Salute 21 Ottobre 2014

Bruxelles accelera su Ebola e nuove tecnologie in sanità

Esclusiva Sanità Informazione: intervista a Tonio Borg, Commissario europeo per la Salute

Immagine articolo

L’Unione europea è chiamata, attualmente, ad affrontare alcune tra le sfide più difficili degli ultimi anni. L’esigenza di adeguarsi ai passi da gigante compiuti dalla scienza e dalla tecnologia in ambito sanitario deve necessariamente trovare spazio nei “sistemi salute” di ogni Stato membro, così profondamente diversi tra loro.

Attualmente, però, queste istanze devono cedere il passo alla gestione di una vera e propria emergenza: quella scatenata dal virus Ebola. Gli incontri al vertice, alla presenza del gotha della sanità europea, sono ormai all’ordine del giorno: l’ultimo, tenutosi a Bruxelles giovedì scorso, ha dimostrato che arginare la minaccia di una pandemia richiede un dispiegamento di forze ed azioni coordinate a livello europeo; trovare la quadratura del cerchio, tuttavia, sta risultando più arduo del previsto. A tal proposito Sanità Informazione ha intervistato in esclusiva uno dei protagonisti del summit del 16 ottobre: Tonio Borg, appena eletto Commissario europeo per la Salute.

Considero una mia diretta responsabilità proteggere il nostro continente dall’epidemia

Sotto i riflettori della sanità europea sono tanti i temi da affrontare con attenzione sempre crescente.
Innanzitutto la questione Ebola, che ha ormai assunto i contorni di vera e propria emergenza internazionale, e per cercare di fronteggiarla abbiamo già stanziato 150 milioni di euro. Proteggere il nostro continente da questa epidemia è sotto la mia diretta responsabilità. Purtroppo, però, le notizie che continuano ad arrivare dall’Africa non sono rassicuranti. Questa è, nell’immediato, la questione che richiede più attenzione, ma di certo non l’unica. Penso, ad esempio, al modo in cui intervenire sul trattamento e la prevenzione delle malattie croniche e dei tumori, e su come accorciare le distanze tra i diversi sistemi sanitari dei Paesi europei.

Un altro tema importante è l’utilizzo delle nuove tecnologie in sanità…
Su questo punto ci sono due questioni principali da affrontare: la prima riguarda l’accesso all’innovazione. Siamo dotati di un’agenzia che si occupa specificamente dell’approvazione dei farmaci e che, in situazioni di emergenza, deve accelerare questo processo di approvazione, anche relativamente ai prezzi con cui i farmaci vengono immessi sul mercato. Questa è certamente una responsabilità primaria degli Stati membri.

Articoli correlati
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
Salute donne, D’Amato (Regione Lazio): «Raddoppiata prevenzione per tumore alla mammella»
«La Regione Lazio è stata tra le prime ad adottare le linee guida sulle Breast Unit prodotte dal Ministero della Salute» dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – . «Nel 2018 il 75% dell’attività chirurgica riguardante il tumore alla mammella è stato effettuato in uno dei […]
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN
«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano