Salute 27 Luglio 2018

“Bimbi in auto: vision zero”, la campagna di sensibilizzazione del Governo. Il Ministro Grillo: «Incidenti stradali prima causa di morte dei bambini»

Claudio D’Amario, dg Prevenzione Ministero della Salute: «In Italia, nel 2017, oltre 8 mila bambini sono rimasti feriti in incidenti stradali, molti dei quali hanno riportato gravi invalidità»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Gli incidenti stradali sono la principale causa di invalidità acquisita e la prima causa di morte dei bambini. Per questo il Ministero della Salute si farà promotore di nuove iniziative legislative e di campagne di informazione per diffondere la cultura della prevenzione degli incidenti stradali». Lo ha detto il Ministro della Salute, Giulia Grillo, in occasione della presentazione della campagna di sensibilizzazione “Bimbi in auto: vision zero”, iniziativa nata per promuovere la cultura della sicurezza sulle strade.

Ogni anno, in Italia, si verificano circa 175 mila incidenti stradali, che coinvolgono centinaia di bambini. Spesso, sono proprio i più piccoli ad avere la peggio: perdono la vita o riportano lesioni, talvolta gravissime e permanenti. Nella gran parte dei casi la causa di questi infortuni è il mancato o cattivo uso dei seggiolini.

Eppure l’art. 172 del Codice della strada parla chiaro: seggiolino obbligatorio per bimbi fino al metro, cinquanta d’altezza e cinture di sicurezza per i ragazzini più grandi. Prescrizione rispettata da meno del 50% della popolazione italiana. Secondo un recente studio del ministero, che ha messo sotto controllo l’impiego di questi dispositivi di sicurezza, infatti, la media nazionale di utilizzo è del 47%, con picchi del 60% al nord, percentuale che scende al 50% al centro Italia, fino a toccare i 17 punti percentuali nelle regioni a sud della Penisola.

«Ogni anno, in Europa – ha spiegato Claudio D’Amario, Direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute – gli incidenti stradali causano oltre 27 mila decessi. In Italia, nel 2017, 25 bambini sotto i 14 anni hanno perso la vita sulla strada, oltre 8 mila sono rimasti feriti riportando anche gravi invalidità. I più piccoli rappresentano l’1,4% del totale dei feriti sulle strade che, lo scorso anno,  hanno toccato quota  17.309».

LEGGI ANCHE: BAMBINI E INCIDENTI DOMESTICI: COME COMPORTARSI NEI PRIMI 5 MINUTI?

Mettere un freno a questa strage continua per D’Amario «è un obiettivo di salute prioritario», ma non solo. «Le conseguenze invalidanti degli incidenti stradali – ha continuato il Direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute – hanno anche un impatto sulla società e sull’economia del Paese. Le ultime stime dimostrano che, in nazioni con Sistemi Sanitari avanzati, questo problema assorbe finanze pubbliche pari al 3% del Pil».

La campagna di sensibilizzazione “Bimbi in auto: vision zero” sarà diffusa negli ambulatori pediatrici, negli ospedali, consultori, centri vaccinali e sui principali mezzi di comunicazione: «con l’aiuto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la Polizia di Stato e le società e associazioni scientifiche pediatriche (Sip, Simeup, Sipps, Acp) – ha detto D’Amario – ci impegneremo ad informare tutti i componenti delle famiglie, dai genitori, ai nonni, fino agli zii ai fratelli e alle persone che si dedicano alla cura dei bambini. Organizzeremo seminari, workshop e distribuiremo materiale cartaceo nei principali luoghi pubblici».

«I sistemi di sicurezza vanno adottati sempre durante i viaggi in auto, lunghi o brevi che siano. Solo così – ha aggiunto D’Amario – potremmo raggiungere il nostro obiettivo: ridurre significativamente le vittime  degli incidenti stradali».

Anche il Ministro della Salute punta tutto sulla prevenzione e per farlo chiede aiuto agli specialisti del settore: «per diffondere una migliore cultura della prevenzione degli incidenti stradali –  ha spiegato il ministro della Salute – valorizzeremo il ruolo di coloro che ogni giorno si rapportano con i cittadini, faccia a faccia. In prima linea –  ha concluso Grillo – pediatri e medici di medicina generale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»
Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...