Salute 13 Maggio 2021 17:52

Eutanasia, presentato il testo base: condizioni per l’accesso e ruolo del medico. E la politica si divide

In Commissione Giustizia e Affari Sociali di Montecitorio i relatori Bazoli e Provenza hanno presentato il testo base che fa proprie le indicazioni della Consulta. Sportiello (M5S): «Colmare vuoto normativo, si tratta di diritti e di civiltà». Ma Turri (Lega) scrive a Fico: «Centrodestra senza relatori»

Eutanasia, presentato il testo base: condizioni per l’accesso e ruolo del medico. E la politica si divide

Non ha fatto in tempo ad essere depositato dalle Commissioni Giustizia e Affari Sociali della Camera, che il testo base sull’eutanasia sta già facendo discutere le forze politiche. E non tanto e non solo per le proteste del medico e deputato del Gruppo Misto Giorgio Trizzino, che lamenta di «essere stato fatto fuori come relatore», quanto piuttosto per i malumori nel centrodestra che, di fatto, è stato escluso dal novero dei relatori che sono il Cinque Stelle Nicola Provenza e il dem Alfredo Bazoli. Ma in realtà, la partita si gioca nel merito: il tema attiene alla sfera della coscienza dei parlamentari e divisioni e spaccature si registrano dentro e tra le forze politiche.

Il testo base, nelle intenzioni dei relatori, tiene conto delle indicazioni della Corte Costituzionale, che più di un anno e mezzo fa aveva dichiarato l’illegittimità dell’articolo 580 del Codice penale che punisce l’aiuto al suicidio, in presenza di alcune precise condizioni.

Il testo base presentato alla Camera

Il Disegno di legge prova dunque a fare sintesi tra i diversi Ddl presentati nel corso della legislatura (tra cui anche una proposta di iniziativa popolare) e al contempo fa proprie le indicazioni della Consulta.

All’articolo 2 si specifica che «per morte volontaria medicalmente assistita il decesso cagionato da un atto autonomo con il quale, in esito al percorso disciplinato dalle norme della presente legge, si pone fine alla propria vita in modo volontario, dignitoso e consapevole, con il supporto e la supervisione del Servizio Sanitario Nazionale».

Il testo riprende poi le condizioni indicate dalla Corte per accedere al suicidio assistito. Il primo requisito è essere «persona maggiore di età, capace di prendere decisioni libere e consapevoli ed affetta da sofferenze fisiche o psicologiche ritenute intollerabili». Inoltre, tale persona «deve altresì trovarsi nelle seguenti condizioni: 1. essere affetta da una patologia irreversibile o a prognosi infausta oppure portatrice di una condizione clinica irreversibile; 2. essere tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale; 3. essere assistita dalla rete di cure palliative o abbia espressamente rifiutato tale percorso assistenziale».

La domanda va presentata al proprio medico di medicina generale o a un medico di fiducia che «redige un rapporto sulle condizioni cliniche del richiedente e sulle motivazioni che l’hanno determinata e lo inoltra al Comitato per l’etica nella clinica territorialmente competente». Il Comitato «entro sette giorni dal ricevimento della richiesta, esprime un parere motivato sulla esistenza dei presupposti e dei requisiti a supporto della richiesta di morte volontaria medicalmente assistita, e lo trasmette al medico richiedente ed alla persona interessata». Il medico a sua volta trasmette la documentazione alla Asl di riferimento o all’Ospedale che si occupa del paziente e «che dovrà attivare le verifiche necessarie a garantire che il decesso avvenga presso il domicilio del paziente o, laddove ciò non sia possibile, presso una struttura ospedaliera o residenziale pubblica. Il decesso a seguito di morte volontaria medicalmente assistita è equiparato al decesso per cause naturali a tutti gli effetti di legge».

Sportiello: «Colmare vuoto normativo e riconoscere libertà di scelta»

A spiegare le ragioni di questa accelerazione è la deputata del M5S Gilda Sportiello che a sua prima firma annovera proprio un Ddl sul tema.

«Siamo già in ritardo. Ci sono troppe persone che ogni anno sono costrette ad andare all’estero per porre fine alle proprie sofferenze, o peggio ancora, scelgono di suicidarsi da soli a causa della loro malattia, visto che nel nostro Paese esiste un vuoto normativo che non gli consente di vedere riconosciuta la propria libertà di scelta e una fine dignitosa, senza sofferenze e con l’assistenza necessaria. Si tratta di diritti e di civiltà. Se non bastasse questo, ci sono ben due richiami della Corte e una sentenza che chiedono al Parlamento di intervenire», spiega Sportiello a Sanità Informazione.

Sportiello spiega che per poter accedere alla legge dovranno sussistere determinate condizioni. «Sia nel testo a mia prima firma che in quello depositato dai relatori, si individuano delle condizioni, seppur differenti, per poter fare richiesta di suicidio medicalmente assistito. Insieme a condizioni che sono oggettive e certificate, non può però mancare il riferimento alle sofferenze intollerabili perché è la persona, e soltanto la persona, che prova quelle sofferenze, può dichiararle non sopportabili» chiarisce la deputata Cinque Stelle.

Per Sportiello il testo base presentato dai relatori è un punto di partenza per avviare una discussione in Commissione sul provvedimento. Un punto su cui si dovrà discutere è il ruolo dei Comitati per l’etica, il cui parere secondo Sportiello non dovrà essere vincolante: «Per quanto mi riguarda, sono convinta che sia necessario definire il perimetro delle funzioni dei Comitati, proprio per evitare che il loro parere possa essere interpretato come vincolante: il diritto all’autodeterminazione della persona va tutelato».

Resta aperta la questione dell’obiezione di coscienza per i medici su cui il dibattitto in Commissione sarà dirimente. Sulle possibili conseguenze per l’esecutivo, Sportiello tira dritto: «Questo tipo di timori non possono di certo prevalere sui diritti. Tutto il Parlamento deve assumersi la responsabilità di portare avanti questa discussione per arrivare a dare a questo Paese la legge che aspetta, senza pregiudizi ideologici. Stiamo parlando di garantire un diritto, di rispettare la dignità e la libertà di scelta della persona, non è pensabile che l’arroccamento ideologico di qualcuno possa impedire ad altri di scegliere sulla propria esistenza».

Intanto però il capogruppo della Lega in Commissione Giustizia Roberto Turri ha scritto una lettera al presidente della Camera Roberto Fico per sollevare la questione dell’assenza di relatori di centrodestra. Come per il Ddl Zan al Senato, anche su questo tema etico si preannuncia un confronto acceso.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, lauree abilitanti e tutela delle persone sorde: la settimana in Parlamento
Palazzo Madama esaminerà due importanti decreti in scadenza, quello sulla Ripresa delle attività economiche e quello sul Fondo complementare Piano nazionale ripresa e resilienza. In Commissione Affari Sociali spazio ai Ddl su defibrillatori automatici e semiautomatici, immunodeficienze congenite e budget di salute. A Montecitorio esame del Testo unico sui ricercatori universitari
Laurea abilitante, psicologo delle cure primarie e Dl Riaperture: la settimana in Parlamento
Le Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali, dopo il via libera di Montecitorio, sono attese al Senato. In Commissione Cultura si vota sul Ddl titoli universitari abilitanti. Audizioni di Cozzoli, Cricelli e Sileri in Commissione Sanità
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
Eutanasia, Dl Riaperture e Sostegni bis, la settimana in Parlamento
Importanti audizioni in Commissione Affari Sociale sul disegno di legge sull’eutanasia: tra gli auditi il presidente del Comitato nazionale per la Bioetica Lorenzo D’Avack. Arriva in Aula alla Camera il Dl Riaperture
Misiti (M5S) lancia Ddl per rivedere l’accreditamento di eccellenza: «Stop a ingerenze politiche, coinvolgiamo società scientifiche»
Il medico e deputato M5S Carmelo Massimo Misiti: «Il mio obiettivo è ridare dignità al medico non più su una base politica ma sulla base della qualità dei servizi erogati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM