Salute 23 Maggio 2024 12:33

Cannabis, tra gli adolescenti aumenta il rischio di disturbi psicotici fino a 27 volte

A parità di consumo giovani e adulti, invece, non corrono lo stesso rischio. Lo studio dell’università di Toronto, pubblicato sulla rivista ‘Psychological Medicine’

Cannabis, tra gli adolescenti aumenta il rischio di disturbi psicotici fino a 27 volte

Gli adolescenti che fanno uso di cannabis hanno un elevato rischio di manifestare disturbi psicotici. A parità di consumo giovani e adulti, invece, non corrono lo stesso rischio. A dimostrarlo, dettagliandone anche le probabilità, è un nuovo studio dell’università di Toronto pubblicato sulla rivista ‘Psychological Medicine‘ e condotto su 11mila teenager e su una popolazione di giovani tra i 20 e i 33 anni. Gli scienziati canadesi hanno condotto questo studio convinti che i dai raccolti negli anni passati non rispecchiassero la realtà contemporanea: “La ricerca epidemiologica suggerisce che il consumo di cannabis da parte dei giovani è associato a disturbi psicotici – spiegano i ricercatori nell’abstract della pubblicazione -. Tuttavia, le prove attuali si basano sui dati di quando la cannabis era sostanzialmente meno potente di oggi”. In altre parole, le sostanze attualmente in circolazione avrebbero effetti collaterali peggiori di quelli riscontrati fino a qualche decina di anni fa.

Marijuana e disturbi psicotici

Per i ricercatori i ragazzi che hanno consumato marijuana nel corso dell’anno precedente le probabilità di psicosi sono risultate addirittura di 11 volte più alte rispetto ai ragazzi che non avevano usato marijuana. L’ analisi non ha invece riscontrato effetti simili negli altri partecipanti alla ricerca, che avevano tra i 20 ed i 33 anni.  Gli studiosi si sono poi soffermato sugli adolescenti finiti in pronto soccorso a causa di episodi psicotici: “Quando vediamo dei ragazzini con sintomi psicotici, quasi sempre sono giovani che utilizzano cannabis”, assicura Leslie Hulvershorn, direttore di psichiatria alla Indiana University. Tra i casi finiti in pronto soccorso analizzati dai ricercatori di Toronto, 5 su 6 avevano consumato marijuana e il loro rischio di manifestare disturbi psicotici è risultato essere 27 volte maggiore tra chi aveva usato cannabis.

Le conclusioni dei ricercatori

“Questo studio – spiegano i ricercatori nelle conclusioni della pubblicazione – fornisce nuove prove di un’associazione forte, ma dipendente dall’età, tra uso di cannabis e rischio di disturbo psicotico, in linea con la teoria dello sviluppo neurologico secondo cui l’adolescenza è un periodo vulnerabile per l’uso di cannabis. La forza dell’associazione durante l’adolescenza è risultata essere notevolmente maggiore rispetto a quella rilevata dagli studi precedenti, forse – concludono – riflettendo il recente aumento della potenza della cannabis”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...