Salute 3 Luglio 2024 10:16

Arsenico negli alimenti, Efsa: “La Commissione europea stabilisca soglie di tolleranza per la salute umana”

Sotto i riflettori dell’Efsa soprattutto riso e pesce, considerati i maggiori responsabili dell’esposizione umana all’arsenico

Arsenico negli alimenti, Efsa: “La Commissione europea stabilisca soglie di tolleranza per la salute umana”

“Stabilire i livelli massimi di presenza di arsenico organico nel cibo”. È l’invito che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) rivolge alla Commissione europea, a seguito dell’ultima valutazione del rischio sulla presenza di piccole componenti organiche legate all’arsenico, che ha monitorato la presenza di acido monometilarsonico (Mma) e dell’acido dimetilarsinico (Dma) come contaminanti organici  presenti in quota maggiore negli alimenti. Sotto i riflettori dell’Efsa soprattutto riso e pesce, considerati i maggiori responsabili dell’esposizione umana a questi due contaminanti.

Perché l’arsenico fa male alla salute

Tra gli effetti nocivi sulla salute più rilevanti, l’Efsa osserva che l’esposizione all’acido dimetilarsinico a determinati livelli aumenta l’insorgenza di tumori della vescica. “Esistono prove convincenti che il Dma provochi il cancro”, tanto che il gruppo di esperti scientifici ha concluso che è probabile che sia “genotossico”, scrive l’Autorità Ue con sede a Parma. Per l’Efsa questi risultati forniscono alla Commissione europea “una base scientifica per la potenziale definizione di livelli massimi di Mma e Dma negli  alimenti”.

Attese nuove valutazioni

L’Efsa è stata incaricata dalla Commissione europea di  aggiornare la sua valutazione per tenere conto di nuovi studi  emersi sugli effetti tossici del contaminante, dal momento che l’ultima risale al 2009. Dopo il primo parere sulla presenza di arsenico inorganico negli alimenti pubblicato a gennaio, il  secondo parere riguarda la valutazione del rischio delle specie organiche di piccole dimensioni, mentre il terzo e il quarto  parere arriveranno entro l’inizio del 2025 e riguarderanno, rispettivamente, la valutazione del rischio delle specie organiche complesse e dell’esposizione combinata all’arsenico inorganico e organico.

 

 

 Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...