Salute 17 febbraio 2015

Calo dei vaccini, l’OMS bacchetta l’Italia. E i Pronto Soccorso scoppiano 

Diminuite le vaccinazioni obbligatorie e consigliate. Tra le cause probabile l’ “effetto Fluad”

Immagine articolo

Un serio problema di sanità pubblica. E’ così che il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha definito il calo – il più consistente in Italia negli ultimi 10 anni – delle vaccinazioni per i bambini.

Il quadro allarmante emerge dall’indagine condotta dal Ministero della Sanità, i cui dati – relativi al 2013 – sono stati pubblicati dall’Iss. La flessione riguarda tutte le coperture vaccinali offerte gratuitamente e attivamente secondo il Piano nazionale della prevenzione vaccinale (Pnpv) 2012-2014 ai bambini entro i 24 mesi d’età: da quelle obbligatorie, come antipolio, antitetanica, antidifterica, antiepatite B a quelle non obbligatorie, ma consigliate, contro pertosse, influenza, rosolia, parotite e morbillo. Malattia, quest’ultima, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità intende debellare completamente dall’Europa entro la fine di quest’anno. Anche per questo l’Oms ha “bacchettato” l’Italia e fissato – per il mese di marzo – un incontro di confronto con il ministro Lorenzin. Indispensabile intervenire con urgenza dal momento che, come sottolinea l’Iss, “il mantenimento di coperture elevate è fondamentale per prevenire epidemie ed evitare che si ripresentino malattie che sono state eliminate in Italia.

Proprio il calo delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia, aggiunge l’Iss, “è più marcato rispetto alle altre vaccinazioni ed è stato registrato in tutte le Regioni”. E, in pieno picco stagionale, il calo di vaccini antinfluenzali ha portato ad un sovraffollamento delle corsie ospedaliere. Con 2 milioni e 600mila casi dall’inizio della ricerca epidemiologica, la sindrome influenzale e le sue complicazioni respiratorie sono state responsabili del 12,8% di tutti gli accessi nei Pronto Soccorso dall’inizio della stagione. Al di là dei numeri, certo preoccupanti, ci si interroga sulle possibili cause del fenomeno: un ruolo fondamentale è certamente giocato dalle massicce campagne mediatiche in atto contro i vaccini, a ridosso del recente “caso Fluad”. Nonostante la secca smentita da parte dell’Aifa e dell’Ue circa la correlazione tra i casi di morte sospetta e la somministrazione dell’antinfluenzale prodotto dalla Novartis, sembra ancora persistere un diffuso (e pericoloso) pregiudizio su questa “arma di prevenzione di massa” fornita dalla ricerca.

Tags

Articoli correlati
Milano, Università San Raffaele: pubblicati i bandi per i Corsi di Laurea in Fisioterapia e Infermieristica
Anche Fisioterapia e Infermieristica tra i corsi di laurea della Facoltà di Medicina UniSR, i cui prossimi test d’ingresso si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019. Sarà possibile iscriversi online fino alle ore 12.00 del 20 febbraio 2019. Il test […]
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...