Salute 19 Novembre 2021 10:12

Covid-19, Iss: Rt stabile a 1,21 incidenza sale a 98 ogni 100mila abitanti

I dati principali emersi dalla cabina di regia: tutte le Regioni sono a rischio moderato. Sotto la lente Friuli-Venezia Giulia, Bolzano, Trentino-Alto Adige, Marche e Calabria

Covid-19, Iss: Rt stabile a 1,21 incidenza sale a 98 ogni 100mila abitanti

Cresce ancora la curva epidemica in Italia. Ieri i contagi hanno superato quota 10mila: sale la pressione ospedaliera, sia nelle terapie intensive che nei reparti ordinari.

Monitoraggio Iss, stabile l’Rt, aumenta l’incidenza settimanale

Il monitoraggio settimanale dell’Iss, all’esame della cabina di regia, registra l’aumento dell’incidenza settimanale a livello nazionale: 98 per 100mila abitanti che in una settimana sale da 78 a 98 casi. L’Rt resta stabile a 1,21 come la settimana scorsa e al di sopra della soglia epidemica. In leggera diminuzione, ma ancora sopra la soglia epidemica, l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero.

Aumentano i posti letto occupati dai pazienti Covid

Anche sul fronte ospedaliero l’Iss segnala un incremento dei posti letto occupati da pazienti positivi al Covid-19: il tasso di occupazione in terapia intensiva è salito dal 4,4 al 5,3%. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è salito dal 6,1 al 7,1%.

Tutte le Regioni a rischio moderato

«Tutte le 21 Regioni e Provincie autonome risultano classificate a rischio moderato. Tra queste – precisa l’Iss – una Regione è ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il DM del 20 aprile 2020». A rischiare sono il Friuli-Venezia Giulia e la provincia di Bolzano. In osservazione anche Trentino-Alto Adige, Marche e Calabria.

Difficile il contact tracing

Difficile l’attività di contact tracing. Lo testimonia il forte aumento del numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione: 15.773 contro gli 11.001 della settimana precedente. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile al 34%. Scende la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% contro il 48% della settimana precedente) e aumenta quella dei casi diagnosticati con gli screening (21% contro il 18%).

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...