Salute 28 Maggio 2020

E se il nuovo coronavirus avesse fatto il salto di specie in Italia? Sorice (SIMeVeP): «Sarebbe stato individuato precocemente»

Il presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva: «Nel nostro Paese esiste un sistema di sorveglianza continuativa dei servizi veterinari del SSN che consente di intercettare sin da subito le cosiddette zoonosi, quelle patologie che derivano dal mondo animale e che possono essere trasmesse all’uomo»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Veterinari e operatori del settore agricolo trasformati in cacciatori di virus. È questo lo scopo dell’addestramento che gli scienziati australiani si preparano a mettere in atto in undici paesi asiatici, formando esperti in grado di individuare le malattie zoonotiche, quelle che “saltano” dagli animali agli esseri umani e costituiscono tre quarti delle malattie infettive emergenti.

«Un addestramento – spiega Antonio Sorice, presidente SIMeVeP, la Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva – che in futuro potrebbe permettere un’individuazione precoce di pericolosi focolai come quello del Covid-19 che si è sviluppato a Wuhan, in Cina. A favorire l’evoluzione di queste zoonosi sono le situazioni di promiscuità in cui convivono animali, alimenti di origine animale ed un elevato numero di persone, proprio come accade nei mercati cinesi, in quelli del sud-est asiatico o in altre parti del mondo. Una coesistenza che facilita il cosiddetto spillover, ossia il passaggio di un virus da una specie all’altra. In altre parole, patologie tipiche dell’ambiente animale vengono trasferite all’uomo, fino a generare una trasformazione del virus e quindi il contagio interumano».

E cosa sarebbe accaduto se questo “salto” di specie fosse avvenuto in Italia? «Sarebbe stato individuato precocemente – sottolinea Sorice -. Il focolaio sarebbe stato circoscritto e la diffusione del contagio contenuta. Nel nostro Paese, infatti, fin dai primi decenni del secolo scorso, esiste un sistema di prevenzione che consente una sorveglianza continuativa da parte dei servizi veterinari del SSN, in stretta collaborazione con i servizi medici. Tale sorveglianza consente di intercettare sin da subito le patologie che derivano dal mondo animale e che possono essere trasmesse all’uomo, le cosiddette zoonosi. Dal 1954, poi, i servizi veterinari hanno l’obbligo, per legge, di comunicare ai servizi medici delle Aziende sanitarie locali qualsiasi anomalia riscontrata. Ciò consente una rapida attivazione di tutto il sistema di allerta previsto per la risoluzione di problematiche di questo tipo».

LEGGI ANCHE: ZOONOSI, PRATESI (WWF): «COME IL CORONAVIRUS, IL 75% DELLE PATOLOGIE INFETTIVE SI TRASMETTONO DAGLI ANIMALI ALL’UOMO»

E che questo sistema funzioni lo dimostrano alcuni casi del passato: «È già capitato che in Italia siano state intercettate patologie causate da batteri o parassiti di animali e che possono essere trasmesse all’uomo. La brucellosi (che colpisce diversi tipi di animali, fra cui mucche, pecore, capre, cervi, maiali e cani, ndr) ne è un esempio e contemporaneamente – commenta il presidente  SIMeVeP – la dimostrazione dell’efficacia della sorveglianza italiana. I casi di brucellosi verificatisi in Italia, negli anni scorsi, sono stati immediatamente individuati e arginati».

E allora, se il sistema italiano funziona, perché non adottarlo anche altrove? «La sorveglianza veterinaria italiana, come anche quella europea, è molto efficace e sarebbe senz’altro un buon modello da replicare. Ma a questa andrebbe associato il divieto di promiscuità uomo-animale in luoghi affollati come i mercati. E per fortuna, proprio in questi giorni – conclude il presidente SIMeVeP – nel sud-est asiatico hanno vietato tali condizioni di stretta convivenza tra esseri umani e animali in situazione di sovraffollamento».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Penocchio (FNOVI): «Così i veterinari si sono adattati al lockdown. Situazione economica difficile, Governo ci sostenga»
Il presidente della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani spiega: «Abbiamo utilizzato tutte le tecnologie disponibili, dal teleconsulto alla ricetta elettronica veterinaria». Poi sottolinea: «Abbiamo dovuto porre rimedio a una infodemia per ridimensionare o stroncare notizie fastidiose o pericolose su animali e persone»
Leishmaniosi nel cane, studio dimostra un aumento costante nel Nord Italia
ISS, Federico II e Bayer insieme per ‘Leishmania 2020’: «La prevenzione è l'arma più potente contro questa patologia che colpisce i nostri amici a quattro zampe»
Zoonosi, Pratesi (WWF): «Come il Coronavirus, il 75% delle patologie infettive si trasmettono dagli animali all’uomo»
Al termine dell’inverno più caldo di sempre in Europa, un Report del WWF, attraverso la rilettura di numerosi lavori scientifici, evidenza le connessioni tra cambiamenti climatici e salute umana
di Isabella Faggiano
Coronavirus e animali domestici, c’è da preoccuparsi? Penocchio (FNOVI): «Il caso di Hong Kong non prova nulla»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Veterinari chiarisce: «Non vi è nessuna evidenza scientifica di un trasferimento dell’infezione da uomo a cane, men che meno da cane a uomo. Ma le persone contagiate limitino contatti con gli animali». Anche sugli alimenti al momento non ci sono evidenze
Aggressioni, mozione Fdi impegna governo a introdurre “procedibilità d’ufficio”. Lollobrigida: «Escalation da fermare»
Il capogruppo Fdi alla Camera spiega il senso della mozione sulle professioni che prevede interventi per la tutela degli operatori sanitari: «Chiediamo anche l’istituzione o l’ampliamento di presidi delle forze dell’ordine in prossimità degli ospedali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli