Salute 21 Giugno 2019

Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi

Secondo gli ultimi dati aggiornati, all’appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti

Immagine articolo

«Nel 2025 mancheranno 8 mila medici nell’Emilia Romagna che è tra le Regioni preferite dai medici stranieri per studio e lavoro». Così l’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) con la collaborazione del Movimento internazionale “Uniti per Unire” continua ad anticipare altre statistiche importanti e costruttive che saranno presentate durante il Congresso Amsi che si svolgerà il prossimo 22 giungo presso la clinica Ars Medica con la presenza del presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri che commenterà i dati e proposte Amsi con altre autorità ed esperti.

«Riguardo le carenze di medici e le richieste che arrivano all’Amsi quasi tutti i giorni e che hanno avuto un incremento del 40% negli ultimi 3 mesi, dopo la campagna mediatica sollevata proprio dall’Amsi, in Emilia Romagna dal 01 gennaio 2018, dati aggiornati al 31 maggio 2019, sono di 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti arrivate da strutture pubbliche e private della regione e in particolare sono stati maggiormente richiesti radiologi, anestesisti, medici d’urgenza, fisiatri, ortopedici, chirurghi, ginecologi, pediatri, medici termali e medici di famiglia. Le città che hanno chiesto maggiormente professionisti della sanità di origine straniera sono Bologna, Forlì, Cesena, Ravenna, Parma, Cesenatico, Cervia, Milano Marittima, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e località turistiche», si legge nella nota diffusa da Amsi. «Sicuramente la Regione Emilia Romagna è tra le regioni preferite sia per studiare che lavorare dai professionisti della sanità di origine straniera in Italia, insieme a Toscana, Umbria, Lazio, Puglia, Campagna, Sicilia e Piemonte».

LEGGI: EX SPECIALIZZANDI, FOAD AODI(AMSI): «RESA GIUSTIZIA A TANTI MEDICI CHE LOTTANO PER I LORO DIRITTI»

«Inoltre in base al numero di strutture pubbliche, policlinici universitari e strutture private secondo le nostre statistiche entro il 2025 mancheranno più di 8 mila medici – prosegue la nota – e lo dimostra il fatto che le richieste giunte all’Amsi sono dalle strutture sanitarie pubbliche in particolare pronti soccorso, guardia medica ,ambulanze, poliambulatori privati e convenzionati, centri di fisioterapia, centri per analisi del sangue e località turistiche visto l’affollamento delle spiagge di turisti», dichiara il fondatore dell’Amsi e membro della Commissione Fnomceo “Salute Globale” Foad Aodi che frequenta per motivi famigliari Cesentatico dal 1988 e conosce molto bene la realtà della sanita in Emilia-Romagna dove esercita di estate.

Infine, Aodi invita a rivedere la stesura dei concorsi e le condizioni dei contratti a tempo determinato ed aggiornali alla situazione economica e sanitaria di oggi per incentivare sia i medici italiani sia i medici stranieri a partecipare e non disertare e fuggire all’estero come si sta verificando negli ultimi 5 anni che sono arrivati più di 5000 richieste all’Amsi da parte di medici italiani (medici giovani e medici in pensione la maggioranza) per andare all’estero.

Articoli correlati
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)