Salute 22 Dicembre 2023 09:34

Covid: il 40% dei contagi avviene in famiglia. Determinante la durata del contatto con chi è positivo

I ricercatori dell’University of Oxford hanno analizzato i dati relativi a 7 milioni di contatti a rischio notificati dalla app ‘Nhs Covid-19’, un’applicazione simile all’italiana ‘Immuni’

di I.F.
Covid: il 40% dei contagi avviene in famiglia. Determinante la durata del contatto con chi è positivo

“Quante probabilità ci sono di contrarre il virus SarsCoV2 dopo essere stati esposti? “. È questo l’interrogativo al quale i ricercatori dell’University of Oxford hanno voluto dare una risposta. E per farlo hanno analizzato i dati relativi a 7 milioni di contatti a rischio notificati dalla app ‘Nhs Covid-19’, un’applicazione simile all’italiana ‘Immuni’, che segnalava il contatto ravvicinato (meno di 2 metri per 15 minuti) con una persona positiva a Covid-19.

La durata dell’esposizione aumenta le probabilità di contagio

I risultati, pubblicati su Nature, mostrano che chi si ammala di Covid, in oltre di quattro casi su cinque, ha contratto il virus attraverso il contatto prolungato (più di un’ora) con una persona positiva. Inoltre, nel 40% dei casi i contagi avvengono in famiglia. In particolare, dallo studio, che ha come primo autore l’italiano Luca Ferretti, è emerso che il fattore che più aumenta le probabilità di contagio è la durata dell’esposizione: l’82% dei contagi avviene dopo un contatto di più  di un’ora e il rischio di trasmissione cresce nel tempo al ritmo dell’1,1% per ogni ora che passa. Anche per questa ragione, la famiglia costituisce uno degli ambienti privilegiati di contagio: dall’analisi dei dati, anche se i familiari rappresentavano il 6% dei contatti, nell’ambito familiare si registrava il 40% dei contagi.

Le conclusioni dei ricercatori

Dallo studio, secondo i ricercatori derivano diverse indicazioni pratiche. Per esempio, “per il Covid, il rischio di trasmissione continua ad aumentare anche dopo diversi giorni di esposizione: quindi – come scrive su X (ex Twitter) il coordinatore dello studio Christophe Fraser – se qualcuno in casa tua risulta positivo, non è scontato che anche tu lo abbia già contratto e quindi puoi limitare il rischio”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...