Salute 13 marzo 2018

Congresso infermieri, Pulimeno (Opi Roma): «Impegniamoci a rendere il Ssn sostenibile o rischiamo di affossarlo»

«Sta a noi – sottolinea la presidente dell’Ordine di Roma – dimostrare la capacità non solo di tessere relazioni ma anche di mantenerle. Siamo pronti a prendere le nostre responsabilità»  

È stato un congresso importante quello degli infermieri che si è concluso da poco a Roma. E non solo perché anche Papa Francesco ha espresso «riconoscenza e stima» per la categoria benedicendo la neonata Federazione Nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche. Ma in primis perché è il primo dalla trasformazione del collegio in Ordine avvenuta con il ddl Lorenzin. E poi anche per i contenuti: dall’idea, rilanciata dal direttore generale Aifa Melazzini, di consentire agli infermieri di prescrivere i farmaci, all’allarme della presidente Barbara Mangiacavalli sulla carenza di infermieri. «In questo momento noi dobbiamo impegnarci a rendere questo sistema sanitario sostenibile, credo che tutti gli stakeholder lo abbiamo capito», afferma a Sanità Informazione la dottoressa Ausilia Pulimeno, presidente della dell’Ordine degli Infermieri di Roma.

LEGGI | MANGIACAVALLI (FNOPI): «INFERMIERI 40% FORZA LAVORO SSN, ISTITUZIONI CI ASCOLTINO»

Dottoressa Pulimeno, questo è il primo congresso della Fnopi, in realtà il primo di una professione che sono tanti anni che vive organizzata con tutti i suoi professionisti. Ma questo cambiamento non è solo formale. Cosa c’è nella sostanza?

«È un cambiamento sostanziale. Questo noi l’abbiamo provato subito il giorno dopo della pubblicazione della legge numero 3 del 2018. Di fatto, è cambiata anche la percezione da parte dei nostri partner, ci stanno già vivendo in maniera diversa. Prima quando eravamo collegio, anche se sostanzialmente non c’era nessuna differenza con gli ordini professionali dal punto di vista giuridico, di fatto la denominazione diversificata era come se ci tenesse un gradino più in basso. Devo dire che questo si percepisce anche nei rapporti, negli incontri. Ora sta a noi dimostrare una capacità non solo di tessere relazioni ma anche di mantenerle in modo orgoglioso, far vedere finalmente quello che sappiamo fare, le responsabilità che sappiamo assumere già da tanti anni. Ci siamo e dobbiamo mettere in campo tutte le nostre risorse, non solo materiali ma anche mentali. Quindi insieme alla denominazione dev’essere cambiata anche la mentalità perché spesso siamo noi che ci sentiamo un gradino più in basso e questo non ci aiuta. Per cui essere orgogliosi, essere capaci di esprimere quello che sappiamo fare, quello che possiamo essere e come ci posizioniamo in questo sistema».

Il ruolo dell’infermiere, così come quello del medico e in tutte le professioni sanitarie, sta cambiando. Quindi forse questo passaggio vuol dire, semplificando, mettersi seduti tutti intorno al tavolo, tutte le professioni e discutere su come affrontare la salute dei cittadini, la sanità che si sta evolvendo, le cronicità. Insomma una grande rivoluzione su cui adesso siete tutti quanti parti allo stesso tavolo. Lo eravate anche prima, ma adesso anche con la stessa denominazione.

«In questo momento noi dobbiamo impegnarci a rendere questo sistema sanitario sostenibile, credo che tutti gli stakeholder lo abbiamo capito. Chiaramente c’è bisogno di unire tutte le forze, tutte le competenze, tutte le responsabilità. Noi ci siamo dentro, ormai abbiamo assunto anche capacità di poter in qualche modo condividere delle scelte. Credo che anche i medici lo abbiano capito, forse non tutti, ma sicuramente una buona fetta, come abbiamo visto con il presidente della FNOMCeO. Una discussione che va fatta nel rispetto delle competenze reciproche. Ma intanto lavoriamo insieme per raggiungere degli obiettivi comuni. Il cittadino non può più aspettare. Il sistema, così come è organizzato oggi, non può più aspettare. Risorse ne abbiamo veramente poche per cui quelle poche o siamo in grado di gestirle tutti insieme in un certo modo e ci inserisco anche la componente sociale o altrimenti non lo so, questo sistema in qualche modo lo abbiamo affossato e forse abbiamo contribuito anche noi a questo».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Operazione “Mondo Sepolto”, la FNOPI: «Nessun infermiere coinvolto, il buon nome della professione va tutelato»
La Federazione interviene sui recenti fatti di cronaca accaduti a Bologna: «Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano, prima ancora delle leggi, il codice etico.
Infermieri e intramoenia, come funziona in Italia? Cavaliere (CID): «Più autonomia per fidelizzare paziente e combattere lavoro nero»
«L’infermiere può svolgere attività intramuraria solo in equipe, chiediamo riconoscimento e tariffe adeguate alle nostre competenze», l’appello di Bruno Cavaliere, presidente del Comitato Infermieri Dirigenti
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Change in Cardiology: a Torino cardiologi da tutto il mondo analizzano evoluzioni, cambiamenti e nuove terapie
L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il […]
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
Come usare abbreviazioni, acronimi e sigle nella prescrizione di un farmaco: arriva la raccomandazione del Ministero
L’uso di abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli, sebbene sia prassi comune durante la gestione del farmaco in ospedale e sul territorio, può causare errori e danni ai pazienti. Scrivere, ad esempio, il nome del principio attivo abbreviato invece che per esteso può portare a scambiare farmaco, oppure “1,0 mg” (invece che “1 mg”) può essere […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano