Salute 7 ottobre 2014

Chi controlla le App che “tengono il polso” della nostra salute?

Le nuove tecnologie applicate al campo medico confermano le loro potenzialità, ma cresce l’esigenza di un ente certificatore. Una sfida raccolta con il progetto del Medical App Certificate

Immagine articolo

Risolti i problemi di HealthKit, ora anche Apple ha arricchito il già vasto mondo della tecno-salute. Attraverso I-phone e tablet  si potrà costantemente tenere sotto controllo il proprio corpo, seguire diete personalizzate, fare attività fisica e persino corsi di yoga.

Tutti i dati confluiranno nella App Salute di Apple, fornendo un quadro completo per l’utente che a sua volta può condividerlo con il medico. Stando alle indiscrezioni, a Cupertino si starebbe lavorando per portare l’HealthKit negli ospedali. L’obiettivo sarebbe creare una sorta di hub dei dati sanitari raccolti che, con l’autorizzazione degli utenti, consentirebbe ai medici di tenere sotto controllo le condizioni dei pazienti tra una visita e l’altra.

Sarebbe un salto di qualità notevole per una sanità che ha già sperimentato, compreso e apprezzato le straordinarie potenzialità delle nuove tecnologie ed in particolare delle App: è ormai assodato che migliorano la qualità dei servizi, supportano i professionisti e garantiscono quei risparmi che tutte le amministrazioni pubbliche rincorrono in tempi di spending review. Anche l’Italia, soprattutto da quando ha assunto la presidenza del Consiglio della Ue, sta “azionando”  la leva della sanità elettronica, non solo organizzando conferenze sull’E-Health, ma sviluppando una sfilza di progetti digitali.

Una politica necessaria – non solo ovviamente per l’Italia –  per stare al passo con i tempi e con un mercato che si sta espandendo in maniera inarrestabile su scala mondiale. Una crescita difficile da monitorare, ma che è necessario tenere sotto controllo certificando le applicazioni. Questo è il presupposto che anima il progetto del Medical App Certificate. Un’organizzazione internazionale indipendente – l’Imab – nata  proprio con l’obiettivo di fornire una certificazione autorevole alle App sviluppate in ambito medico. Questo compito è affidato ad un Comitato scientifico composto da personalità di caratura internazionale provenienti dal mondo della Sanità e dell’Università. L’Imab opera tra Roma, Lugano e Londra e – anche in virtù di questa sua trasversalità – costituisce, ad oggi, il primo organo certificatore, sia pubblico che privato, in Europa.

Per informazioni è disponibile il sito www.medicalappcertificate.com

Articoli correlati
Come sarà l’ospedale del futuro? «App e Big Data protagonisti», parlano IBM e Apple
Il futuro della sanità è digitale, a testimoniarlo i progetti all’avanguardia del Policlinico Abano Terme e dell’ospedale Vannini di Roma. Nezha (IBM-Apple): «App tecnologiche che agevolano il lavoro dei medici e degli infermieri». Rizzetti (Vannini): «Con tablet e smartphone per i medici meno possibilità d’errore»
Arriva direttamente dalla Casa Bianca l’invito a puntare su App formazione web
Ai microfoni di Sanità informazione Susan J. Blumenthal Consigliere per la Sanità Pubblica del Presidente degli Stati Uniti Obama: «Innovazione per rivoluzionare la sanità»
Sanità internazionale
La corsa delle App mediche 
Medici e pazienti “pazzi” per le App: il Ministero della Salute studia un Regolamento
Istituito tavolo ministeriale ad hoc per gestire un fenomeno dilagante e dai numeri impressionanti
Le App mediche “fanno bene” ma ora bisogna certificarlo
Migliorano la qualità, velocizzano le operazioni e, secondo la Ue, farebbero risparmiare 99 miliardi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila