Salute 19 Novembre 2021 10:12

Covid-19, Iss: Rt stabile a 1,21 incidenza sale a 98 ogni 100mila abitanti

I dati principali emersi dalla cabina di regia: tutte le Regioni sono a rischio moderato. Sotto la lente Friuli-Venezia Giulia, Bolzano, Trentino-Alto Adige, Marche e Calabria

Covid-19, Iss: Rt stabile a 1,21 incidenza sale a 98 ogni 100mila abitanti

Cresce ancora la curva epidemica in Italia. Ieri i contagi hanno superato quota 10mila: sale la pressione ospedaliera, sia nelle terapie intensive che nei reparti ordinari.

Monitoraggio Iss, stabile l’Rt, aumenta l’incidenza settimanale

Il monitoraggio settimanale dell’Iss, all’esame della cabina di regia, registra l’aumento dell’incidenza settimanale a livello nazionale: 98 per 100mila abitanti che in una settimana sale da 78 a 98 casi. L’Rt resta stabile a 1,21 come la settimana scorsa e al di sopra della soglia epidemica. In leggera diminuzione, ma ancora sopra la soglia epidemica, l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero.

Aumentano i posti letto occupati dai pazienti Covid

Anche sul fronte ospedaliero l’Iss segnala un incremento dei posti letto occupati da pazienti positivi al Covid-19: il tasso di occupazione in terapia intensiva è salito dal 4,4 al 5,3%. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è salito dal 6,1 al 7,1%.

Tutte le Regioni a rischio moderato

«Tutte le 21 Regioni e Provincie autonome risultano classificate a rischio moderato. Tra queste – precisa l’Iss – una Regione è ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il DM del 20 aprile 2020». A rischiare sono il Friuli-Venezia Giulia e la provincia di Bolzano. In osservazione anche Trentino-Alto Adige, Marche e Calabria.

Difficile il contact tracing

Difficile l’attività di contact tracing. Lo testimonia il forte aumento del numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione: 15.773 contro gli 11.001 della settimana precedente. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile al 34%. Scende la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% contro il 48% della settimana precedente) e aumenta quella dei casi diagnosticati con gli screening (21% contro il 18%).

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Covid, raggiunto il plateau il 14 luglio con 98mila casi. Inizia la discesa?
Nell'ultima settimana si è registrato un lieve calo di nuovi positivi rispetto a quella precedente ma i ricoveri ordinari continuano a salire. Record nel Lazio per le somministrazioni della quarta dose del vaccino agli over 60. D'Amato: «Sono circa 12 mila al giorno, il 20% in più del target nazionale»
Gimbe: «Rallenta crescita nuovi casi, netto aumento decessi»
«In un mese più che raddoppiati ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Picco contagi all’orizzonte, ma la discesa della curva potrebbe essere molto lenta. Inaccettabile l’idea di una “libera circolazione” del virus: la popolazione a rischio di malattia grave è troppo estesa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi