Salute 21 Febbraio 2018

Elezioni, la sanità secondo Crivellini (Più Europa): «Il cittadino conti di più e i dg si scelgano con bando internazionale»

Il presidente del Comitato Nazionale Radicali Italiani è l’estensore del programma della lista guidata da Emma Bonino. «Non servono più fondi ma bisogna spostarli sulla disabilità e sulla cronicità» afferma a Sanità Informazione

Lui è uno storico esponente del Partito Radicale, presidente del Comitato Nazionale di Radicali Italiani. In Parlamento è entrato per la prima volta nel lontano 1979, quando fu eletto in Senato. Oggi Marcello Crivellini è professore universitario, ha insegnato Analisi e Organizzazione di Sistemi Sanitari nel corso di Ingegneria Biomedica, presso il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria (DEIB) della Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione del Politecnico di Milano. E, soprattutto, è uno dei principali estensori del programma della lista Più Europa capitanata da Emma Bonino e alleata del Pd di Matteo Renzi. «L’aumentare della durata della vita richiede uno spostamento di risorse a favore del sistema della disabilità e della cronicità», spiega a Sanità Informazione.

Professore, la sanità è un po’ sparita dall’agenda di questa campagna elettorale…

«Vedo che i partiti, tranne Più Europa, sono focalizzati solo sulla spesa, mentre guardando il panorama internazionale l’Italia è in media con i Paesi maggiormente sviluppati. Il problema quindi non è la spesa del Servizio sanitario nazionale che, con tutti i difetti, funziona relativamente bene: il vero problema è che il cittadino non conta assolutamente niente, ma conta solo chi è all’interno del sistema sanità. I partiti nelle regioni controllano la sanità e l’hanno trasformata in uno strumento elettorale. Da questo punto di vista tra destra e sinistra non vedo grandi differenze. Chi è assente è il cittadino che poi è quello che paga. Ha poco potere. Serve una modifica del Servizio sanitario nazionale: si dovrebbe dare più ruolo al cittadino garantendogli una maggiore informazione, perché l’altro difetto è che la sanità vive male qualsiasi strumento di valutazione, è abituata a essere autoreferenziale».

Se Più Europa va al governo, quale sarà il primo provvedimento che prenderete in ambito sanitario?

«Tutti i modelli internazionali dicono che nell’ambito della macroarea della Salute, la sanità conta per il 15-20%. In tutti i casi va potenziata e ammodernata ma soprattutto bisogna adeguarla alle esigenze di salute dei cittadini. Faccio un esempio: negli ultimi decenni, ormai è noto in tutto il mondo, la popolazione fortunatamente sta invecchiando perché si vive di più. Quindi diventano più importanti le malattie croniche e le disabilità mentre il settore della acuzie diventa meno importante: un anziano non ha tanto bisogno di andare in ospedale, ma in generale può avere bisogno di altre cure come l’assistenza domiciliare. La prima cosa che farebbe Più Europa è allocare le risorse diversamente, spostandone un po’ a favore del sistema della disabilità e della cronicità. Questo si dice poco perché i centri di potere e di spesa sono concentrati negli ospedali che sono circa la metà di tutta la spesa».

In sintesi, voi proponete meno politica nella sanità…

«Certo. Per esempio, sulla nomina dei direttori generali abbiamo una proposta: i dg siano scelti in base alle necessità dell’azienda da una serie di società internazionali di cacciatori di teste. Come ha fatto il Ministro Franceschini che ha trovato gente valida anche all’estero da mettere alla guida dei musei. Nella salute si dovrebbe seguire la stessa procedura, invece si fa ancora una scelta in base all’appartenenza politica o addirittura in base all’adesione di correnti all’interno dello stesso partito».

Articoli correlati
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
Milano, il SiMPeF presenta l’evento “Adolescenza quella terra di nessuno”
L’adolescenza rappresenta il passaggio dallo stato infantile a quello adulto. È una fase caratterizzata dal cambiamento e, come ogni periodo di transizione, rappresenta un periodo critico nella vita di ogni individuo, in cui ansia e senso di inadeguatezza sono all’ordine del giorno. Per questo, il SiMPeF (Sindacato Medici Pediatri di Famiglia) ha organizzato l’evento “Adolescenza […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «Alzare il limite da 45 a 50 anni o molti resteranno fuori»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...