Salute 2 Luglio 2024 17:18

Carcinoma uroteliale, via libera a monoterapia orale dal Chmp dell’Ema

L’autorizzazione all’immissione in commercio riguarda erdafitinib, un trattamento per pazienti adulti con carcinoma uroteliale non resecabile o metastatico, che presentano alterazioni genetiche FGFR3 sensibili

Carcinoma uroteliale, via libera a monoterapia orale dal Chmp dell’Ema

Janssen-Cilag International, società di Johnson & Johnson, ha annunciato che il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha raccomandato l’autorizzazione all’immissione in commercio di erdafitinib come monoterapia orale una volta al giorno per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma uroteliale non resecabile o metastatico, che presentano alterazioni genetiche FGFR3 sensibili e che hanno ricevuto in precedenza almeno una linea di terapia contenente un inibitore di PD-1 o PD-L1 nel trattamento non resecabile o metastatico. Erdafitinib è la prima terapia mirata a ricevere una raccomandazione positiva del Chmp in questa popolazione di pazienti” .

L’Europa ha uno dei tassi di cancro alla vescica più alti al mondo, con quasi 225mila pazienti diagnosticati nel 2022 , che rappresentano un aumento del 10% rispetto al 2020. La forma più comune di cancro alla vescica è il carcinoma uroteliale e fino al 20% dei pazienti con UC metastatico (mUC) presenta alterazioni di FGFR. Sfortunatamente, la prognosi rimane sfavorevole per i pazienti con mUC, con solo l’8% delle persone diagnosticate in uno stadio metastatico avanzato che sopravvive per cinque anni o più.

“Le alterazioni di FGFR sono importanti fattori oncogenici nel carcinoma uroteliale e possono essere associate a esiti clinici sfavorevoli – spiega Yohann Loriot, dell’Institut Gustave Roussy e Università di Parigi-Saclay, Francia -. Poiché miriamo a ottimizzare i risultati del trattamento per i pazienti, vi è un significativo bisogno insoddisfatto di nuove terapie mirate che consentano di prendere decisioni terapeutiche personalizzate in base alle caratteristiche genetiche e patologiche individuali del paziente”, conclude Loriot.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...