Salute 16 Giugno 2023 08:49

Endometriosi forse dovuta a batteri, antibiotici possibile cura: «Studio preliminare, servono conferme»

A causare l’endometriosi o ad aggravarla potrebbe essere un’infezione dovuta a batteri della famiglia Fusobacterium; un trattamento antibiotico mirato a eradicare questo patogeno potrebbe aiutare a trattare la malattia. È quanto hanno scoperto ricercatori afferenti a diverse universita’ giapponesi in uno studio pubblicato su Science Translational Medicine. Lo studio necessita, tuttavia, di ulteriori conferme. L’endometriosi […]

A causare l’endometriosi o ad aggravarla potrebbe essere un’infezione dovuta a batteri della famiglia Fusobacterium; un trattamento antibiotico mirato a eradicare questo patogeno potrebbe aiutare a trattare la malattia. È quanto hanno scoperto ricercatori afferenti a diverse universita’ giapponesi in uno studio pubblicato su Science Translational Medicine.

Lo studio necessita, tuttavia, di ulteriori conferme. L’endometriosi colpisce dal 10 al 15% delle donne in eta’ riproduttiva. È causata dalla presenza di endometrio, la mucosa che riveste la cavita’ uterina, all’esterno dell’utero. Puo’ essere una patologia invalidante, soprattutto a causa del dolore a essa associato; puo’ inoltre ridurre o compromettere la fertilita’ . Nello studio, il gruppo di ricercatori ha dapprima identificato il legame tra Fusobacterium e malattia. Confrontando due gruppi di 155 donne, ha scoperto che il 64% di quelle affette da endometriosi aveva un’infezione da Fusobacterium dell’endometrio rispetto a meno del 10% di quelle sane. Ha poi scoperto un potenziale meccanismo che dall’infezione porta all’endometriosi e che chiama in causa un’alterata risposta immunitaria.

Infine, ha testato un comune trattamento antibiotico su topi affetti dalla malattia e dall’infezione, dimostrando previene l’instaurarsi dell’endometriosi o di ridurre il numero e la gravita’ delle lesioni caratteristiche della malattia. “L’eradicazione di questo batterio con trattamento antibiotico potrebbe essere un approccio per trattare l’endometriosi nelle donne positive all’infezione da fusobatteri e queste donne potrebbero essere identificate con un tampone vaginale o dell’utero”, ha affermato il coordinatore dello studio Yutaka Kondo. Servono pero’ altri studi per confermare questa ipotesi; i ricercatori hanno avviato i test sull’uomo che potrebbero dare risposte gia’ nei prossimi mesi.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...