Salute 19 Gennaio 2024 14:31

Arsenico inorganico, l’Efsa ne conferma la presenza nei cibi: “Un’esposizione prolungata aumenta il rischio di tumore della pelle”

La Valutazione appena pubblicata dall’Efsa conferma la presenza dell’arsenico inorganico in alcuni prodotti alimentari e la sua pericolosità, già accertate con la valutazione del 2009. I principali alimenti a rischio sono il riso, i cereali e l’acqua potabile

Arsenico inorganico, l’Efsa ne conferma la presenza nei cibi: “Un’esposizione prolungata aumenta il rischio di tumore della pelle”

Tra i fattori di rischio responsabili dell’aumento dell’incidenza dei tumori della pelle c’è l’esposizione all’arsenico inorganico, presente in alcuni alimenti di uso quotidiano. Lo ha stabilito l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nella Valutazione appena pubblicata, che conferma la presenza del contaminante in alcuni prodotti alimentari e la sua pericolosità, già accertate con la valutazione del 2009. La nuova valutazione è stata effettuata a seguito di un’esplicita richiesta della Commissione europea che ha incaricato l’EFSA di procedere ad un aggiornamento tenendo conto dei nuovi studi sugli effetti tossici del contaminante.

Gli alimenti che contengono arsenico inorganico

“L’arsenico è un contaminante largamente diffuso, sia in natura che come risultato di attività dell’uomo”, spiega l’Efsa nell’articolo sulla nuova valutazione. Può presentarsi in varie forme, a seconda della sua struttura chimica, ma il parere dell’Efsa si riferisce esclusivamente all’arsenico inorganico. “Sono i cibi la fonte primaria di esposizione per la popolazione europea in genere – continua l’autorità europea per la sicurezza alimentare -. I principali alimenti all’origine dell’esposizione sono il riso e i prodotti a base di esso, i cereali e i prodotti a base di essi. Anche l’acqua potabile contribuisce all’esposizione, benché i tenori in arsenico siano generalmente bassi in Europa”.

Quali sono i rischi per la salute

Assumere a lungo arsenico inorganico può avere una serie di effetti nocivi sulla salute, tra i più rilevanti ci sono alcune forme di cancro. L’aumento dell’incidenza di tumori della pelle, infatti, stando alla valutazione dell’Efsa può essere associato all’esposizione all’arsenico inorganico. Per procedere alla valutazione delle sostanze genotossiche e cancerogene accidentalmente presenti nella filiera alimentare, l’Efsa applica il calcolo del cosiddetto margine di esposizione (MOE ) per i consumatori. Questa modalità di calcolo prende in esame il rapporto tra due specifici fattori: il quantitativo al quale si osserva un effetto nocivo di piccola entità, ma comunque misurabile, e il livello di esposizione di una data popolazione alla sostanza in esame. Più basso sarà il risultato del MOE, maggiore sarà il rischio.

Le prossime tappe della valutazione

Nel caso dell’esposizione all’arsenico inorganico un MOE pari o inferiore a 1 può essere collegato ad un aumento del rischio di cancro della pelle. I risultati della valutazione appena pubblicata indicano un MOE tra 2 e 0,4 per i ‘consumatori medi’ e tra 0,9 e 0,2 per i ‘forti consumatori’. Alla luce di questi dati gli esperti hanno concluso che il livello attuale di esposizione all’arsenico inorganico rappresenta un problema per la salute dell’uomo.
Il lavoro dell’EFSA non è ancora concluso: gli esperti dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare sono attualmente impegnati nella valutazione dei potenziali rischi legati all’esposizione ad arsenico organico negli alimenti. Successivamente, l’ultima tappa della valutazione esaminerà i possibili rischi derivanti dall’esposizione congiunta sia all’arsenico organico che a quello inorganico presenti negli alimenti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...