Salute 18 Giugno 2024 16:27

Cancer survivors day, LILT: “Sedute di yoga gratuite in tutta Italia per celebrarlo”

Un intervento non farmacologico come lo yoga aiuta a contrastare gli effetti avversi e invalidanti del cancro. Attraverso la meditazione e le tecniche di rilassamento, lo yoga è in grado di migliorare la qualità della vita

Cancer survivors day, LILT: “Sedute di yoga gratuite in tutta Italia per celebrarlo”

Una seduta di yoga: è così che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ha deciso di celebrare il Cancer survivors day, la ricorrenza nata negli Stati Uniti che dal 1988 cade la prima domenica di giugno. I benefici che questa disciplina conferisce a chi ha avuto un tumore sono stati dimostrati da numerose ricerche e studi. Un intervento non farmacologico come lo yoga aiuta a contrastare gli effetti avversi e invalidanti del cancro. Attraverso la meditazione e le tecniche di rilassamento, lo yoga è in grado di migliorare la qualità della vita. La lezione non è dedicata solamente ai pazienti oncologici, ma anche a famigliari, amici, caregiver, operatori sanitari e a tutti coloro che desiderano esprimere vicinanza ai malati.

I benefici dello yoga

L’attività fisica fa bene anche a chi non ha avuto una diagnosi di tumore. Molteplici studi dimostrano che fare sport riduce il rischio dell’insorgere di malattie e di tumori. Riguardo a quest’ultimi, solo nel 2023 nel nostro Paese sono state stimate circa 400mila nuove diagnosi, mentre i cancer survivors sono 3,6 milioni: il 5,7% della popolazione. Di questi, il 53% sono donne e il 47% uomini. Grazie a campagne di prevenzione, alla diagnosi precoce e all’intervento terapeutico, la sopravvivenza ai tumori è aumentata del 37% negli ultimi 10 anni e i cancer survivors ne sono la prova vivente. Tuttavia, chi ha attraversato la malattia oncologica si trova con un nuovo obiettivo: ricominciare a vivere. Il Cancer survivors day è proprio l’occasione per ricordare ai pazienti oncologici che non sono soli e che esistono realtà come LILT che possono aiutarli a convivere con la malattia in modo più consapevole, come se fosse una malattia cronica.

L’impegno della LILT

“Da anni LILT fornisce a chi ha sviluppato un cancro servizi e strumenti come l’assistenza domiciliare, la riabilitazione psico-fisica e il supporto per il reinserimento sociale e occupazionale del malato e dei suoi familiari. Celebrare questa ricorrenza significa dimostrare ancora una volta la nostra vicinanza agli oltre tre milioni di cancer survivors italiani, offrendo loro l’opportunità di praticare attività fisica all’aria aperta e di vivere un momento di condivisione durante il quale potersi confrontare con altre persone che hanno attraversato esperienze simili e magari essere da esempio grazie al racconto del proprio vissuto. L’auspicio è che il prossimo anno altre LILT aderiscano all’iniziativa per festeggiare la vita che continua in più città italiane”, commenta Francesco Schittulli, presidente LILT Nazionale.

Dove, quando e come partecipare

Lo scorso anno, prima edizione del Cancer survivors day, l’evento era stato organizzato nella sola città di Milano a cui quest’anno farà da sfondo la piazza del Duomo (alle ore 9).

Le altre città coinvolte sono:

  • Biella (alle 18.30 presso Spazio LILT, via Ivrea 22);
  • Catanzaro (alle ore 18.00 presso il lungomare di Soverato Giovanni Paolo II)
  • Roma (alle 18.30 a Villa Doria Pamphili, ingresso di Via Vitellia 102).

La partecipazione è gratuita, fino ad esaurimento posti disponibili, con iscrizione obbligatoria. In caso di maltempo, l’evento sarà posticipato, se possibile. Gli iscritti saranno avvisati con una email all’indirizzo comunicato in fase di iscrizione. (per informazioni e iscrizioni: www.celebriamolavita.it)

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...