Salute 28 Maggio 2024 12:00

Aviaria, Europa e Usa si preparano a fare scorta di vaccini. Vaia: “In Italia nessun allarme”

Vaia: “L’attenzione del ministero della Salute e della comunità tecnico-scientifica resta alta per monitorare la diffusione a livello internazionale, aggiornare le valutazioni del rischio a livello nazionale e valutare azioni di preparazione sul territorio nazionale”

di I.F.
Aviaria, Europa e Usa si preparano a fare scorta di vaccini. Vaia: “In Italia nessun allarme”

L’Europa e gli Stati Uniti sono a lavoro per ridurre le minacce di una nuova possibile pandemia. In attesa che nei laboratori americani sia individuata la sequenza genetica esatta del virus dell’aviaria che ha contagiato due uomini negli Usa, le autorità competenti sono a lavoro per acquisire o produrre i vaccini contro l’influenza H5N1, utili sia a proteggere il pollame che i lavoratori lattiero-caseari, i veterinari e i tecnici di laboratorio a rischio.  Nei giorni scorsi, Dawn O’ Connell, vice Ministro della Sanità e responsabile della preparazione e la risposta alle emergenze aveva già annunciato che il governo Usa stava valutando una prima produzione di circa 4,8 milioni di dosi di vaccino. L’attenzione è alta anche in Europa: “Stiamo monitorando da vicino la situazione relativa all’influenza aviaria e collaboriamo con i nostri partner, come gli stati membri e l’Ecdc. L’ultima valutazione da parte dell’Ecdc rivela che il rischio di contagio per gli esseri umani è basso, ma continuano monitorare”, assicura il portavoce della Commissione Ue, Stefan de Keersmaecker, durante l’incontro quotidiano con la stampa a Bruxelles.

In Italia non c’è allarme aviaria

Sono altrettanto rassicuranti le parole del direttore generale della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Francesco Vaia: “Non c’è allarme aviaria in Italia. L’attenzione del ministero della Salute e della comunità tecnico-scientifica resta alta per monitorare la diffusione a livello internazionale, aggiornare le valutazioni del rischio a livello nazionale e valutare azioni di preparazione sul territorio nazionale. In Italia, al momento, il rischio di diffusione del virus dell’influenza aviaria negli animali risulta basso: l’ultimo caso è stato registrato in tacchini da carne a febbraio di quest’anno. Il virus circolante negli Stati Uniti risulta diverso dai genotipi circolanti in Italia dove, allo stato attuale, non sono stati riportati casi nei bovini né nell’uomo”, assicura Vaia a seguito della riunione del ‘Gruppo di esperti per la definizione del funzionamento della rete nazionale dei laboratori pubblici umani e veterinari per l’individuazione precoce della circolazione di ceppi di virus influenzali a potenziale zoonotico’, istituito nell’ambito dell’implementazione del piano per una pandemia influenzale.

Gli aiuti economici

Venerdì scorso il dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha varato un secondo pacchetto di aiuti economici per gli allevatori di bovini e produttori lattiero-caseari che stanno gestendo l’emergenza aviaria. Il primo intervento risale allo scorso 10 maggio e contiene misure per gli allevatori le cui mandrie erano risultate positive al virus A/H5N1. Ora, si sono aggiunti incentivi economici destinati anche a chi non è stato colpito dall’influenza aviaria. In particolare, la misura contiene risorse per attuare piani di bio-sicurezza negli allevamenti, rimborsi per le spese veterinarie connesse ai controlli per l’aviaria e all’invio dei test ai laboratori dedicati. Infine, sono previsti finanziamenti per compensare la perdita economica derivante dal calo della produzione di latte negli allevamenti le cui mucche abbiano contratto l’influenza aviaria. Intanto secondo le ultime rilevazioni, è  salito a 58 il numero di allevamenti colpiti dall’aviaria.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...