Salute 23 Novembre 2023 10:48

Cibi ultra-processati, possibile legame con tumori del tratto digestivo superiore

A sostenerlo i ricercatori dell’Università di Bristol e dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, in uno studio su di 450.111 adulti seguiti per circa 14 anni

di I.F.
Cibi ultra-processati, possibile legame con tumori del tratto digestivo superiore

Mangiare troppi cibi ultra-processati potrebbero aumentare il rischio di sviluppare tumori del tratto digestivo superiore compresi bocca, gola ed esofago. A sostenerlo i ricercatori dell’Università di Bristol e dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, in uno studio pubblicato sull’European Journal of Nutrition. Per condurre la ricerca sono stati analizzati i dati di 450.111 adulti seguiti per circa 14 anni. Lo studio ha mostrato che mangiare il 10% in più di cibo ultra-processato è associato ad un rischio del 23% maggiore di cancro della testa e del collo e ad un rischio del 24% maggiore di adenocarcinoma dell’esofago.

Il grasso corporeo, responsabile solo in parte

I ricercatori hanno voluto stabilire se l’associazione tra il consumo di questi cibi e il cancro di testa, collo e  l’adenocarcinoma dell’esofago potesse essere spiegata da un aumento del grasso corporeo. È emerso che questo elemento spiega solo una piccola parte della relazione tra i due fattori. “I cibi ultra-processati sono stati associati a peso eccessivo e aumento del grasso corporeo in diversi studi – dice Fernanda Morales-Berstein, dell’Università  di Bristol, prima autrice dello studio – Tuttavia, nel nostro studio il legame tra il consumo di questi cibi e il cancro non sembra essere ampiamente spiegato dall’indice di massa corporea e dal rapporto vita-fianchi”.

Sotto la lente additivi e contaminanti

Secondo gli autori dello studio sono in gioco altri meccanismi, ad esempio, la presenza di additivi come emulsionanti e dolcificanti artificiali, contaminanti provenienti dall’imballaggio alimentare e dal processo di produzione. Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare altri meccanismi. Tuttavia, conclude Morales-Berstein, i risultati di questo studio suggeriscono che “concentrarsi solo sul trattamento per la perdita di peso è improbabile che contribuisca in modo significativo alla prevenzione dei tumori del tratto aerodigestivo superiore legati al consumo di cibi ultra-processati”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...