Salute 30 Giugno 2023 15:10

Covid, Oms: variante Arturo supera Kraken e casi in netto calo

In un mese XBB.1.16 è passata dal 15,7% al 20,5% mentre XBB.1.5 dal 32,1% al 19,8%. In Europa calano casi e decessi, ma in Africa+20% di morti

Covid, Oms: variante Arturo supera Kraken e casi in netto calo

Sorpasso di Arturo su Kraken. A livello globale, la variante XBB.1.16 di Sars-CoV-2 rappresenta nella settimana epidemiologica 23 (5-11 giugno) il 20,5% delle sequenze virali condivise sulla piattaforma internazionale Gisaid, in crescita rispetto al 15,7% della settimana 19 (8-14 maggio). In un mese Arturo sale quindi di 4,8 punti percentuali, mentre nello stesso periodo XBB.1.5 o Kraken segna un netto calo: da una prevalenza del 32,1% nella settimana 23 al 19,8% della settimana 19, -12,3 punti percentuali. È quanto emerge dall’ultimo bollettino settimanale Covid dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Casi in calo

Al momento, XBB.1.5 e XBB.1.16 sono le uniche varianti di interesse sotto la lente dell’Oms: Kraken è stata segnalata finora da 114 Paesi, Arturo da 89. Un’analisi dei dati disponibili – precisa l’agenzia ginevrina – indica che le nazioni con una precedente prevalenza bassa di XBB.1.5 hanno registrato un aumento significativo di XBB.1.16. Viceversa, quelli che hanno avuto un’alta prevalenza di Kraken hanno riportato una bassa circolazione di Arturo. La prevalenza di XBB.1.5 è dunque «in calo costante», sottolinea l’Oms ricordando che, secondo l’ultimo aggiornamento della valutazione del rischio per Kraken, quest’ultima «non pone ulteriori rischi per la salute pubblica rispetto ad altri varianti circolanti».

In Africa +20% di decessi

Continuano a calare i casi e i morti di Covid nel mondo, ma con un rialzo dei decessi (+20%) in Africa. Negli ultimi 28 giorni (29 maggio-25 giugno) sono stati segnalati oltre un milione di nuovi contagi e oltre 5.700 morti, con una riduzione del 49% e del 61% rispettivamente secondo l’ultimo bollettino diffuso settimanalmente dall’Organizzazione mondiale della sanità. Da inizio pandemia, il report segnala oltre 767 milioni di casi confermati e oltre 6,9 milioni di decessi.

Pochi test, dati meno attendibili

L’Oms ribadisce che «i contagi segnalati non offrono una rappresentazione accurata dei tassi di infezione, a causa della riduzione dei test e delle segnalazioni a livello globale». I dati presentati vanno quindi considerati «incompleti». L’agenzia ginevrina ripete inoltre che «alcuni Paesi continuano a riportare carichi elevati di Covid-19, inclusi l’aumento di nuovi casi segnalati e, ancora più importante, la crescita di ricoveri e morti, elementi considerati gli indicatori più attendibili considerata la riduzione dei test».

La mappa delle regioni OMS

Dal report emerge che i nuovi contagi scendono in tutte e 6 le regioni dell’Oms (-75% Mediterraneo orientale, -73% Sudest asiatico, -66% Americhe, -57% Europa, -35% Pacifico occidentale, -12% Africa), mentre i decessi diminuiscono in 5 regioni (-68% America, -63% Mediterraneo orientale, -62% Europa, -56% Sudest asiatico, -43 Pacifico occidentale) mentre nella regione africana aumentano di un quinto. Zoomando sulla regione europea, nell’ultimo mese i nuovi casi sono oltre 199mila e i nuovi decessi 2.310. Il maggior numero di contagi è stato segnalato da Francia (45.306, 69,7/100mila, -55%), Federazione Russa (35.536, 24,4/100mila, -47%) e Italia (31.289, 52,5/100mila, -53%), mentre per le morti in testa c’è la Federatione Russa (517, meno di 1/100mila, -16%), seguita da Italia (342, meno di 1/100mila, -48%) e Francia (285, meno di 1/100mila, -58%).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...