Salute 31 Maggio 2024 09:46

Donazione sangue, De Angelis (Cns): “Presto molti donatori supereranno i limiti di età”

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il “Programma nazionale 2024 di autosufficienza sangue ed emocomponenti”, individuando gli obiettivi e le linee strategiche per l’attività trasfusionale e l’utilizzo appropriato dei farmaci plasmaderivati

Donazione sangue, De Angelis (Cns): “Presto molti donatori supereranno i limiti di età”

Presto molti donatori di sangue avranno raggiunto i limiti di età e senza un ricambio generazionale si rischia di perdere l’autosufficienza raggiunta. Il sangue attualmente donato, infatti, è di quantità pari o superiore a quello necessario a far fronte alle esigenze delle strutture sanitarie italiane. Per il plasma, invece, spiega il direttore del Centro nazionale sangue (Cns), Vincenzo De Angelis, “l’autosufficienza è ancora lontana a causa della forte richiesta di medicinali plasmaderivati. I donatori italiani – continua De Angelis – sono molto generosi ma in molti si stanno avvicinando ai 65 anni, l’età massima in cui è consentito donare. È necessario diffondere la cultura della donazione, che si può fare già a 18 anni, anche tra i più giovani”.

Il Programma nazionale 2024 di autosufficienza sangue ed emocomponenti

Ed è proprio per mantenere gli attuali livelli di autosufficienza per il sangue donato e per aumentare la quantità di plasma raccolto che la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approva, in sede di Conferenza Stato-Regioni, il “Programma nazionale 2024 di autosufficienza sangue ed emocomponenti”. La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha così individuato gli obiettivi e le linee strategiche per l’attività trasfusionale e l’utilizzo appropriato dei farmaci plasmaderivati. Le disposizioni e il loro raggiungimento avvengono grazie alla prevista donazione volontaria e gratuita. Secondo i dati contenuti nel Programma, in tre regioni si registra una carenza di sangue: la Sardegna, a causa dei numerosi pazienti con talassemia, il Lazio e la Sicilia. Il problema, che si aggrava in estate, viene risolto grazie al contributo di altre regioni. “L’autosufficienza del sangue in Italia c’è  – evidenzia De Angelis – ma va mantenuta con nuovi donatori”.

Il plasma donato in Italia non è sufficiente

La situazione è diversa per il plasma, ovvero la parte liquida del sangue che viene utilizzata per la produzione di medicinali plasma-derivati. “Nel 2023 – ricorda il direttore del Cns – la raccolta di plasma ha raggiunto gli 880mila chili: per avere più tranquillità ne servirebbero altri 250-300mila”. La domanda di plasma-derivati, ed in particolare delle immunoglobuline, è infatti aumentata così  tanto che l’incremento della raccolta nel 2023 – dopo un 2022 ‘nero’ per lo scarsissimo numero di donazioni – non è bastato a compensarla. Stando alla Programmazione per il 2024 l’obiettivo è di 871.970 chili di plasma raccolti, 14,8 ogni mille abitanti, contro gli 882.145 chili del 2023. Lo scenario ideale, quello in cui verrebbero programmati mediamente 18 chili per mille abitanti di plasma, consentirebbe di raccogliere 1.101.969 kg di plasma. Oltre l’indicazione del fabbisogno sono ripartiti per ogni regione le risorse necessarie, pari a sei milioni di euro per l’anno 2024, destinati ad interventi di miglioramento organizzativo delle strutture dedicate alla raccolta. I fondi vengono assegnati alle Regioni in base a precisi criteri: per il 50% ci si basa sull’indice di popolazione residente, per il 30% sull’indice di conferimento del plasma e per il restante 20% sull’indice di programmazione del conferimento del plasma.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...