Salute 20 Dicembre 2019

Campania, la Sanità post commissariamento. Coscioni: «Sui Lea fatto un miracolo, ora abbattiamo liste d’attesa»

Intervista al Consigliere del presidente della Regione per i temi riguardanti la Sanità. Nelle sue parole un percorso con ampi margini di miglioramento sia in tema di organizzazione che di attenzione al paziente

Immagine articolo

«L’uscita dal Commissariamento era un atto dovuto, e averlo ottenuto è per noi, finalmente, il riconoscimento di tutti gli sforzi e i sacrifici messi in campo in questi anni». A parlare è Enrico Coscioni, Consigliere del presidente della Regione per i temi riguardanti la Sanità. E ci parla di un percorso naturalmente ancora perfettibile, con ampi margini di miglioramento sia in tema di organizzazione che di attenzione al paziente. Proprio l’umanizzazione sembra essere il concetto chiave di questo nuovo capitolo per la sanità in Campania. «Considerando il punto da cui partivamo – dichiara Coscioni – aver aumentato in modo esponenziale i Livelli Essenziali di Assistenza senza intaccare le risorse di bilancio è un risultato straordinario. Ora inizia un’altra fase, quella dell’umanizzazione. Il cittadino deve tornare al centro del Servizio Sanitario Regionale, e questo si concretizza anche attraverso un miglioramento della possibilità di prenotare visite, di avere un accesso diretto alle liste d’attesa, la presa in carico grazie alle reti, e la rete oncologica che dal momento delle diagnosi accompagna il paziente lungo tutto il percorso della terapia e riabilitazione». Con un ruolo importante giocato dalle nuove tecnologie: «Grazie al nuovo progetto informatico Sinfonia, rivolto agli utenti e agli operatori, sarà possibile grazie a una semplice App sullo smartphone di accedere a questo tipo di servizi».

Ci sono ancora molti fattori che tuttavia non contribuiscono a restituire appeal alla professione sanitaria, concorrendo ad esasperare la carenza di personale. Ecco le possibili soluzioni: «Col Patto per la Salute che si sta per chiudere – rivela Coscioni – sarà sancita la possibilità di derogare ai tetti per il personale, e abbiamo incrementato notevolmente il numero di accessi alle Specializzazioni. La Regione Campania ha avuto solo da un anno lo sblocco del turn over, per cui adesso è tutto un fiorire di concorsi. Il problema delle aggressioni è indubbiamente una nota dolente. Da medico so bene quanto difficile sia avere a volte un confronto non sereno con l’utenza. Credo sia importante procedere in un ottica di certezza della pena per chi compie questo tipo di reati, e si possa finalmente giungere a un decreto legislativo che preveda l’attribuzione della qualifica di pubblico ufficiale per il medico nell’esercizio del proprio lavoro».

Altrettanto importante è valorizzare le realtà positive della sanità ragionale per porre un freno alla migrazione sanitaria dei pazienti: «E’ anche questa una criticità legata all’organizzazione: le eccellenze ci sono e stanno emergendo anche agli occhi dell’opinione pubblica, grazie al fatto che abbiamo investito in edilizia sanitaria, attrezzature, personale. Lo zoccolo duro – conclude Coscioni – è ora legato alle liste d’attesa, procediamo con l’abbattimento e vedrete che i cittadini campani torneranno a rivolgersi alle strutture del territorio».

Articoli correlati
Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»
Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»
Campania, ancora stand-by sui test sierologici. Confronto serrato tra Regione e laboratori
Ciaramella (Consigliere Regione Campania): «Rete laboratoristica partner fondamentale, lavoriamo per trovare un’intesa che guidi fase 2»
Coronavirus, De Luca: «Da Roma arrivate mascherine del coniglietto Bunny»
«Ecco una delle 552mila mascherine arrivate dalla Protezione civile. Ci vuole veramente una fantasia molto accesa per definirle mascherine, a meno che non si pensi a quelle che usano i nostri nipoti a Carnevale». Così Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, in una diretta Facebook in cui ha fatto il punto della situazione regionale […]
Coronavirus Campania, torna a casa il “paziente 1”: «Arrivò da Milano senza sintomi, infettati in 7»
Parla il titolare dello studio legale in cui lavora l’avvocato che, nelle scorse settimane, era stato indicato anche dal Presidente De Luca come il primo caso di Coronavirus nella Regione. «Era stato definito irresponsabile ma sia lui che noi dello studio abbiamo preso tutte le precauzioni possibili»
Coronavirus, De Luca: «Sud ad un passo dalla tragedia, il Governo agisca subito»
«La comunicazione di questi ultimi giorni relativa alla epidemia è gravemente fuorviante. Il richiamo a numeri più contenuti di contagio al Nord, rischia di cancellare del tutto il fatto che non solo la crisi non è in via di soluzione, ma che al Sud sta per esplodere in maniera drammatica». Così il Presidente della Regione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto