Salute 17 febbraio 2015

Calo dei vaccini, l’OMS bacchetta l’Italia. E i Pronto Soccorso scoppiano 

Diminuite le vaccinazioni obbligatorie e consigliate. Tra le cause probabile l’ “effetto Fluad”

Immagine articolo

Un serio problema di sanità pubblica. E’ così che il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha definito il calo – il più consistente in Italia negli ultimi 10 anni – delle vaccinazioni per i bambini.

Il quadro allarmante emerge dall’indagine condotta dal Ministero della Sanità, i cui dati – relativi al 2013 – sono stati pubblicati dall’Iss. La flessione riguarda tutte le coperture vaccinali offerte gratuitamente e attivamente secondo il Piano nazionale della prevenzione vaccinale (Pnpv) 2012-2014 ai bambini entro i 24 mesi d’età: da quelle obbligatorie, come antipolio, antitetanica, antidifterica, antiepatite B a quelle non obbligatorie, ma consigliate, contro pertosse, influenza, rosolia, parotite e morbillo. Malattia, quest’ultima, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità intende debellare completamente dall’Europa entro la fine di quest’anno. Anche per questo l’Oms ha “bacchettato” l’Italia e fissato – per il mese di marzo – un incontro di confronto con il ministro Lorenzin. Indispensabile intervenire con urgenza dal momento che, come sottolinea l’Iss, “il mantenimento di coperture elevate è fondamentale per prevenire epidemie ed evitare che si ripresentino malattie che sono state eliminate in Italia.

Proprio il calo delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia, aggiunge l’Iss, “è più marcato rispetto alle altre vaccinazioni ed è stato registrato in tutte le Regioni”. E, in pieno picco stagionale, il calo di vaccini antinfluenzali ha portato ad un sovraffollamento delle corsie ospedaliere. Con 2 milioni e 600mila casi dall’inizio della ricerca epidemiologica, la sindrome influenzale e le sue complicazioni respiratorie sono state responsabili del 12,8% di tutti gli accessi nei Pronto Soccorso dall’inizio della stagione. Al di là dei numeri, certo preoccupanti, ci si interroga sulle possibili cause del fenomeno: un ruolo fondamentale è certamente giocato dalle massicce campagne mediatiche in atto contro i vaccini, a ridosso del recente “caso Fluad”. Nonostante la secca smentita da parte dell’Aifa e dell’Ue circa la correlazione tra i casi di morte sospetta e la somministrazione dell’antinfluenzale prodotto dalla Novartis, sembra ancora persistere un diffuso (e pericoloso) pregiudizio su questa “arma di prevenzione di massa” fornita dalla ricerca.

Tags

Articoli correlati
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...