Salute 17 febbraio 2015

Calo dei vaccini, l’OMS bacchetta l’Italia. E i Pronto Soccorso scoppiano 

Diminuite le vaccinazioni obbligatorie e consigliate. Tra le cause probabile l’ “effetto Fluad”

Immagine articolo

Un serio problema di sanità pubblica. E’ così che il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha definito il calo – il più consistente in Italia negli ultimi 10 anni – delle vaccinazioni per i bambini.

Il quadro allarmante emerge dall’indagine condotta dal Ministero della Sanità, i cui dati – relativi al 2013 – sono stati pubblicati dall’Iss. La flessione riguarda tutte le coperture vaccinali offerte gratuitamente e attivamente secondo il Piano nazionale della prevenzione vaccinale (Pnpv) 2012-2014 ai bambini entro i 24 mesi d’età: da quelle obbligatorie, come antipolio, antitetanica, antidifterica, antiepatite B a quelle non obbligatorie, ma consigliate, contro pertosse, influenza, rosolia, parotite e morbillo. Malattia, quest’ultima, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità intende debellare completamente dall’Europa entro la fine di quest’anno. Anche per questo l’Oms ha “bacchettato” l’Italia e fissato – per il mese di marzo – un incontro di confronto con il ministro Lorenzin. Indispensabile intervenire con urgenza dal momento che, come sottolinea l’Iss, “il mantenimento di coperture elevate è fondamentale per prevenire epidemie ed evitare che si ripresentino malattie che sono state eliminate in Italia.

Proprio il calo delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia, aggiunge l’Iss, “è più marcato rispetto alle altre vaccinazioni ed è stato registrato in tutte le Regioni”. E, in pieno picco stagionale, il calo di vaccini antinfluenzali ha portato ad un sovraffollamento delle corsie ospedaliere. Con 2 milioni e 600mila casi dall’inizio della ricerca epidemiologica, la sindrome influenzale e le sue complicazioni respiratorie sono state responsabili del 12,8% di tutti gli accessi nei Pronto Soccorso dall’inizio della stagione. Al di là dei numeri, certo preoccupanti, ci si interroga sulle possibili cause del fenomeno: un ruolo fondamentale è certamente giocato dalle massicce campagne mediatiche in atto contro i vaccini, a ridosso del recente “caso Fluad”. Nonostante la secca smentita da parte dell’Aifa e dell’Ue circa la correlazione tra i casi di morte sospetta e la somministrazione dell’antinfluenzale prodotto dalla Novartis, sembra ancora persistere un diffuso (e pericoloso) pregiudizio su questa “arma di prevenzione di massa” fornita dalla ricerca.

Tags

Articoli correlati
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»
Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.
di Isabella Faggiano
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...