Salute 22 Novembre 2019 18:00

Caregiver, in Lombardia associazioni lanciano proposta di legge: «Tutelare chi si deve assentare dal lavoro per accudire un familiare»

L’iniziativa lanciata da Acli e altre realtà del terzo settore lombardo, ha accolto il plauso di Regione Lombardia. La vicepresidente della Commissione Sanità Simona Tironi: «Riconoscere un profilo di contributi assicurativi, perché svolgere questo lavoro non deve essere un sacrificio»

di Federica Bosco

Li chiamano invisibili, sono il popolo dei caregiver che in Lombardia conta 450 mila persone, sono familiari, coniugi, figli o genitori.  Uno su due vive con l’anziano o con la persona con disabilità a cui presta assistenza per più di 20 ore settimanali. Eppure, oggi queste figure si sentono isolate, poco sostenute e prive di riferimenti. Una mancanza avvertita dal terzo settore che ha avviato l’iter per una proposta di legge popolare. Promotori dell’iniziativa sono alcuni tra le principali associazioni lombarde: Acli, Forum del Terzo Settore, Arci, ANCeSCAO, SPI CGIL, FNP CISL pensionati, ANTEAS, UILP, ADA, ANCI.

«Questo è un tema che sta diventando sempre più importante. – spiega Attilio Rossato, Presidente di Acli Lombardia –. È un’esigenza importante e quindi occorre una legge che tuteli le persone che devono assentarsi dal lavoro per prendersi cura dei famigliari. Devono essere tutelate per il presente, ma anche per il futuro».

LEGGI ANCHE: TERAPIE PIÙ SICURE, NUOVE TECNOLOGIE E SUPPORTO AI CAREGIVER PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DI VITA DEGLI ANZIANI

Quali sono gli elementi fondamentali su cui si basa questa proposta di legge?

«Ci siamo concentrati più che sulle risorse, sui servizi di cui queste persone hanno bisogno. Un tema sicuramente importante è quello legato al lavoro soprattutto quello femminile, che già vive grandi difficoltà. L’altro aspetto è quello di mettere a disposizione strumenti che permettano a queste persone di prendersi cura anche di loro stessi. In alcuni casi esistono già, ma sono poco conosciute».

Quindi l’iter di questa proposta di legge quale sarà?

«Siamo partiti da ottobre, fino a marzo avremo il tempo per la raccolta firme. Il nostro obiettivo è di arrivare entro la fine dell’anno a raggiungere il numero minimo e poi cercheremo di superarlo».

Anche Regione Lombardia, che ha approvato nei giorni scorsi uno stanziamento record di 202 milioni di euro in ospedali e Istituti di ricerca, ha avviato l’iter per una proposta di legge per i caregiver, come ha confermato Simona Tironi, vicepresidente della III Commissione Sanità.

«Abbiamo depositato un progetto di legge che eravamo pronti a discutere, iniziando l’iter nella III Commissione Sanità – ha commentato la Vicepresidente – ma abbiamo deciso di fermarci e aspettare i contenuti della proposta di legge popolare che arriveranno perché vogliamo fare un lavoro di massima condivisione, ascoltando chi ogni giorno vive la condizione difficile di essere un caregiver non per scelta, ma per forza. La figura del caregiver non deve essere un sacrificio, ma un diritto e deve essere una figura formata a prendersi cura nel migliore dei modi del paziente e della persona che ha accanto. La nostra riforma ha obiettivi precisi: condivisione tra ospedale e territorio e quindi la cura a domicilio, ecco perché la figura del caregiver è centrale e fondamentale. Nel nostro passaggio di legge ciò che vogliamo fare è supportare a 360° la figura del caregiver e riconoscerla in un profilo di contributi assicurativi, perché svolgere questo lavoro non deve essere un sacrificio, ma un ruolo importante accanto al paziente che ne ha bisogno».

Articoli correlati
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano
Le proposte del segretario della commissione sanità: «Formazione universitaria sul territorio per gli aspiranti MMG e Municipi punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali»
di Federica Bosco
Milano, il ruolo dei volontari di strada per la gestione degli invisibili
Cisom, Medici Volontari e Progetto Arca al fianco di chi vive in strada (prima, durante e dopo la pandemia)
di Federica Bosco
Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia
Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»
di Federica Bosco
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva