Salute 14 Aprile 2015

ECM obbligatoria: ai radar del Ministero non si sfugge 

La novità assoluta della consultazione delle banche dati e subito il caso emblematico dei migliaia di medici competenti depennati. L’Ad di Sanità In-Formazione, Andrea Tortorella: “La legge è chiara, importante una formazione di qualità”

Immagine articolo

In tema di Ecm sempre più serrati i controlli del Ministero della Sanità. L’obbligo formativo per tutti i medici è già previsto dalla legge, ma ora i controlli del dicastero per la Salute sono diventati più stringenti.

E l’assoluta novità dell’utilizzo delle banche dati ha prodotto i primi drastici provvedimenti per chi non aveva maturato i crediti previsti. A farne le spese ora sono stati migliaia di medici competenti, depennati con una netta sforbiciata che ha fatto scattare l’allarme per tutti gli operatori sanitari. Mai come ora, dunque, i radar del Ministero sono in funzione. La conferma arriva direttamente dal Ministero della Salute, particolarmente attento al rispetto delle norme sulla formazione, nonostante – proprio in questi giorni – gli uffici abbiano come priorità la risoluzione della vicenda dei medici competenti. A questi ultimi, oltre ad essere stato concesso un anno in più (rispetto il triennio 2011-2013) per maturare i crediti, è stata concessa da gennaio ad oggi  la possibilità di comunicare ufficialmente il loro aggiornamento. Degli 11mila medici in lista, solo 4,6 mila lo hanno fatto entro marzo ed altri 2,5 mila nelle ultime settimane. Un afflusso che ha mandato in tilt i terminali ministeriali, passati ora ad un aggiornamento manuale che da trimestrale è diventato settimanale. Da Lungotevere Ripa arrivano rassicurazioni, soprattutto rivolte a chi ha maturato i crediti, ma non vede il suo nome nella lista degli “attivi”: a breve la situazione sarà sanata. Va sottolineato che all’appello mancano circa 4 mila medici. Ci sono senza dubbio pensionati e defunti, altri avranno anche cambiato lavoro, ma resta una fetta consistente che ad oggi ha perso l’idoneità e solo nelle prossime settimane verrà chiarito se a non essere aggiornati sono i professionisti oppure la banca dati ministeriale. Del caso abbiamo parlato con Andrea Tortorella, amministratore delegato di Sanità In-Formazione, provider di riferimento per la formazione in Italia ed a livello internazionale.

“Questo ‘altolà’ del Ministero non ci coglie certo impreparati – afferma Tortorella. Le penalità per chi non ottempera a quest’obbligo sono demandate ai vari ordini professionali, ma sull’obbligatorietà il Ministero e il legislatore sono chiari da anni. Noi, come Sanità In-Formazione, siamo vicini al Ministero e collaboriamo in tal senso”.

I numeri della “sforbiciata” sono in via di definizione, ma il messaggio ai medici italiani è chiarissimo…
Ed è un segnale importante il fatto che per la prima volta il Ministero ha utilizzato le banche dati a sua disposizione per esprimere la propria volontà, e ribadire in modo fermo l’obbligatorietà dell’ottenimento dei crediti necessari e l’importanza di una formazione di qualità per la professione medica.

In questo senso Sanità in-Formazione dimostra di avere tutte le carte in regola.
Sì, possiamo affermare con orgoglio di essere i leader tra i provider del Ministero della Sanità. Il nostro obiettivo è dare l’opportunità a tutti i medici di entrare con facilità nel mondo della formazione, un fattore che riteniamo di primaria importanza alla luce delle ultime notizie dal Ministero. Proprio negli ultimi giorni abbiamo messo in campo un nuovo progetto, che a breve sarà fruibile dai professionisti – non solo italiani, ma in tutta Europa e nel mondo – e che prevede un nuovo modo di veicolare l’informazione: l’utilizzo di film su temi di primaria attualità e di assoluta importanza didattica. L’offerta formativa che siamo in grado di fornire in Italia è in costante aumento, per quantità di corsi e per qualità ed innovatività degli stessi. Penso ad esempio al “paziente virtuale”, o ai nostri corsi di lingua ad hoc per i medici, tramite canali informatici e facilmente fruibili.

Articoli correlati
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2900 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...