Salute 26 Febbraio 2021 09:43

Dopo di noi, a Roma la legge diventa realtà: 4 villette e un immenso giardino

Il presidente della Spes contra Spem: «Siamo nella fase iniziale del progetto. Operatori qualificati incontrano, di pomeriggio e nei weekend, alcuni disabili per guidarli nel raggiungimento della maggiore autonomia consentita dalla loro personale condizione. Entro un anno, sarà formato il gruppo finale che vivrà stabilmente all’interno di uno degli appartamenti»

di Isabella Faggiano

Ci si prende cura di loro sapendo che, giorno per giorno, avranno sempre meno bisogno di noi. Guardando il loro volto si immagina come potrebbe trasformarsi negli anni e, osservandoli giocare, si prova ad intuire quali siano le loro passioni, cosa potrà renderli realmente felici. È il percorso naturale della vita: genitori e figli camminano mano nella mano, poi fianco a fianco, fino a separarsi per imboccare strade diverse. Ma cosa accade quando un bambino per proseguire lungo il suo cammino di adulto avrà sempre bisogno di essere tenuto per mano? E, soprattutto, cosa ne sarà di lui quando quella mano non potrà essere più quella dei suoi genitori?

È per rispondere a questa domanda che nel 2016  è stata approvata la legge sul “Dopo di noi”, una legge che favorisce l’inclusione sociale e l’autonomia dei disabili nel momento in cui i genitori o i familiari che se ne prendono cura non ci saranno più. Oggi, la possibilità che quel testo si trasformi in vita vissuta si fa sempre più concreta.

Dopo di noi, quattro villette a Roma

A Roma, nel quartiere Talenti, in via Paolo Monelli 26, sorge un comprensorio di quattro villette destinate al Dopo di noi. Ad accoglierci all’interno del parco è Luigi Vittorio Berliri, presidente della cooperativa Spes contra Spem. Ci conduce all’interno di una delle villette già agibili, per le altre bisognerà aspettare ulteriori finanziamenti. Ma due appartamenti, da 8 e 4 posti letto, sono già un buon inizio per testare la fattibilità della legge sul Dopo di noi e donare una speranza di futuro migliore a qualche giovane con disabilità.

L’iter del progetto

Al  momento della nostra visita gli appartamenti sono disabitati. «Siamo ancora nella fase iniziale del progetto – spiega Berliri -. Per ora, le nostre attività si svolgono di pomeriggio e durante il weekend. Due operatori incontrano 4 persone per volta per guidarli nel raggiungimento della maggiore autonomia consentita dalla loro personale condizione di disabilità. Entro un anno, poi, sarà formato il gruppo finale, sempre di 4 persone, che potrà vivere stabilmente all’interno di questo appartamento. E così – sottolinea il presidente della cooperativa -, potremo finalmente rispondere alla domanda che molti genitori si pongono: “E dopo di noi? Che ne sarà dei nostri figli?”».

I primi 4 inquilini selezionati per il progetto avranno come vicini di casa altre 5 persone con disabilità che già convivono, da diversi anni, all’interno di una casa famiglia e che presto si trasferiranno in questo contesto più nuovo, grande e accogliente.

Ogni villetta ha una superficie di 250 mq ed è circondata da un’area verde di circa 4mila mq totali. «Anche il giardino sarà presto rimesso a nuovo grazie ad un finanziamento pubblico destinato al Dopo di noi. Sarà creata una superficie mattonata fruibile anche alle persone in carrozzina», assicura Berliri.

Gli ostacoli prima del traguardo

Insomma un sogno ad occhi aperti. Ma come tutti i sogni realizzarlo fino in fondo non sarà facile. «Non credo che la convivenza tra le persone, la gestione della parte educativa e relazionale possano essere considerati ostacoli da superare – sottolinea il presidente di Spes contra Spem -. La vera difficoltà, la più grande di tutti, sarà il reperimento dei fondi necessari a far funzione l’intera macchina organizzativa. I soldi attualmente stanziati dalla Regione Lazio per il Dopo di noi (è stato istituito un Fondo ad hoc, oltre ad una serie di agevolazioni fiscali che incentivano il coinvolgimento dei privati, ndr) sono sufficienti a sostenere la vita di soli 50 disabili all’interno di una struttura come questa. E tutti gli altri?» chiede Berliri.

«Per quanto guidati verso la conquista della loro massima autonomia, queste persone non saranno mai autosufficienti ed avranno sempre bisogno di qualcuno che li tenga per mano. In un contesto come questo, ad esempio, è necessaria la presenza di due operatori qualificati per volta che possano alternarsi con altri colleghi durante l’arco delle 24 ore. Vi assicuro – sottolinea il presidente della cooperativa – che è possibile vivere una vita felice pur dovendo fare i conti ogni giorno con tante disabilità, purché ci siano le condizioni a contorno e cioè – conclude Berliri – un numero sufficiente di persone che si prenda cura di loro. E, soprattutto, che siano in grado di farlo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
Vaccini, revisione del ‘Dopo di noi’, lavoro e Osservatorio: così la ministra Stefani rilancerà le politiche sulla disabilità
In audizione in Commissione Affari Sociali, Stefani ha sottolineato: «Favoriremo un approccio alle disabilità centrato sul progetto individuale della persona». Tanti progetti importanti anche nel Recovery Plan: «Obiettivo è rafforzare le infrastrutture sociali per migliorare la qualità della vita e aumentare l’autonomia». Poi l’annuncio: «A breve le prime Disability Card»
Disabilità, associazioni e professionisti sanitari a confronto. Perciballi (FNO TSRM PSTRP): «Persona sia al centro di patto reciproco di sostegno»
L’avvocato Laila Perciballi, Referente per la FNO TSRM PSTRP per i rapporti con la cittadinanza, ha moderato l’incontro con le associazioni delle famiglie con persone con disabilità organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Roma e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...