Salute 28 Maggio 2019 12:13

Arbitrato e Blockchain, a Milano un disegno di legge ad hoc. Rossi(Omceo): «Momento di riflessione interessante»

“Responsabilità professionale e arbitrato della salute. L’innovazione in sanità parte da Milano” è il convegno promosso da Omceo Milano e Consulcesi in cui verrà presentato il disegno di legge per mettere la tecnologia al servizio dei diritti dei medici

Arbitrato e Blockchain, a Milano un disegno di legge ad hoc. Rossi(Omceo): «Momento di riflessione interessante»

Dal Far-West dei contenziosi tra medici e pazienti all’innovazione tecnologica che ha come protagonista la blockchain, a Milano il prossimo 5 giugno durante l’evento “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” sarà presentato un apposito disegno di legge che coniugherà tecnologia e diritti. A partecipare al convegno promosso da Consulcesi insieme a Omceo Milano il presidente dell’Ordine, Roberto Carlo Rossi, che abbiamo intervistato per l’occasione.

A Milano ci sarà un evento molto importante di arbitrato, contezioso medico-paziente e anche Blockchain, quindi l’innovazione tecnologica in campo medico. Quanto è importante per la professione medica questo?
«Sono molte problematiche in un unico evento di buon livello. Innanzitutto, c’è un’evoluzione relativa a quella che è stata la legge Gelli e quindi il cambiamento di paradigma nei confronti dei medici e dei loro errori. Poi c’è il tentativo di un approccio nuovo, più moderno, proteso alla soddisfazione del paziente e a certificarlo, però sempre direzionato verso i valori umani della medicina. Penso sia un momento di riflessione interessante».

La professione medica è pronta a questo cambiamento?
«I medici sono in realtà dei professionisti che per forza di cose devono essere immersi nel loro tempo. In effetti non penso neppure che non ci sia una propagazione in questo senso. Il problema sta più nel contesto che nel medico. Certo, una preparazione diversa a livello degli studi universitari gioverebbe, perché oggi il medico ha un po’ dimenticato alcuni tipi di valori classici che una volta si insegnavano in maniera consuetudinaria. Oggi invece c’è più attenzione al lato tecnologico, però in realtà il medico nella sua professione è abituato a rapportarsi con gli esseri umani, con le persone. Tutto il contesto invece che sta andando in un senso diverso, quindi è anche compito nostro far capire quello che è necessario per valutare un buon medico e una buona professionalità. Siamo noi che dobbiamo innanzitutto farci pubblicità».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Consulcesi: «Segno inequivocabile da ministra Messa su risarcimenti»
Sulla questione ex specializzandi, dopo le novità, il presidente Consulcesi ribadisce: «Noi continueremo a sostenere nei tribunali, ed in tutte le altre sedi possibili, questa battaglia di giustizia»
Cure palliative: solo 1 paziente con ictus su 5 riceve consultazione
Rosaria Alvaro (SISI): «Necessaria maggiore cultura di questi trattamenti». Con il nuovo corso Consulcesi Club i camici bianchi ampliano il loro sguardo su cure palliative
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio
Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ricorrenti»
Carenza infermieri, Consulcesi: «Si supera puntando sulla formazione»
In occasione della Giornata Internazionale dell’infermiere, che si celebra oggi 12 maggio, il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella chiede di rivedere le modalità di accesso alla facoltà di Infermieristica. Urgenti anche misure che rendano la professione più attraente in Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali