Salute 23 Dicembre 2021 12:00

Anziani, la ricetta di Bernabei (Italia Longeva): «Creare dipartimento della fragilità che colleghi tutte le strutture»

Italia Longeva lancia la campagna #MiVaccinoMiDifendo per invitare gli anziani a vaccinarsi non solo per il Covid ma anche per tutte le altre patologie indicate. Il presidente Bernabei: «Ai dubbi di chi non vuole vaccinarci risponderei che i dati sono implacabili: si muore di Covid con un’età media di 81 anni». Poi sottolinea: «Il Covid ha scoperchiato il vaso di pandora e ha fatto capire che il problema è nella fragilità»

di Francesco Torre

“La vita è una sfida, mi vaccino per vincerla”. La frase è l’esordio dell’ultimo spot #MiVaccinoMiDifendo, lanciato da Italia Longeva, l’Associazione nazionale per l’invecchiamento e la longevità attiva presieduta dal professor Roberto Bernabei, che invita tutte le persone della terza e quarta età a vaccinarsi non solo contro il Covid, ma anche contro tetano, herpes zoster, influenza, difterite, pertosse e polmonite pneumococcica.

Sul fronte Covid, gli over 60 hanno aderito massicciamente alla campagna vaccinale per le prime due dosi, mentre sulle terze dosi ci sono ancora ritardi in particolare tra i 60 e i 70 anni. Tuttavia il Covid, con l’alto tributo di vite tra i ‘nonni’ d’Italia, ha portato alla ribalta il tema della fragilità, della presa in carico dell’anziano con più patologie e della necessità, ormai improrogabile, di migliorare il sistema delle cure del territorio e dell’assistenza domiciliare, quelle più vicine ai pazienti che nel corso dei momenti più drammatici hanno mostrato tutti i loro attuali limiti. «È evidente che il problema della fragilità covava sotto le ceneri e il Covid lo ha semplicemente scoperchiato e quindi dobbiamo pensare a un servizio sanitario orientato verso la fragilità» spiega a Sanità Informazione il presidente di Italia Longeva Roberto Bernabei.

Professore, gli anziani stanno rispondendo bene alla campagna vaccinale Covid?

«Le sacche no vax non sono certo nella terza e quarta età. L’approssimarsi delle fasi ultime della vita impone delle riflessioni sul valore della vita e di quanto sia importante difenderla e da questo punto di vista i cosiddetti anziani sono molto accorti».

Cosa risponderebbe a un anziano dubbioso sulla vaccinazione Covid?

«Ai dubbi risponderei che i dati sono implacabili. Si muore di Covid con un’età media di 81 anni. È oggettivo: il Covid è una malattia che ha ucciso 400 persone sotto i 40 anni e i restanti 135mila con età media di 81 anni. La mediana ci dice addirittura che è 82 anni. Questa malattia colpisce in modo definitivo solo i vecchi».

La pandemia ha messo a nudo i limiti dell’attuale sistema delle cure territoriali. Cosa serve per potenziare questo settore?

«Ci vuole una cabina di regia. Nel senso che l’assistenza domiciliare non può rimanere da sola, dev’essere collegata con l’ospedale, con le nuove strutture che sono previste dal PNRR, cioè segnatamente l’ospedale e le case di comunità. Ma tutto questo funziona se ha un capo, un responsabile che fa girare il paziente e sa in ogni momento qual è il posto migliore dove deve stare quel paziente. Servirebbe una specie di Dipartimento della fragilità che metta insieme tutte queste strutture, che ci sia qualcuno, un terminale, un responsabile che coordini tutte queste strutture facendo sì che la persona sia nel posto migliore a seconda del suo problema».

Il Covid ha aggravato il problema della presa in carico dei fragili?

«Il fatto è che la fragilità non è mai stata presa in considerazione. Il Covid ha scoperchiato il vaso di pandora e ha fatto capire che il problema è lì. L’ondata di calore del 2003 ha ammazzato esattamente gli stessi anziani: età media 81 anni con tre patologie nel 75% dei casi, come il Covid. Nel momento in cui arriva una cosa qualsiasi che turba l’equilibrio, che impatta sulla fragilità, una qualsiasi cosa fa danno. Nell’ondata di calore non ce ne siamo accorti perché è durata poco e ha fatto qualche migliaio di morti in più, il Covid ne ha fatti molti di più».

Ai geriatri cosa si sente di dire in questo momento storico?

«I geriatri sono in questo momento le figure che più di tutti, perché da tempo sono capaci di affrontare queste cose, sono quelli in prima linea, sono i front runner dell’assistenza a questa nuova categoria, che in realtà è sempre esistita, dell’anziano fragile. Quindi hanno un compito molto importante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi