Salute 4 Luglio 2024 12:59

Diabete di tipo 2, consumare latte e derivati può ridurne il rischio tra gli adulti con intolleranza al lattosio

A dimostrare il paradosso uno studio condotto presso Harvard e l’Einstein College di New York, pubblicato su Nature, su oltre 16mila adulti ispanici e latini provenienti da quattro comunità statunitensi

di I.F.
Diabete di tipo 2, consumare latte e derivati può ridurne il rischio tra gli adulti con intolleranza al lattosio

Il consumo di latte e derivati può contribuire a ridurre il rischio di diabete di tipo 2 tra gli adulti con intolleranza al lattosio. Potrebbe apparire come un paradosso, ma lo studio condotto presso Harvard e l’Einstein College di New York, pubblicato su Nature, su oltre 16mila adulti ispanici e latini provenienti da quattro comunità statunitensi, ha dimostrato che, nelle persone con specifica carenza genetica dell’enzima lattasi, può esservi in effetti tale possibilità. A giocare un ruolo chiave contro una delle malattie metaboliche più diffuse al mondo sarebbe proprio la carenza  dell’enzima lattasi e la particolare composizione del microbiota intestinale degli intolleranti al lattosio che, nonostante questo, consumano latte e prodotti lattiero-caseari.

Il ruolo del microbiota intestinale

“Le persone caratterizzate dalla non persistenza della lattasi (LNP) – spiega il coordinatore dello studio, il dr. Qibin Qi del Dipartimento di nutrizione e Salute Pubblica di Harvard – mostrano una diminuzione della produzione di questo enzima, normalmente presente nei bambini e gradualmente prodotto in quantità sempre più limitate fino all’età adulta. In questo scenario la composizione del microbiota intestinale assume un ruolo determinante, contribuendo in modo importante alla produzione di sostanze capaci di influenzare in modo positivo lo stato metabolico del  soggetto, riducendo nel suo complesso il rischio di Diabete di Tipo 2”.

L’intolleranza al lattosio

Come spiegato dai ricercatori “l’intolleranza al lattosio si manifesta con sintomi  principalmente gastrointestinali dovuti all’incapacità  dell’organismo di digerire correttamente il lattosio, lo zucchero presente nel latte e nei suoi derivati – aggiungono gli scienziati -. Questo avviene perché  manca o è presente in quantità insufficiente un enzima chiamato lattasi, che aiuta a scomporre il lattosio’’. Lo studio ha dimostrato come il consumo di latte nelle persone caratterizzate dalla non persistenza della lattasi, apporti un arricchimento della flora batterica o microbiota intestinale con batteri capaci di influenzare in modo positivo lo stato metabolico.

L’intolleranza non presuppone l’esclusione assoluta

“Queste evidenze scientifiche – sottolineano gli esperti di Assolatte che hanno commentato lo studio in un articolo pubblicato sul proprio sito web – confermano come la prevenzione del diabete possa beneficiare del mantenimento di un’alimentazione sana ed equilibrata, in cui non manchino latte e prodotti lattiero-caseari. E indicano, inoltre, come l’intolleranza al lattosio non vada risolta scegliendo di escludere latte e derivati, anzi, proprio il loro consumo potrebbe migliorarne la sintomatologia grazie a un prezioso  arricchimento della flora batterica intestinale”. Assolatte  rassicura, infine, che “un consumo di lattosio fino a 12 g al  giorno, pari a quello contenuto in una tazza di latte,  generalmente non causa significativi problemi di tolleranza”.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...