Salute 29 Gennaio 2024 16:13

Cervello, per restare in forma gli bastano 25 minuti di esercizio fisico a settimana

L’autore della ricerca: “L’obiettivo era studiare per la prima volta gli effetti potenzialmente positivi sul cervello di una piccola quantità di ginnastica di vari tipi, rispetto a quanto emerso da tempo sull’ importanza di almeno 150 minuti di attività a settimana per un impatto sulla salute neurologica”

Cervello, per restare in forma gli bastano 25 minuti di esercizio fisico a settimana

Buone notizie per i più pigri: per restare in forma al cervello bastano 25 minuti di esercizio fisico a settimana. Meno di mezz’ora di allenamento ogni sette giorni consentono di aumentarne il volume e, di conseguenza, favorire un possibile rallentamento della perdita di memoria e delle capacità cognitive, soprattutto nei soggetti più anziani. In altre parole, almeno stando ai risultati di uno studio pubblicato sul ‘Journal of Alzheimer’, per diminuire i rischi di sviluppare o comunque del progredire delle demenze, Alzheimer compreso, non servirebbe un’attività motoria di almeno 150 a settimana, come mostrato da ricerche precedenti.

Analizzati i cervelli di 10mila persone sane

Prima di giungere a questa conclusione Cyrus A. Raji, professore di neurologia alla Washington University di St. Louis, ha analizzato radiografie e tac dei cervelli di circa 10mila persone sane, tra i 18 ed i 97 anni di età, dividendoli in due gruppi: uno che faceva in media almeno 25 minuti di movimento a settimana, e chi non faceva esercizio. “L’obiettivo – ha spiegato lo stesso Raji – era studiare per la prima volta gli effetti potenzialmente positivi sul cervello di una piccola quantità di ginnastica di vari tipi, rispetto a quanto emerso da tempo sull’ importanza di almeno 150 minuti di attività a settimana per un impatto sulla salute neurologica”.

Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale

Con l’ aiuto dell’Intelligenza Artificiale, i ricercatori hanno analizzato i dati degli scan cerebrali, la quantità di esercizio fisico degli individui e le differenze nel volume del cervello in aree diverse. I ricercatori hanno concluso che chi faceva i 25 minuti di movimento moderato a settimana, come camminate, un giro in bicicletta, nuoto o qualunque altra forma di attività motoria, aveva un volume globale del cervello più ampio in ogni tipologia di tessuto, inclusa la materia grigia i cui neuroni che sostengono e connettono le cellule del ragionamento. Non solo: queste persone hanno evidenziato anche un ippocampo più largo, ovvero l’area deputata alla memoria ed al ragionamento, nonché un più vasto volume dei lobi frontali, parietali e occipitali. Tutti indicatori di un cervello robusto e sano.

Le conclusioni della ricerca

L’ ipotesi è che la grandezza del cervello induca il rilascio di sostanze neuro-chimiche che a loro volta portano allo sviluppo di nuove cellule cerebrali e di nuove vene. “I dati emersi sono sorprendenti e incoraggianti”, dice Raji pur riconoscendo che lo studio evidenzia semplicemente l’ associazione tra i 25 minuti di esercizio a settimana ed il più consiste volume del cervello rispetto a chi non si muove. Ma ciò che avvalora questa ricerca più di ogni altra cosa è la sua dimensione: “I dati sono molti (10mila persone sane tra i 18 ed i 97 anni) e riguardano tutte le età testimoniando – conclude il ricercatore – la realtà dell’ effetto sul volume cerebrale”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Salute

Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni

Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste son...
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...