Salute 14 Luglio 2023 12:02

Cancro, HIV, disfunzioni ovariche, malattie rare genetiche e metaboliche: all’UniCamillus sette progetti di ricerca

Il Rettore: «Un grande traguardo conseguito grazie alla rilevanza dei fini terapeutici e diagnostici dei progetti presentati che hanno ottenuto i finanziamenti del MUR»

Cancro, HIV, disfunzioni ovariche, malattie rare genetiche e metaboliche: all’UniCamillus sette progetti di ricerca

«Sono ben 7 i Progetti di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN) per cui l’eccellenza accademica UniCamillus ha ottenuto i finanziamenti del MUR (Ministero dell’Università e della Ricerca). Un grande traguardo quello raggiunto dal nostro Ateneo, conseguito grazie alla rilevanza dei fini terapeutici e diagnostici dei progetti presentati», dice il Rettore dell’Università, Gianni Profita. «Questi progetti coprono una vasta gamma di settori delle Life Sciences – continua il professore Emiliano Maiani, Delegato alla Ricerca UniCamillus – mostrando la vastità delle competenze dei nostri docenti». In tre dei progetti finanziati, i docenti UniCamillus ricoprono il ruolo di Principal Investigator, a testimonianza del loro ruolo di guida nella ricerca scientifica.

Lotta alle infezioni da HIV e SARS-CoV2

Il primo in ordine cronologico di approvazione è il progetto della professoressa Roberta Nardacci, docente di Biologia Applicata presso UniCamillus, che mira a testare come l’attivazione di un processo cellulare chiamato autofagia tramite somministrazione di vitamina D possa indurre un miglioramento della risposta immunitaria alle infezioni da HIV e SARS-CoV-2.

Nuove terapie contro il cancro al seno e alla tiroide

Il secondo PRIN, condotto dal professore Luigi Maria Larocca (Anatomia Patologica) si prefigge di trovare strumenti diagnostici e terapeutici idonei al controllo del cancro della tiroide. Alle cure contro il tumore è dedicato anche il progetto della professoressa Monica Benvenuto (Patologia Generale): il focus sarà l’identificazione di nuovi biomarcatori per predire il rischio di metastasi ossee che affliggono le donne colpite da carcinoma mammario e per individuare la migliore strategia terapeutica.

Il ruolo delle staminali contro disturbi ovarici e malattie genetiche

Anche il PRIN della professoressa Francesca Klinger (Istologia) è riservato alla salute delle donne, per trovare soluzioni mirate a trattare i disturbi della fertilità femminile, con l’utilizzo delle cellule staminali mesenchimali adipose. Il professore Gianfranco Peluso (Alimentazione e Promozione della Salute), invece, si dedicherà ad un’indagine volta a controllare la rara patologia da mutazione genetica IQSEC2 che, tra i suoi sintomi, annovera disabilità intellettive, crisi epilettiche e comportamenti simili all’autismo. Protagoniste dello studio saranno le cellule staminali MUSE.

Curare la malattia di De Vivo e la Distonia Generalizzata

Trova spazio anche la ricerca nel campo delle sindromi metaboliche, come nel caso della malattia di De Vivo, nota come deficit di GLUT1, un’importante proteina che permette l’ingresso del glucosio nelle cellule e la cui carenza inficia pesantemente la qualità di vita di chi ne soffre. Ad occuparsi dello sviluppo di nuove tecniche in grado di attivare questa proteina sarà il progetto del professore Giacomo Lazzarino (Biochimica). Il ruolo di una proteina sarà anche il focus dell’ultimo PRIN accettato: quello del professore Sciamanna (Anatomia Umana), che analizzerà la funzione della torsina A nel trattamento di disturbi motori come la distonia generalizzata. «Siamo estremamente orgogliosi dei nostri docenti e delle loro eccezionali ricerche, che contribuiranno al progresso nelle scienze e al benessere dei pazienti– dichiara Maiani – Per questo continueremo a sostenere e a promuovere la ricerca di alta qualità presso l’Ateneo».
I ricercatori UniCamillus collaboreranno con i colleghi delle Università romane La Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre, nonché con le Università di Napoli Luigi Vanvitelli e Federico II, e con le Università degli Studi di Messina, L’Aquila, Catania, Siena e Pavia. Preziosa anche la partecipazione del Policlinico Gemelli di Roma.

 

 Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...