Salute 23 febbraio 2017

Chiriacò (FNOMCeO): «Ecco perché una convivenza (felice) è possibile»

Ai nostri microfoni il Coordinatore dell’Osservatorio sulle Medicine e Pratiche non Convenzionali della FNOMCeO, spiega perché il settore sta ricevendo un’attenzione sempre maggiore in tutto il mondo: «Medicina tradizionale e medicina “non convenzionale” possono e, anzi, devono convivere per una cura completa al paziente. Viene prima la scienza, ma noi medici dobbiamo continuamente aggiornarci su nuove pratiche sempre più efficaci per i pazienti».

Immagine articolo

«Medicina tradizionale e medicina “non convenzionale” possono e, anzi, devono convivere per fornire ai pazienti una cura completa». Parola di Dario Chiriacò, Presidente dell’OMCeO di Rieti e coordinatore dell’Osservatorio sulle Medicine e Pratiche non Convenzionali della FNOMCeO. Nessuna contrapposizione, dunque, tra due tipi di assistenza sanitaria che «nel resto del mondo “civile” convivono senza problemi». Anche in Italia questo tipo di medicina sta riscuotendo sempre più successo, come testimonia la decisione della Commissione Nazionale ECM di riconoscere 4 crediti al mese per medici e farmacisti che frequentano corsi in materia di agopuntura, fitoterapia e omeopatia. Abbiamo chiesto al Presidente Chiriacò cosa pensa di questa innovazione.

«Non posso far altro che vedere la questione in termini positivi. Intanto, si tratta di un’attenzione ad un tipo di medicina che sta crescendo costantemente: basta vedere cosa è successo solo pochi giorni fa in Svizzera, dove la medicina non convenzionale è stata equiparata a quella ufficiale. Questo per dire come esista in Europa e nel mondo una attenzione crescente sul tema, e dunque anche questa presa di posizione in Italia relativa alla formazione ECM è da guardare in termini positivi. Ben vengano iniziative di questo genere».

Secondo lei, a cosa si deve il successo che la medicina complementare sta avendo?

«La medicina complementare, o medicina integrata, e quella ufficiale, che chiamiamo “allopatica”, vanno sempre in parallelo in tutti i Paesi civili. Per cui abbiamo ospedali in cui si praticano sia la medicina ufficiale che quelle complementari. Sotto questo aspetto, in Italia siamo un pochino indietro, nonostante l’attuale Ministro della Salute mi abbia dimostrato diverse volte una certa attenzione verso le medicine integrate. È dunque arrivato il momento di colmare questo gap. Questo interesse è uscito fuori anche nel corso dell’ultima Conferenza Stato-Regioni. Le due medicine si devono integrare: anche io devo la mia sopravvivenza al fatto che esiste una brillante medicina allopatica, che negli ultimi tempi ha fatto delle conquiste davvero notevoli, ma dobbiamo tenere conto che abbiamo anche una omeopatia che non è più quella di qualche anno fa. Entrambe sono forme di medicina che si devono assolutamente integrare per dar vita a grandissimi risultati. Perché mentre la medicina allopatica è un qualcosa di eccezionale nei casi di patologie acute e chirurgiche, ha un suo punto debole in quelle croniche, dove invece interviene con risultati senza dubbio migliori l’omeopatia, ovviamente se il medico è correttamente preparato e formato. Insomma, il cittadino sta prendendo coscienza che, fondamentalmente, c’è stato negli ultimi tempi un abuso di farmaci, che esistono una serie di sostanze tossiche nell’aria, nell’alimentazione, eccetera. L’omeopatia ha un’azione di regolamentazione, di disintossicazione, di normalizzazione di una serie di funzioni vitali fondamentali».

Per approfondire:

Chiriacò: «L’Italia è leader sull’omeopatia ma bisogna formare meglio medici e cittadini»

L’Omeopatia tra formazione e informazione: “Sfatiamo i falsi miti su questa materia”

Articoli correlati
Crollo ponte Morandi, Giulia Grillo: «Soddisfazione e orgoglio per operatori sanitari. È questa la buona sanità pubblica»
In una lettera indirizzata a Il Secolo XIX, il Ministro della Salute evidenzia la rapidità ed efficacia del sistema dei soccorsi in occasione del crollo del ponte Morandi di Genova
Infezioni ospedaliere, Klebsiella killer alle Canarie. Andreoni (SIMIT): «A rischio anche case di cura. Infettivologi poco coinvolti»
Nel 2030 ci saranno 10 milioni di morti per infezioni ospedaliere resistenti agli antibiotici. «L’OMS ha fatto questa previsione da circa due anni, adesso serve strategia mondiale» così Massimo Andreoni, Direttore U.O.C. Malattie infettive a Tor Vergata e Direttore Scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali
Napoli, il Ministro Grillo visita l’Ospedale del Mare e un uomo tenta di aggredirla
Un uomo ha tentato di aggredire il Ministro della Salute Giulia Grillo all’ingresso dell’Ospedale del Mare a Napoli. È stato bloccato dalla scorta e non è quindi riuscito ad avvicinarsi al Ministro, in visita al reparto chiuso dal primario per consentire al personale di partecipare alla sua festa. L’aggressore voleva denunciare la sospensione delle attività mediche […]
È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia
Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, tra gli esponenti pentastellati si è sempre distinta per competenza ed equilibrio e le sue posizioni sul delicatissimo tema dei vaccini sono sempre state orientate al rispetto della verità medico-scientifica | GUARDA L’INTERVISTA CON SANITÀ INFORMAZIONE
Sanità, i consigli dell’ex Ministro Garavaglia: «Mettersi sempre nei panni del paziente. Servono scelte drastiche per tutelare Ssn»
L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa sottolinea l’importanza di puntare su innovazione e tagli agli sprechi. Poi aggiunge: «Fondamentali i presidi sul territorio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila