Salute 15 Dicembre 2022 17:05

Emicrania episodica: sicurezza cardiovascolare dei triptani

I triptani rappresentano il trattamento di prima scelta nelle emicranie d’intensità moderata-forte

Emicrania episodica: sicurezza cardiovascolare dei triptani

In tutti i pazienti che soffrono di emicrania episodica, è indicato un trattamento farmacologico acuto o sintomatico, con lo scopo di ridurre sia l’intensità sia la durata dell’attacco.

Le opzioni farmacologiche sono diverse: si distinguono farmaci aspecifici – quali gli antinfiammatori non steroidei, il paracetamolo o una loro combinazione, indicati nelle crisi lievi-moderate – e farmaci specifici, come i triptani, che rappresentano il trattamento di prima scelta nelle emicranie d’intensità moderata-forte.

Una volta scelta l’opzione terapeutica più appropriata per il tipo di attacchi di un dato paziente, le linee guida della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC) raccomandano di assumere il farmaco al minor dosaggio utile a raggiungere la completa risoluzione delle crisi e il più precocemente possibile. Inoltre, si consiglia l’uso di formulazioni con un solo principio attivo.

I triptani hanno dimostrato un favorevole profilo di efficacia non solo sul dolore, ma anche sui sintomi di accompagnamento, come foto- e fonofobia, nausea e vomito, che spesso accompagnano gli attacchi emicranici. Inoltre, questa classe di molecole è efficace su più attacchi, confermando una notevole costanza dell’effetto, e sul lungo termine, manifestando così assenza di tachifilassi

Per quanto riguarda il profilo di sicurezza, in passato sono state espressi alcune preoccupazioni sul rischio cardiovascolare associato ai triptani, che in parte ne hanno limitato l’uso. Ciò ha spinto l’American Headache Society (AHS) a nominare una commissione di esperti che ha formulato in proposito una raccomandazione di consenso per l’uso dei triptani nella pratica clinica sulla base delle evidenze scientifiche disponibili.

Le conclusioni del documento si possono riassumere in quattro punti:

  • la maggior parte dei dati sui triptani sono derivati da pazienti senza malattia coronarica nota
  • i sintomi toracici che si verificano durante l’uso di triptani sono generalmente non gravi e non sono riconducibili a ischemia
  • l’incidenza di eventi cardiovascolari gravi con i triptani sia negli studi clinici sia nella pratica clinica sembra essere estremamente bassa
  • il profilo rischio-beneficio cardiovascolare dei triptani corrobora il loro uso in assenza di controindicazioni

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...