Salute 23 Dicembre 2021 12:00

Anziani, la ricetta di Bernabei (Italia Longeva): «Creare dipartimento della fragilità che colleghi tutte le strutture»

Italia Longeva lancia la campagna #MiVaccinoMiDifendo per invitare gli anziani a vaccinarsi non solo per il Covid ma anche per tutte le altre patologie indicate. Il presidente Bernabei: «Ai dubbi di chi non vuole vaccinarci risponderei che i dati sono implacabili: si muore di Covid con un’età media di 81 anni». Poi sottolinea: «Il Covid ha scoperchiato il vaso di pandora e ha fatto capire che il problema è nella fragilità»

di Francesco Torre

“La vita è una sfida, mi vaccino per vincerla”. La frase è l’esordio dell’ultimo spot #MiVaccinoMiDifendo, lanciato da Italia Longeva, l’Associazione nazionale per l’invecchiamento e la longevità attiva presieduta dal professor Roberto Bernabei, che invita tutte le persone della terza e quarta età a vaccinarsi non solo contro il Covid, ma anche contro tetano, herpes zoster, influenza, difterite, pertosse e polmonite pneumococcica.

Sul fronte Covid, gli over 60 hanno aderito massicciamente alla campagna vaccinale per le prime due dosi, mentre sulle terze dosi ci sono ancora ritardi in particolare tra i 60 e i 70 anni. Tuttavia il Covid, con l’alto tributo di vite tra i ‘nonni’ d’Italia, ha portato alla ribalta il tema della fragilità, della presa in carico dell’anziano con più patologie e della necessità, ormai improrogabile, di migliorare il sistema delle cure del territorio e dell’assistenza domiciliare, quelle più vicine ai pazienti che nel corso dei momenti più drammatici hanno mostrato tutti i loro attuali limiti. «È evidente che il problema della fragilità covava sotto le ceneri e il Covid lo ha semplicemente scoperchiato e quindi dobbiamo pensare a un servizio sanitario orientato verso la fragilità» spiega a Sanità Informazione il presidente di Italia Longeva Roberto Bernabei.

Professore, gli anziani stanno rispondendo bene alla campagna vaccinale Covid?

«Le sacche no vax non sono certo nella terza e quarta età. L’approssimarsi delle fasi ultime della vita impone delle riflessioni sul valore della vita e di quanto sia importante difenderla e da questo punto di vista i cosiddetti anziani sono molto accorti».

Cosa risponderebbe a un anziano dubbioso sulla vaccinazione Covid?

«Ai dubbi risponderei che i dati sono implacabili. Si muore di Covid con un’età media di 81 anni. È oggettivo: il Covid è una malattia che ha ucciso 400 persone sotto i 40 anni e i restanti 135mila con età media di 81 anni. La mediana ci dice addirittura che è 82 anni. Questa malattia colpisce in modo definitivo solo i vecchi».

La pandemia ha messo a nudo i limiti dell’attuale sistema delle cure territoriali. Cosa serve per potenziare questo settore?

«Ci vuole una cabina di regia. Nel senso che l’assistenza domiciliare non può rimanere da sola, dev’essere collegata con l’ospedale, con le nuove strutture che sono previste dal PNRR, cioè segnatamente l’ospedale e le case di comunità. Ma tutto questo funziona se ha un capo, un responsabile che fa girare il paziente e sa in ogni momento qual è il posto migliore dove deve stare quel paziente. Servirebbe una specie di Dipartimento della fragilità che metta insieme tutte queste strutture, che ci sia qualcuno, un terminale, un responsabile che coordini tutte queste strutture facendo sì che la persona sia nel posto migliore a seconda del suo problema».

Il Covid ha aggravato il problema della presa in carico dei fragili?

«Il fatto è che la fragilità non è mai stata presa in considerazione. Il Covid ha scoperchiato il vaso di pandora e ha fatto capire che il problema è lì. L’ondata di calore del 2003 ha ammazzato esattamente gli stessi anziani: età media 81 anni con tre patologie nel 75% dei casi, come il Covid. Nel momento in cui arriva una cosa qualsiasi che turba l’equilibrio, che impatta sulla fragilità, una qualsiasi cosa fa danno. Nell’ondata di calore non ce ne siamo accorti perché è durata poco e ha fatto qualche migliaio di morti in più, il Covid ne ha fatti molti di più».

Ai geriatri cosa si sente di dire in questo momento storico?

«I geriatri sono in questo momento le figure che più di tutti, perché da tempo sono capaci di affrontare queste cose, sono quelli in prima linea, sono i front runner dell’assistenza a questa nuova categoria, che in realtà è sempre esistita, dell’anziano fragile. Quindi hanno un compito molto importante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron all’81% in Italia, rischio arancione per Valle D’Aosta. I dati ISS
l'Rt medio sui casi sintomatici è stato pari a 1,56, molto al di sopra della soglia epidemica. Diminuisce invece l'Rt ospedaliero, anche se con una variazione leggerissima (da 1,3 a 1,2)
Covid-19, Gimbe: «Nuovi casi superano 1,2 milioni. Sovraccarico ospedali rinvia cura altre malattie»
Oltre 8,6 milioni di persone senza nemmeno una dose di vaccino, di cui quasi 3 milioni nella fascia 5-11 anni. Per le terze dosi copertura al 61,5% con rilevanti differenze regionali. Molte regioni si avviano verso la zona arancione e rossa entro fine mese
Allarme chirurghi, Cittadini (Aiop): «Garantire cure e interventi anche a pazienti non Covid»
«Garantire la necessaria assistenza, le cure e gli interventi anche ai pazienti con patologie non Covid, che continuano ad essere penalizzati a causa dell’attuale recrudescenza della pandemia, dovuta al dilagare della variante Omicron». Così la presidente di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, Barbara Cittadini, che aggiunge: «Condividiamo l’allarme dell’Associazione Chirurghi ospedalieri italiani (Acoi) e della Società […]
Anziani soli a rischio di incidenti domestici. I consigli del fisiatra
Secondo il Ministero della Salute 48 anziani over 65 su 1000 hanno avuto almeno un infortunio in casa, e l’incidenza maggiore è tra le donne. Nel 18% dei casi le cadute in casa rendono necessario un ricovero ospedaliero. Fabrizio Gervasoni, Medico Fisiatra dell’Unità Operativa di Riabilitazione Specialistica dell’Ospedale “Luigi Sacco” di Milano «Rischi maggiori per chi soffre di osteoporosi, ha vertigini e perdita di equilibrio».  
Covid e inquinamento. De Gennaro: «I picchi pandemici coincidono con l’aumento di polveri in atmosfera»
Perché il particolato atmosferico veicola il virus? Il professore di chimica dell’Ambiente dell’Università di Bari: «La polverosità favorisce il galleggiamento e il risollevamento in aria del virus precipitato su pavimenti e strade»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre