Salute 4 Aprile 2024 11:26

Aviaria, l’impegno dei 500 scienziati Inf-Act: “Scongiurare il rischio pandemia”

Terregino (IZSV): “La situazione è in continua evoluzione e noi la stiamo seguendo attivamente attraverso le organizzazioni sanitarie internazionali: non si devono fare allarmismi, ma semplicemente continuare a monitorare con la dovuta attenzione gli eventi ed essere preparati”

Aviaria, l’impegno dei 500 scienziati Inf-Act: “Scongiurare il rischio pandemia”

“E’ importante valutare con attenzione i fattori di rischio per una potenziale pandemia influenzale e adottare le relative misure di mitigazione”. Così Calogero Terregino, responsabile del Laboratorio nazionale ed europeo per l’influenza aviaria e la malattia di Newcastle presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, in una nota diffusa da Fondazione Inf-Act, commenta il Rapporto scientifico con cui l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), il Laboratorio di riferimento dell’Unione europea per l’influenza aviaria (Eurl) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) avvertono che il virus dell’influenza aviaria continua a diffondersi nell’Ue e in altre parti del mondo, causando un’elevata mortalità tra gli uccelli selvatici e salti di specie nei mammiferi selvatici e domestici.

In Italia nessun contagio nei bovini o nell’uomo

“Le autorità degli Stati Uniti – ricorda Terregino – hanno recentemente emesso un allarme sanitario sul primo caso confermato di infezione umana dovuta al virus dell’influenza aviaria che si è diffuso tra i bovini da latte. In Italia e in Europa, al momento, non ci sono stati casi di contagio nei bovini o nell’uomo” e, “in considerazione delle caratteristiche del virus responsabile di questi casi, l’attuale rischio per la popolazione rimane basso”. Tuttavia “la situazione è in continua evoluzione e noi la stiamo seguendo attivamente attraverso le organizzazioni sanitarie internazionali: non si devono fare allarmismi – precisa l’esperto – ma semplicemente continuare a monitorare con la dovuta attenzione gli eventi ed essere preparati”.

Fare tesoro dell’esperienza del Covid-19

“Possiamo e dobbiamo far tesoro dell’esperienza di Covid-19, anch’essa nata da una zoonosi, ossia da un virus che ha fatto un salto di specie passando da animale a uomo – afferma Federico Forneris, presidente della Fondazione Inf-Act -. In Italia esistono le conoscenze e le competenze, ma serve un maggiore coordinamento per metterle in connessione. Per aumentare la capacità di prevenire certi eventi (con la sorveglianza nei serbatoi animali di patogeni dal potenziale zoonotico), la prontezza e la capacità di risposta dei sistemi sanitari e, in ultima analisi, la resilienza e la resistenza dell’Italia nei confronti di eventi epidemici e pandemici, con la Fondazione stiamo facendo proprio questo: raccordare le attività di ricerca di 25 partner del progetto Inf-Act, con circa 500 ricercatori impegnati su 5 macro-temi di ricerca, distribuiti in 15 atenei e 9 enti di ricerca pubblici e privati e un’azienda su tutto il territorio nazionale”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...