Salute 2 Agosto 2018

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliardo di euro in più, ogni anno». Parla Giovanni Marino della Fondazione Italiana Autismo

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Colpisce un bambino ogni 100 nati, con una rapporto maschi-femmine di 4 a 1. Attualmente in Italia gli autistici, se si considerano tutte le forme della patologia da quella più severa a quella più lieve, sono circa 400mila. Numeri che trasformano questa malattia, che richiede assistenza lungo tutto il corso della vita di un individuo, in un fenomeno sociale». È  Giovanni Marino, socio fondatore e componente del Consiglio della Fia, la Fondazione Italiana Autismo, a descrivere nel dettaglio questa sindrome del neurosviluppo.

Per i pazienti affetti da autismo e per le loro famiglie l’ultimo aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, i Lea, è un traguardo atteso da anni: «Quando ogni dettaglio contenuto nei nuovi Lea troverà una piena e concreta applicazione – ha spiegato Marino – tutte le persone autistiche potranno accedere a servizi di assistenza creati esclusivamente per rispondere alle esigenze di chi ha questa patologia». Prima che ciò possa accadere ci vorrà ancora del tempo, probabilmente qualche anno. Ma i cambiamenti saranno talmente sostanziali ed evidenti che, per il socio fondatore della Fia, «due anni di attesa costituiscono un tempo fisiologico e necessario».

LEGGI ANCHE LO SPECIALE DEDICATO AI NUOVI LEA A UN ANNO DALLA LORO APPROVAZIONE

Per comprendere a fondo la rivoluzione in atto, partiamo da una descrizione della situazione attuale. «Oggi – ha detto Marino – non esistono servizi specifici per l’autismo. I pazienti hanno accesso a tutti quei servizi generalmente erogati per le persone disabili – come la psicomotricità, la musicoterapia o la logopedia – senza che si tenga conto della specificità del disturbo. E invece, le linee guida del 2012 per il trattamento dell’autismo – attualmente in corso di aggiornamento – dicono che il soggetto autistico ha bisogno di un’assistenza precoce ed intensiva, che segua il modello cognitivo-comportamentale, con tre ore di attività giornaliera e non tre ore alla settimana, come previsto finora. Inoltre, l’attuale psicomotricità andrebbe sostituita dall’Aba (dall’inglese Applied Behavior Analysis, ndr). Insomma uno sconvolgimento dell’assistenza attualmente offerta, sia in termini di qualità che di quantità».

Un cambiamento che dovrà includere anche i centri diurni e residenziali dove, attualmente, i pazienti autistici  sono “accuditi” e non “trattati”. È necessario che in queste strutture ci sia personale formato in grado di aiutare le persone autistiche a mantenere nel tempo le abilità acquisite. «Un autistico – ha spiegato Marino – se non adeguatamente supportato, non riesce a mantenere le abilità apprese. E questo significherebbe non solo peggiorare la qualità della vita del paziente e della sua famiglia, ma si tradurrebbe anche in uno spreco di risorse pubbliche. Tutto il denaro che il Ssn avrà impiegato durante lo sviluppo di quell’individuo sarà stato un investimento inutile».

E l’aggiornamento dei Lea per l’autismo è avvenuto proprio per permettere di erogare servizi appropriati e non aspecifici. «Un adeguamento – ha continuato il membro della Fia – richiesto dalla legge 134 del 2015 “Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie” che disponeva l’aggiornamento dei Lea entro 120 giorni dall’emanazione della stessa legge.  Purtroppo, i tempi si sono allungati perché, proprio in quel periodo, era in corso la totale revisione dei Lea, quella che ha portato alla stesura del documento all’inizio dello scorso anno».

«Da settembre del 2017 a gennaio 2018 un’apposita commissione, alla quale ho preso parte – ha raccontato Marino – ha redatto un documento approvato il 10 maggio di quest’anno dalla Conferenza unificata (Stato-Regioni-Enti locali), che permetterà di applicare quanto disposto dai nuovi Lea. Da questa data (il 10 maggio 2018) le Regioni hanno sei mesi di tempo per adottare il Documento unificato e ridisegnare le linee guide per l’assistenza offerta a livello territoriale. Affinché ogni Regione riorganizzi i suoi servizi per i pazienti autistici ci vorranno almeno due anni».

Ma trascorsi questi 24 mesi ci sarà un altro grosso problema con cui fare i conti: reperire le risorse economiche. «I servizi specifici per l’autismo – ha sottolineato Marino – richiederanno circa mezzo miliardo in più all’anno rispetto ai soldi attualmente utilizzati per offrire una generica assistenza per la disabilità».

Solo quando la macchina, avviata dall’approvazione dei nuovi Lea, sarà pienamente operativa gli autistici avranno acquisito realmente i propri diritti di cura. «Ulteriori revisioni – ha detto il socio fondatore della Fia – saranno necessarie solo di fronte a nuove evidenze scientifiche. Oggi, l’eziologia dell’autismo è ancora sconosciuta. Se dovesse essere scoperta, allora, nei Livelli essenziali di assistenza sarà necessario inserire le nuove terapie eventualmente individuate. Ma fino a quel momento, da quando tutti i servizi specifici per l’autismo saranno attivati, i pazienti autistici entreranno finalmente a far parte di una categoria protetta».

Ed è di protezione che hanno bisogno, sia i pazienti che le loro famiglie: «Una persona affetta da autismo – ha spiegato Marino – ha un’aspettativa di vita normale e, pertanto, i suoi genitori sanno che non potranno occuparsi di lui per sempre. Arriverà il giorno in cui non ci saranno più. Un pensiero drammatico per una mamma ed un papà. Ma sapere che il proprio figlio potrà essere accolto in una struttura costruita su misura per lui, dove professionisti qualificati sapranno interpretare ogni sua esigenza – ha concluso – è il dono più grande che possano ricevere».

LEGGI ANCHE: AL VIA GRANDE FINANZIAMENTO MONDIALE PER LA RICERCA SULL’AUTISMO: TRA I PARTNER FONDAZIONE STELLA MARIS E UNIVERSITÀ DI PISA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Bilancio 2019, Ufficio Parlamentare di Bilancio: «Rischio tagli sanità per sostituire clausole salvaguardia»
L’organo che ha il compito di valutare il rispetto delle regole di bilancio nazionali ed europee sottolinea: «Pensionamenti anticipati potrebbero far emergere ancora più drammaticamente l’insufficienza di risorse umane per il SSN». Spesa SSN in calo su PIL
Griglia LEA, 16 regioni promosse: Piemonte al top, arretra la Calabria
Le Regioni sono tenute ad una serie di adempimenti per poter accedere a maggior finanziamento. Migliora la Campania anche se ha un punteggio migliorativo anche se non raggiunge ancora il livello minimo accettabile. Ultima Bolzano, ma dati sono parziali. Sileri (Comm. Sanità): «Inutile averne tantissimi sulla carta per poi non avere i soldi per portarli avanti».
Columbus Clinic Center e Fondazione Sacra Famiglia insieme per l’autismo
Fondazione Sacra Famiglia e Columbus Clinic Center uniscono le forze per aiutare le persone con disturbi dello spettro autistico: mercoledì 19 dicembre, alle 16.30, ci sarà l’inaugurazione del nuovo Centro Counseling territoriale per l’autismo presso la sede della Clinica in via Buonarroti 48, a Milano. «Siamo contenti che la Clinica Columbus raccolga la sfida dell’autismo […]
Piccoli comuni, Regione Lazio: 1 milione di euro per emergenze socio-assistenziali
«La Regione Lazio stanzia 1 milione di euro per le emergenze socio-assistenziali dei piccoli Comuni. Le richieste di contributo, per un massimo di 20mila euro, di cui il 15% a carico dell’ente richiedente, potranno essere presentate entro il 30 novembre, data di scadenza dell’Avviso pubblicato sul sito www.socialelazio.it». Con queste le parole dell’assessore regionale alle […]
Sanità Calabria, Siclari (Forza Italia): «Via il Commissario, serve tavolo tecnico. Calabresi vogliono continuare a sentirsi italiani»
Il Senatore azzurro spiega la difficile situazione dell’assistenza sanitaria regionale e chiede al Ministro la fine della gestione commissariale. Poi denuncia: «Molti reparti in alcune strutture lavorano addirittura part time. Da medico non faccio altro che trasferire i pazienti dalla Calabria al resto d’Italia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone