Politica 31 Ottobre 2018

Celiachia, arriva il Ddl della Lega che obbliga ristoranti e distributori in tutta Italia a vendere cibo gluten free

La proposta delle deputate Murelli, Lorenzoni e Locatelli prevede anche di specificare il contenuto di glutine nei bugiardini ma anche di formare i ristoratori e quanti operano in strutture turistiche e alberghiere: «Servono stesse regole per l’acquisto di cibo senza glutine»

Una proposta di legge fatta di soli quattro articoli che potrebbe cambiare in meglio la qualità di vita dei pazienti affetti da celiachia. Il Ddl è stato presentato da tre deputate della Lega: Elena Murelli, Eva Lorenzoni e Alessandra Locatelli.

L’obiettivo della legge è quello di obbligare ristoranti e distributori automatici a vendere cibo glutin free e garantire così a 600mila persone celiache di poter acquistare con la tessera sanitaria ovunque alimenti senza glutine. La normativa ad oggi varia da regione a regione poiché il Ministero della Salute non si è mai avvalso della facoltà di definire le modalità organizzative per l’erogazione di tali prodotti, per cui l’applicazione delle norme-quadro nazionali avviene in modo assai diversificato. Ma la legge va oltre e prevede anche, tra le altre cose, misure sui foglietti illustrativi dei prodotti farmaceutici e per il reinserimento sociale dei soggetti affetti da celiachia.

LEGGI IL PROGETTO DI LEGGE SULLA VENDITA DEI PRODOTTI PER CELIACI

«Servono stesse regole in tutta Italia per l’acquisto di cibo senza glutine – afferma Murelli -. La nostra pdl vuole uniformare la possibilità di acquistare prodotti dedicati anche in esercizi commerciali e farmacie, con la tessera sanitaria, e prevede di specificare il contenuto di glutine nei bugiardini, ma anche di formare i ristoratori e quanti operano in strutture turistiche e alberghiere. Ad oggi non è infatti ancora obbligatorio prevedere cibi gluten free nei menu. E questo avviene anche in aeroporti, stazioni, bar e distributori automatici dentro gli ospedali, scuole o università, servizi ristorazione nei treni o negli aerei».

LEGGI ANCHE: CONVIVERE CON LA CELIACHIA

Il presente disegno di legge consta di quattro articoli. L’articolo uno interviene sulla tipologia di interventi nazionali e regionali diretti a favorire il normale inserimento nella vita sociale dei soggetti affetti da celiachia, prevedendo la necessità di una preparazione e aggiornamento professionali non solo del personale sanitario, ma anche di quello del settore della ristorazione, del turismo e alberghiero. L’articolo due apporta modificazioni in tema di «Diagnosi precoce e prevenzione» prevedendo il miglioramento della diffusione di un aggiornato protocollo di diagnosi, da inserirsi nei piani sanitari regionali, per una corretta e precoce diagnosi di celiachia. L’articolo tre interviene sulle modalità di erogazione dei prodotti senza glutine prevedendo che le Regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, nell’ambito del Fascicolo sanitario elettronico, predispongano l’attivazione, tramite le tessere sanitarie, dell’acquisto dei prodotti senza glutine nelle farmacie e presso tutti gli esercizi commerciali. In più, l’acquisto tramite tessera sanitaria di prodotti senza glutine viene indistintamente consentito sull’intero territorio nazionale. Prevede altresì che i punti di ristoro dei luoghi pubblici e i distributori automatici di alimenti dell’intero territorio nazionale debbano offrire anche alimenti privi di glutine.

LEGGI ANCHE: CELIACHIA, MINISTERO DELLA SALUTE:«CASI IN AUMENTO, SOPRATTUTTO TRA LE DONNE»

 

 

Articoli correlati
Salute mentale, Regimenti (Lega): «Da Ue risorse e azioni mirate per combattere depressione e suicidi»
«Risultato ottenuto nel quadro dei lavori di negoziazione del Programma salute 2021-2027, di cui sono stata co-relatrice per il mio gruppo parlamentare 'Identità e Democrazia'» spiega l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Salute, Cavandoli (Lega): «Sostegno a Pandas-day, Stato riconosca malattia che colpisce bambini»
«Impegniamoci tutti perché lo Stato la riconosca e investa in ricerca e cure e soprattutto perché questi bambini non vengano trattati come malati psichiatrici, visto che la maggior parte dei pazienti migliora con un trattamento antibiotico» sottolinea la deputata della Lega Laura Cavandoli
Specializzandi, Toccalini (Lega): «Sbloccare subito graduatoria, Miur intervenga» 
Il coordinatore della Lega giovani chiede che il Miur faccia chiarezza dopo il rinvio della pubblicazione delle graduatorie degli specializzandi
Ue, Regimenti (Lega): «Con nuovo Patto immigrazione rischio emergenza sanitaria in Europa»
«I centri di accoglienza di Lampedusa e Pozzallo, in particolare, che sono ormai inadeguati a ricevere ospiti in sicurezza sanitaria, sia per il rischio Covid sia per quello di contagio di malattie infettive diffusive, come tubercolosi, epatiti, scabbia» spiega l'eurodeputata della Lega
Covid-19, Regimenti (Lega): «Plauso a ricercatori Bambino Gesù per scoperta nuova patologia infiammatoria bimbi»
«Risultato che apre interessanti prospettive per la messa a punto di un protocollo di cura coerente con i sintomi di questa malattia pediatrica» sottolinea l'eurodeputato del Carroccio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...