Salute 30 Dicembre 2016

Nella calza della Befana solo libri: è tutta salute

Il nuovo trend delle vacanze. Per l’Epifania ecco alcune proposte per un regalo che fa bene allo spirito ma anche al corpo…

Leggere fa bene alla salute, è scientificamente dimostrato che i libri aiutano a rilassarsi, a riflettere e a distrarsi dallo stress che accumuliamo quotidianamente. La lettura è una grande alleata del benessere sia fisico che mentale, ancora meglio se sono i libri stessi a parlare di salute. Per conciliare la scienza con il tempo libero, ecco alcuni consigli che potrebbero tornare utili per riempire la calza della Befana.

Interessante ‘Io in te cerco la vita’, edito da L’Orma Editore e dedicato a Anna Kuliscioff, una fra le prima donne italiane a prendere la laurea in medicina nel 20° secolo. Una figura di spicco sia nel mondo scientifico che in quello politico. La Kuliscioff amava definirsi ‘ la dottora delle donne’, dedicò infatti gran parte della sua carriera alla studio delle malattie femminili contratte durante la fase della gravidanza. «Anna Kuliscioff è una figura che è stata importantissima in Italia ma poco ricordata ai giorni nostri – racconta Elena Vozzi, curatrice del libro ‘Io in te cerco la vita’ -. Fra le prime donne laureate in medicina in Italia, la Kuliscioff si era specializzata sull’origine batterica delle febbri puerperali che, all’epoca, erano fra le cause principali di mortalità femminile. Veniva chiamata la ‘dottora delle donne’ ed era lei stessa a insistere sulla desinenza femminile per tutte quante quelle professioni che tradizionalmente erano riservate solo agli uomini. La Kuliscioff andava a esercitare la professione di medico soprattutto fra le donne e nei quartieri più poveri di Milano, è stata una medica militante sul campo di battaglia».

La salute si coniuga con la letteratura anche nel libro di Hacca Edizioni ‘Attorno a questo mio corpo’. Il volume racconta i grandi della letteratura italiana attraverso le loro nevrosi, le paure e i tic legati alla fisicità. Anziché le rime illustri, in primo piano affiorano le debolezze fisiche e mentali dei grandi della storia letteraria italiana. Da Dante a Ungaretti, da Alfieri a Saba «un’antologia volta a indagare il rapporto tra corpo e scrittura – spiega Francesca Chiappa, editore di Hacca Edizioni -. Il libro fa luce su aspetti sconosciuti di questi grandi scrittori: malattie, disturbi della psiche che inevitabilmente hanno influito sui loro capolavori letterari. La parola infatti è necessariamente legata al corpo e dunque il benessere o il malessere fisico influisce inevitabilmente sulla capacità di espressione sia orale che scritta».

Un medico con talento da scrittore è Vincenzo Mastronardi, noto psichiatra e criminologo che, insieme al criminalista Armando Palmegiani e al giornalista investigativo Fabio Sanvitale, firma la copertina di ‘Sangue sul Tevere’ di Sovera Edizioni. Un racconto a metà tra il giallo e un manuale di psicologia, nel quale si snodano, fra le strade cupe di una Capitale fredda e cinica, assassini seriali che danno libero sfogo alla loro perversione più estrema. Gli autori raccontano, sia dal punto di vista scientifico che sociale, fin dove può arrivare l’abisso della mente umana tracciando precisi profili di pericolosi serial killer realmente esistiti.

Con un profilo diverso ma sempre in camice bianco, anche Pietro Bartolo, il medico simbolo di Lampedusa, che, insieme alla giornalista Lidia Tilotta, si affaccia per la prima volta al mondo editoriale con ‘Lacrime di sale’, edito da Mondadori. Un libro che ha il sapore di una testimonianza, la testimonianza di chi, ogni giorno, si scontra con la tragedia degli sbarchi clandestini. «Nel mio libro racconto di uomini che sbarcano in territori stranieri e che vogliono solo essere trattati da esseri umani. A Lampedusa questo facciamo, prima di portare assistenza medica, pensiamo a trasmettere solidarietà e comprensione».

Ancora combinare salute e lettura con i libri che aiutano a mangiare sano. In questa ottica, interessante il libro della specialista endocrinologa e nutrizionista Serena Missori, che con ‘Allenati, mangia e sorridi’ suggerisce oltre 150 ricette per mangiare bene e vivere al meglio. Cibo e movimento sono un abbinamento inscindibile per restare in forma e in salute. A questa combinazione, la specialista in endocrinologia e malattie del ricambio, consiglia anche di associare la meditazione per un programma unico e adatto a tutti.

Articoli correlati
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
Salute donne, D’Amato (Regione Lazio): «Raddoppiata prevenzione per tumore alla mammella»
«La Regione Lazio è stata tra le prime ad adottare le linee guida sulle Breast Unit prodotte dal Ministero della Salute» dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – . «Nel 2018 il 75% dell’attività chirurgica riguardante il tumore alla mammella è stato effettuato in uno dei […]
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN
«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo
Calo vocazioni, Paolo De Paolis (Presidente Sic) ai giovani: «Tornate ad amare il mestiere più bello del mondo»
«Nonostante il momento difficile per la nostra professione, sapere che c’è un giovane brillante che ha espresso il desiderio di fare il chirurgo è un’inversione di rotta - ammette compiaciuto il professor De Paolis, presidente della Società italiana chirurgia - . I giovani respirano il malcontento dei chirurghi che sono sottoposti a condizioni lavorative difficili, poche gratificazioni e rischi medico legali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...