAT e consenso informato, ndr) e a suo tempo la legge 40 sulla fecondazione assistita, in Parlamento avverrà uno scontro culturale. Io sono cattolica ma su questi temi voglio essere laica perchè sono diritti inviolabili della persona. Ritengo che in Parlamento ci siano laici e cattolici che la pensano alla stessa maniera. Numericamente non so da che parte pende la bilancia. Il Parlamento è la sensibilità del Paese: potrebbero emergere tutte quelle sottigliezze di ragionamento, quelle perplessità quei sentimenti che renderebbero la legge, qualora si facesse, più aderente al Paese. La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini».

Articoli correlati
Suicidio assistito, eutanasia e rinuncia ai trattamenti salvavita: ecco cosa si può fare e cosa è vietato in Italia
Gobber (SICP): «Con la sentenza n.242 del 2019 la Corte Costituzionale aveva chiesto al Parlamento di legiferare in materia di suicidio assistito. Ad oggi, in Italia, resta una pratica illegale. È, invece, del tutto legittimo che il paziente rinunci a qualsiasi intervento sanitario, anche salvavita»
di Isabella Faggiano
Obbligo del vaccino anti Covid-19, Garavaglia (Comitato Bioetica): «Vi spiego perché non si può escludere»
L’ex Ministro della Salute spiega: «In base alla Costituzione, il diritto alla tutela della salute è un diritto che non può entrare in conflitto con gli altri e va salvaguardato in sé. Prima dell’obbligo bisogna informare e persuadere». Sull’emergenza Covid: «Nella prima ondata ci siamo comportati bene, ma nella seconda siamo stati impreparati»
«Dalle cure palliative alle cure simultanee, così accompagniamo i pazienti negli ultimi mesi di vita»
Viaggio in un hospice con Priscilla Landucci, medico di cure palliative alla Asl Roma 4, delegato di Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Eutanasia, Associazione Luca Coscioni: «Proposta di legge ferma da 7 anni. Favorevole il 75% degli italiani»
I membri dell’associazione chiedono che venga messo all’ordine del giorno della Camera una proposta di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...