Salute 20 Aprile 2022 14:51

Covid, ancora in calo la curva degli ospedali. Ma nelle rianimazioni su 100 fragili 30 sono novax

Scendono anche i ricoveri tra i bambini. Migliore (FIASO): «Ora accelerare su quarta dose con chiamata attiva dei pazienti»

Covid, ancora in calo la curva degli ospedali. Ma nelle rianimazioni su 100 fragili 30 sono novax

Continua a scendere, per la seconda settimana consecutiva, il numero dei pazienti ospedalizzati per Covid-19. Il trend si conferma in discesa dopo la riduzione dell’1% registrata la scorsa settimana, con un più deciso calo pari al 5,3% relativo ai giorni dal 12 al 19 aprile. Sono questi i dati (incoraggianti) che emergono dalla rilevazione effettuata dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (FIASO) sugli ospedali sentinella. Nello specifico, il numero dei pazienti in calo nei reparti ordinari si attesta su un 5,2%, ma è nelle terapie intensive che, dopo una settimana di sostanziale stabilità, si arriva al 6,9% di ricoverati in meno.

«Siamo in una fase di calo dei ricoveri piuttosto netto. L’inversione di tendenza nell’andamento dei ricoveri, un po’ incerto nella settimana scorsa, ha preso consistenza – commenta il presidente FIASO, Giovanni Migliore -. Anche se non si può parlare di crollo, il dato in declino in tutte le tipologie di ricoverati è un segno piuttosto evidente».

Bene anche il dato sui pazienti pediatrici, ma i più piccoli restano i più colpiti

Situazione in netto miglioramento anche per quanto riguarda i pazienti della fascia pediatrica: alla data del 19 aprile, gli ospedali pediatrici e i reparti di pediatria degli ospedali della rete FIASO hanno fatto registrare un calo dei ricoverati pari al 32%. La classe di età più colpita, con l’83% degli ospedalizzati, resta quella fra 0 e 4 anni. In particolare, il 19% ha tra 0 e 6 mesi. Nell’ospedalizzazione dei neonati, inoltre, un ruolo fondamentale è giocato dalla condizione vaccinale dei genitori: il 37% dei lattanti ricoverati per Covid-19 continua ad avere entrambi o almeno uno dei due genitori no vax.

Il nodo dei pazienti fragili in rianimazione: 3 su 10 sono no vax

È nei reparti di rianimazione, tuttavia, che la questione dei no vax continua a pesare di più. Il 100% dei pazienti Covid-19 attualmente ricoverati in terapia intensiva è affetto da altre gravi patologie concomitanti. Di questi, circa il 30% non è vaccinato nonostante la condizione di fragilità, mentre il 55% è sì vaccinato ma da oltre 4 mesi. Un dato che impone, ancora una volta, una serie di riflessioni.

«La presenza nelle terapie intensive di pazienti che, nel 100% dei casi, soffrono di altre patologie, pone tra le priorità il tema della quarta dose per i fragili – osserva Migliore -. Ad oggi l’adesione è ancora scarsa, solo un paziente su 10 tra gli immunocompromessi ha fatto il secondo booster vaccinale su una platea di oltre 800mila che ne avrebbero bisogno. A consigliare la necessità della quarta dose non sono solo i dati scientifici sul calo della protezione vaccinale dopo 120 giorni – sottolinea – ma anche i ricoveri in rianimazione: nei nostri reparti intensivi arrivano adesso solo i soggetti fragili. Sono i più a rischio di sviluppare le conseguenze più gravi della malattia; è fondamentale avviare la campagna per la quarta dose in maniera massiccia – conclude il presidente FIASO – e procedere con la chiamata attiva di tutti i pazienti in carico presso le strutture sanitarie e ospedaliere per invitarli alla vaccinazione».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Italiani più longevi e in salute, ma personale sanitario ridotto del 5,6%. I 30 anni delle aziende sanitarie pubbliche
Al Ministero della Salute manager Fiaso a confronto. Tra i Dg età media 58 anni, 22% le donne, solo il 10% ha esperienza in più regioni. Migliore: «Direttori cruciali nel Ssn, ma serve personale: già 10 regioni su 20 hanno avviato le stabilizzazioni Covid»
Omceo Pa: «Intimidazioni sui muri della sede. Raid nella notte dei no vax»
Il presidente Toti Amato: «Un attacco vile, già partite le denunce alle forze dell’ordine»
Rallenta la discesa dei ricoveri per Covid, -3,9% in una settimana
La riduzione dei ricoveri Covid negli ospedali continua ma rallenta. Il numero dei pazienti registrati negli ospedali sentinella aderenti alla rete di Fiaso diminuisce del 3,9%. È quanto emerge dalla rilevazione settimanale effettuata da Fiaso
di Redazione
Fiaso: «Si consolida il trend di calo,-16,3% di pazienti nei reparti Covid»
Per la quinta settimana consecutiva diminuisce il numero di pazienti ricoverati nelle aree Covid, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, del 16,3%. I dati del Report degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso)
Over 50 non vaccinati: pioggia di sanzioni dall’Agenzia delle Entrate, ma c’è chi si oppone
Nelle prime settimane recapitate già 900 mila notifiche dall’Agenzia delle Entrate, molte le contestazioni all’ATS di riferimento da parte di chi ha l’esenzione, chi è stato vaccinato all’estero e chi è finito nella morsa della burocrazia. Avvocato Granara: «Possibile il ricorso al Giudice di pace, ma non conviene»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...