Salute 27 luglio 2018

“Bimbi in auto: vision zero”, la campagna di sensibilizzazione del Governo. Il Ministro Grillo: «Incidenti stradali prima causa di morte dei bambini»

Claudio D’Amario, dg Prevenzione Ministero della Salute: «In Italia, nel 2017, oltre 8 mila bambini sono rimasti feriti in incidenti stradali, molti dei quali hanno riportato gravi invalidità»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Gli incidenti stradali sono la principale causa di invalidità acquisita e la prima causa di morte dei bambini. Per questo il Ministero della Salute si farà promotore di nuove iniziative legislative e di campagne di informazione per diffondere la cultura della prevenzione degli incidenti stradali». Lo ha detto il Ministro della Salute, Giulia Grillo, in occasione della presentazione della campagna di sensibilizzazione “Bimbi in auto: vision zero”, iniziativa nata per promuovere la cultura della sicurezza sulle strade.

Ogni anno, in Italia, si verificano circa 175 mila incidenti stradali, che coinvolgono centinaia di bambini. Spesso, sono proprio i più piccoli ad avere la peggio: perdono la vita o riportano lesioni, talvolta gravissime e permanenti. Nella gran parte dei casi la causa di questi infortuni è il mancato o cattivo uso dei seggiolini.

Eppure l’art. 172 del Codice della strada parla chiaro: seggiolino obbligatorio per bimbi fino al metro, cinquanta d’altezza e cinture di sicurezza per i ragazzini più grandi. Prescrizione rispettata da meno del 50% della popolazione italiana. Secondo un recente studio del ministero, che ha messo sotto controllo l’impiego di questi dispositivi di sicurezza, infatti, la media nazionale di utilizzo è del 47%, con picchi del 60% al nord, percentuale che scende al 50% al centro Italia, fino a toccare i 17 punti percentuali nelle regioni a sud della Penisola.

«Ogni anno, in Europa – ha spiegato Claudio D’Amario, Direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute – gli incidenti stradali causano oltre 27 mila decessi. In Italia, nel 2017, 25 bambini sotto i 14 anni hanno perso la vita sulla strada, oltre 8 mila sono rimasti feriti riportando anche gravi invalidità. I più piccoli rappresentano l’1,4% del totale dei feriti sulle strade che, lo scorso anno,  hanno toccato quota  17.309».

LEGGI ANCHE: BAMBINI E INCIDENTI DOMESTICI: COME COMPORTARSI NEI PRIMI 5 MINUTI?

Mettere un freno a questa strage continua per D’Amario «è un obiettivo di salute prioritario», ma non solo. «Le conseguenze invalidanti degli incidenti stradali – ha continuato il Direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute – hanno anche un impatto sulla società e sull’economia del Paese. Le ultime stime dimostrano che, in nazioni con Sistemi Sanitari avanzati, questo problema assorbe finanze pubbliche pari al 3% del Pil».

La campagna di sensibilizzazione “Bimbi in auto: vision zero” sarà diffusa negli ambulatori pediatrici, negli ospedali, consultori, centri vaccinali e sui principali mezzi di comunicazione: «con l’aiuto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la Polizia di Stato e le società e associazioni scientifiche pediatriche (Sip, Simeup, Sipps, Acp) – ha detto D’Amario – ci impegneremo ad informare tutti i componenti delle famiglie, dai genitori, ai nonni, fino agli zii ai fratelli e alle persone che si dedicano alla cura dei bambini. Organizzeremo seminari, workshop e distribuiremo materiale cartaceo nei principali luoghi pubblici».

«I sistemi di sicurezza vanno adottati sempre durante i viaggi in auto, lunghi o brevi che siano. Solo così – ha aggiunto D’Amario – potremmo raggiungere il nostro obiettivo: ridurre significativamente le vittime  degli incidenti stradali».

Anche il Ministro della Salute punta tutto sulla prevenzione e per farlo chiede aiuto agli specialisti del settore: «per diffondere una migliore cultura della prevenzione degli incidenti stradali –  ha spiegato il ministro della Salute – valorizzeremo il ruolo di coloro che ogni giorno si rapportano con i cittadini, faccia a faccia. In prima linea –  ha concluso Grillo – pediatri e medici di medicina generale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Studio Nazionale Fertilità, l’87% degli adolescenti si rivolge al “dottor Google”. Grillo: «Creare un database di notizie verificate, adatto a giovani e adulti»
La salute arriva tra i banchi di scuola, il ministro: «Di recente approvazione, in concerto con il Miur, un documento sugli indirizzi di policy integrate per gli istituiti scolastici che promuovono la salute».
di Isabella Faggiano
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...