Salute 28 Maggio 2018 09:05

Felini, virus simile a Epatite B colpisce i gatti. Perrone (SIMeVeP): «Scoperta utile per analizzare decorso malattia»

Ricercatori dell’Università di Sydney hanno individuato un agente patogeno che colpisce i gatti della stessa famiglia dell’epatite B negli esseri umani. «Nessun rischio di trasmissione da animale a uomo» così il Vice Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva SIMeVeP

Felini, virus simile a Epatite B colpisce i gatti. Perrone (SIMeVeP): «Scoperta utile per analizzare decorso malattia»

Un nuovo virus che colpisce i felini simile all’epatite B: è il risultato di una ricerca condotta dai ricercatori dell’Università di Sidney in Australia e pubblicata sul mensile scientifico Viruses. L’agente patogeno, rinominato hepadnavirus, non è pericoloso per l’uomo ed è stato identificato in un campione di linfoma appartenente ad un gatto domestico. A fare chiarezza su questa malattia e soprattutto sull’ipotizzata somiglianza con l’epatite B, è Vitantonio Perrone, Vice Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva SIMeVeP.

Scienziati australiani hanno individuato un virus finora sconosciuto che colpisce i gatti e causa una malattia dei felini dello stesso ceppo a cui appartiene l’epatite B negli esseri umani. Di cosa si tratta?

«In effetti le ricerche condotte da studiosi di diversi istituti di Sidney hanno portato alla pubblicazione a maggio di un articolo sulla rivista Viruses in cui viene riportata la prima segnalazione in un gatto di sette anni di età affetto da linfoma di un nuovo agente virale della famiglia degli Hepadnaviridae di cui è stata portata a termine la caratterizzazione e che è stato denominato in via provvisoria domestic cat hepadnavirus. Ulteriori ricerche hanno dimostrato la sua presenza sia in gatti immunodepressi (6 su 60, 10%) sia sani (2 su 63, 3,2%) e questo dato sembra riproporre quanto si verifica in ambito umano nei confronti dell’infezione da virus dell’epatite B. Infatti anche il virus dell’epatite B dell’uomo fa parte della famiglia degli Hepadnaviridae».

LEGGI ANCHE: SANITA’ PUBBLICA VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE. PRESENTATO IL “LIBRO BIANCO”

Si tratta di un virus che può essere trasmesso da animale ad animale? E nell’uomo?

«L’importanza della scoperta nel gatto sta nell’aver individuato il primo caso di infezione da hepadnavirus in un carnivoro e quindi anche in un’animale da compagnia mentre sinora non sono conosciuti reservoir zoonotici (trasmissione infetta da animale a uomo ndr) del virus dell’epatite B. La famiglia degli Hepadnaviridae si divide in due generi: Orthohepadnavirus associato ai mammiferi e Avihepadnavirus associato ai volatili e quello dell’epatite B e studi filogenetici fanno risalire a 15 mila anni fa la sua presenza nell’uomo».

L’università di Sidney sostiene che la scoperta di questo virus può fornire indizi sull’evoluzione dei  virus responsabili di patologie epatiche: lei che ne pensa?

«Ogni scoperta in questi ambiti può risultare foriera, anche se non nell’immediato, di positive acquisizioni, basti pensare che più del 40% della popolazione umana è infettata dal virus dell’epatite B e che più di 600mila all’anno sono i decessi sono ascrivibili alle patologie epatiche croniche ad esso ascrivibili. Come detto non è ancora conosciuto un suo reservoir zoonotico ma molte sono le ricerche che riguardano i mammiferi selvatici tra cui primati umani e non umani e pipistrelli».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Giornata delle Epatiti ai tempi del Covid-19, Aghemo (AISF): «Avremo incremento di morti a causa di diagnosi e controlli mancati»
Con l’esplosione della pandemia l’Italia non è più in linea con l’obiettivo OMS di eradicare l’Epatite C entro il 2030. Il Segretario AISF: «Urgente rilanciare vaccini, screening e trattamenti»
di Isabella Faggiano
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
I gatti trasmettono il coronavirus? Il New England Journal of Medicine: «Servono studi e attenzioni»
Da oggi ripartono le adozioni di animali, ma uno studio dimostra che i felini sono contagiati asintomatici e vettori perfetti del Covid-19
di Tommaso Caldarelli
A Vo’ Euganeo test sierologici anche sui gatti. L’esperto: «Gli animali domestici non sono diffusori di contagio, anzi vanno difesi»
Massimo Castagnaro, ordinario di Patologia generale veterinaria all'università di Padova: «Il virus potrebbe diffondersi dall’uomo ai gatti; per questo il paziente positivo che vive con un gatto o un cane deve restare lontano da lui come dagli altri familiari»
Ospedale dei Castelli, parte “4 Zampe con te” . Gli animali domestici “in visita” ai pazienti
Gli animali d’affezione rappresentano una parte integrante nella vita di chi li ama, ancor più quando ci si trova in situazioni di fragilità emotiva e fisica come durante un ricovero. Per questo è stata inaugurata all’interno dell’Ospedale dei Castelli l’area “4 Zampe con te”, che nasce dalla collaborazione fra la Asl Roma 6, la struttura […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?