Salute 20 Febbraio 2019

Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale

Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Si chiama CRISPR/Cas9 ed è una sorta di forbice molecolare in grado di eliminare o sostituire sequenze di DNA, che possono essere così riprogrammate o modificate. «Una nuova tecnica di editing che permette di affrontare la distrofia muscolare di Duchenne in maniera molto più mirata», ha spiegato, ai microfoni di Sanità Informazione, Filippo Buccella, fondatore di Parent Project onlus, l’associazione di pazienti e genitori che convivono con questa patologia genetica rara.

CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker, appuntamento annuale organizzato da Parent Project onlus. È una nuova tecnica presentata alle famiglie che lottano quotidianamente con questa rara patologia genetica che, ad oggi, non conosce cura: «Mentre con le precedenti esperienze di terapia genica si faceva un lavoro approssimativo – ha sottolineato Buccella – con il CRISPR/Cas9 si riesce a puntare sulla singola mutazione in modo molto più accurato».

Quella di Duchenne è la più grave delle distrofie muscolari, colpisce un neonato ogni 5 mila maschi, si manifesta in età pediatrica e causa una progressiva degenerazione dei muscoli. La distrofia di Becker è, invece, una forma meno grave e con un’incidenza nettamente minore. «Tutte le nostre attività quotidiane sono legate all’utilizzo di una o più parti della muscolatura – ha aggiunto il fondatore di Parent Project onlus – cosicché, quando un muscolo ha un problema e non si ricostituisce come dovrebbe, insorgono patologie degenerative che peggiorano con la crescita, fino ad avere, spesso, esiti letali legati a problemi cardiaci o respiratori».

Ma il progresso scientifico pur non avendo donato una cura a questi malati ha allungato e migliorato la loro aspettativa di vita: «Sono trascorsi circa 20 anni da quando i medici hanno diagnosticato questa a patologia a mio figlio – ha raccontato Buccella -. All’epoca si prevedeva che lui potesse non superare i 15 anni. Oggi ne ha 28». Attualmente, scompensi cardiaci e problematiche respiratorie, conseguenze della distrofia di Duchenne, sono tenute sotto controllo attraverso la somministrazione di specifici farmaci. Molto c’è da fare, invece, per la deambulazione: «Grazie al cortisone siamo in grado di allungare un po’ i tempi – ha detto Buccella – ma poi, inevitabilmente, intorno all’adolescenza questi ragazzi hanno bisogno di una carrozzina per poter camminare e muoversi».

Alla Conferenza 2019 di Parent Project onlus hanno partecipato centinaia di pazienti, familiari, volontari, medici e ricercatori, aziende del settore farmaceutico. Un momento di confronto internazionale anche sul tema dei finanziamenti alla ricerca scientifica. «L’Italia continua ad essere un polo importante anche a livello mondiale – ha assicurato il presidente di Parent Project onlus -. Ma i fondi pubblici a disposizione sono insufficienti ed anche di difficile accesso. Molto più efficace è, invece, il contributo dei privati: grazie a famiglie e associazioni, direttamente schierate in prima linea, si raccolgono fondi da destinare ai ricercatori, tagliando di molto i tempi di attesa».

Alla XVII Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker, conclusasi nei giorni scorsi a Roma, è stata dedicata una particolare attenzione anche alla vita pratica dei pazienti e delle loro famiglie. Dalla fisioterapia motoria e respiratoria, agli aspetti nutrizionali, all’integrazione scolastica, fino al ruolo dei fratelli di bambini o ragazzi affetti dalla patologia. Ancora, pianificazione delle gravidanze per le donne portatrici, affettività e sessualità, barriere architettoniche, leggi e diritti. «Lavoriamo affinché a tutte le famiglie, assieme alla diagnosi, sia offerta anche una speranza – ha detto Buccella -. Non è raro che si reagisca perdendo la voglia di pensare al futuro. Ed invece questi bambini devono andare a scuola, condurre una vita quanto più normale possibile. Se il paziente ha una reale voglia di vivere, sarà lui stesso a trasmetterla a tutti coloro che gli sono accanto».

Ed anche in questa direzione di strada da fare ce n’è: «Oggi moltissime delle sperimentazioni prendono in considerazione la battaglia più facile – ha spiegato il presidente dell’Associazione -. Si tratta di bambini molto piccoli che ancora non hanno segni della malattia così forti da influenzare negativamente qualsiasi tipo di trattamento e sperimentazione. Ed invece proprio i ragazzi più grandi, coloro che sono già in carrozzina, hanno ancora più urgenza e fretta di trovare una soluzione al loro problema. Per questo – ha concluso Buccella- , ci auguriamo che già durante la Conferenza del prossimo anno potremmo raccontare di nuove sperimentazioni che includano anche giovani ed adolescenti».

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Distrofia muscolare: ecco la casa ideale. Il progetto dell’architetto Michele Marchi
Le linee guida per la costruzione o ristrutturazione di abitazioni per famiglie Duchenne: «Letto ad una piazza e mezzo in una stanza di almeno 14 mq, con cabina armadio o guardaroba con ampie ante scorrevoli trasparenti. Bagno adiacente alla zona notte. Cucina totalmente accessibile: assenza di pensili tra il pavimento e il top e tavoli con piede centrale per permettere l’accostamento della carrozzella»
di Isabella Faggiano
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...