Salute 22 Marzo 2024 11:41

Bonus psicologico: Iacob (AUPI), su 175mila domande solo 20mila saranno soddisfatte

“È sorprendente come l’opinione pubblica abbia finalmente riconosciuto l’importanza della Psicologia solo dopo l’assalto al ‘Bonus psicologico’. Con ben 175 mila domande in pochissimi giorni, e solo 20 mila che potrebbero ricevere una risposta, a causa delle limitate risorse finanziarie, siamo di fronte a una situazione critica”. L’allarme è stato lanciato da Ivan Iacob, segretario generale nazionale dell’AUPI, il sindacato degli Psicologi italiani

Bonus psicologico: Iacob (AUPI), su 175mila domande solo 20mila saranno soddisfatte

“È sorprendente come l’opinione pubblica abbia finalmente riconosciuto l’importanza della Psicologia solo dopo l’assalto al ‘Bonus psicologico‘. Con ben 175 mila domande in pochissimi giorni, e solo 20 mila che potrebbero ricevere una risposta, a causa delle limitate risorse finanziarie, siamo di fronte a una situazione critica“. L’allarme è stato lanciato da Ivan Iacob, segretario generale nazionale dell’AUPI, il sindacato degli Psicologi italiani. “Professionisti sanitari, psicologi, associazioni e neuropsichiatri sono tutti d’accordo: il bisogno di supporto psicologico è diventato cruciale dopo la pandemia”, aggiunge.

Bonus psicologico potrebbe non bastare

“È evidente che la società soffre, e il bisogno di aiuto è molto più diffuso di quanto inizialmente stimato”, sottolinea Iacob. “Si ipotizzava che potesse superare il 30%, ma le evidenze e proiezioni attuali  ci forniscono una crescita ben più significativa. Sapevamo che l’effetto a lungo termine della pandemia – continua – sarebbe stato massiccio, generando un aumento delle richieste di assistenza”. Secondo l’AUPI, il “Bonus psicologico” è sicuramente un passo nella giusta direzione ma teme che quello che potrebbero sembrare piccoli disagi rischiano di evolversi in veri e propri disturbi senza una risposta sistemica del Sistema Sanitario Nazionale. “È urgente attivare interventi di prima risposta, come lo ‘Psicologo di base‘, per identificare e trattare le fragilità prima che si trasformino in patologie più serie”, sottolinea Iacob.

Necessario riorganizzare le Strutture di Psicologie per massimizzare l’uso delle risorse

“I servizi psicologici all’interno del Servizio Sanitario sono essenziali per garantire una risposta efficace alle crescenti esigenze della nostra società”, dice il segretario dell’AUPI. “Tuttavia, la loro organizzazione attuale potrebbe essere migliorata, costituendo le Strutture di Psicologia, per massimizzare l’utilizzo delle risorse disponibili. Le Strutture di Psicologia – continua – all’interno del Servizio Sanitario potrebbero essere riorganizzate per consentire una distribuzione più efficiente delle risorse già presenti. Purtroppo, molte di queste risorse vengono deturpate da attività non strettamente legate alla Psicologia, come i contenziosi per divorzi e affidi, che il Sistema Giudiziario invia al Sistema Sanitario. È preoccupante constatare che quasi l’intera attività dei consultori psicologici è oberata da queste problematiche, rappresentando oltre il 60% delle attività complessive”.

Investire nella prevenzione del malessere psicologico garantirà risparmi per il SSN

“È necessario liberare le risorse dei consultori da queste incombenze per poterle dedicare alla prevenzione primaria del malessere psicologico, che emerge chiaramente come una priorità dalla grande richiesta di ‘Bonus psicologico‘”, afferma Iacob. “Investire oggi nella prevenzione del malessere psicologico garantirà risparmi significativi per il Sistema Sanitario in futuro. È un approccio che non solo migliorerà il benessere individuale e sociale – conclude – ma contribuirà anche a ottimizzare le risorse pubbliche a lungo termine. Scegliere la prevenzione è una scelta saggia e responsabile che possiamo fare per il bene di tutti”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...