Salute 15 Febbraio 2024 10:06

Farmaci illegali, Nas: oscurati 79 siti e sequestrati prodotti per nove milioni di euro

Si è conclusa un’operazione internazionale contro il crimine farmaceutico, soprattutto online, denominata ‘SHIELD IV’, che ha coinvolto 28 Paesi, tra cui l’Italia. Nel mirino dei Nas anche gli sportivi professionisti e amatoriali

di I.F.
Farmaci illegali, Nas: oscurati 79 siti e sequestrati prodotti per nove milioni di euro

I Carabinieri del NAS hanno concluso un’operazione internazionale contro il crimine farmaceutico, soprattutto online, denominata ‘SHIELD IV’. L’ultima fase delle indagini ha permesso di scovare e, quindi oscurare, 79  siti web. Cinque le persone finite in manette, 126 i denunciati e sequestrati migliaia di medicinali per un valore di quasi 10 milioni di euro, soprattutto dopanti, integratori e prodotti collegati al trattamento del Covid-19. L’operazione, condotta tra aprile e novembre del 2023, è stata diretta dall’Europol, con la partecipazione del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute.

I sequestri

In particolare, i NAS hanno condotto 133 attività ispettive e di polizia giudiziaria, con l’avvio di 82 tra procedimenti giudiziari e amministrativi. Sequestrate oltre 130mila confezioni e circa 310mila unità in diverse forme farmaceutiche, contenenti principi attivi a varia indicazione terapeutica, principalmente riconducibili ad anabolizzanti, antibiotici, antinfiammatori, disfunzione erettile e vantanti proprietà per il trattamento del Covid-19. Individuati e sequestrati due laboratori clandestini nei quali sono stati sequestrati 400 kg di sostanze e principi attivi anabolizzanti, 20 kg di precursori della droga e di sostanze dopanti, 300 kg di eccipienti correlati alla produzione di anabolizzanti. Il valore commerciale di tutti i sequestri raggiunge la cifra di circa nove milioni di euro.

I controlli anti-doping

Nel mirino dei Nas ci sono finiti pure gli sportivi professionisti e amatoriali: sono stati sottoposti a controllo 783 atleti, 758 a margine di gare e 25 fuori gara, 79 dei quali sono risultati positivi. L’attività è stata condotta in collaborazione con Nado-Italia, organo nazionale responsabile in materia di adozione delle norme sportive anti-doping.
All’operazione  ‘SHIELD IV’ hanno aderito 28 Paesi, 19 stati membri dell’UE e nove paesi terzi, con l’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF), l’Ufficio dell’UE per la proprietà intellettuale (EUIPO) che ha offerto sostegno finanziario, Frontex, l’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA) e l’Organizzazione Mondiale delle Dogane. Particolare attenzione è stata dedicata al cyber patrolling del mercato on-line, che rappresenta come noto un fenomeno in crescita esponenziale favorito dall’anonimato della rete e dalle opportunità  di speculazione offerte dai differenziali normativi nelle legislazioni di settore dei diversi Paesi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...