Salute 27 Febbraio 2024 15:18

Allergie alimentari, farmaco protegge dall’ingestione accidentale

I ricercatori statunitensi hanno mostrato come un trattamento ciclico con un anticorpo monoclonale, omalizumab, sia in grado di innalzare notevolmente nei bambini il grado di capacità di tolleranza dei cibi allergizzanti

Allergie alimentari, farmaco protegge dall’ingestione accidentale

Non è una cura, ma può tenere al sicuro i bambini con allergie alimentari dalle conseguenze potenzialmente serie che derivano dall’ingestione accidentale di cibi capaci di scatenare le reazioni allergiche. Il trattamento in questione si basa su un ciclo di assunzione di un anticorpo monoclonale, omalizumab. L’efficacia elle terapia è stata testata attraverso uno studio condotto in 10 ospedali americani, i cui risultati sono stati appena pubblicati sul New England Journal of Medicine. I ricercatori statunitensi hanno mostrato come, grazie a questo specifico trattamento, sia possibile innalzare notevolmente nei bambini il grado di capacità di tolleranza dei cibi allergizzanti.

La ricerca

Nello studio sono stati coinvolti 118 bambini e ragazzi, dai 12 mesi ai 17 anni di età. Tutti i partecipanti soffrono di allergia alle arachidi e, contemporaneamente, di allergie ad almeno altri due alimenti. I bambini hanno ricevuto il farmaco a scopo preventivo per quattro o cinque mesi con un’infusione ogni due o quattro settimane. Al termine della sperimentazione e fino a circa 10 mesi successivi, il 67% dei bambini era in grado di mangiare quattro arachidi senza incorrere in allergie. Il 44% riusciva ad arrivare fino a 25 arachidi. Risultati analoghi sono stati osservati anche con gli altri alimenti a cui i partecipanti risultavano allergici.

Risultati e prospettive

Anche se si tratta di quantitativi molto piccoli, sono comunque più alti rispetto a quelli “normalmente incontrati con l’esposizione accidentale, il che evidenzia il possibile uso di omalizumab in monoterapia per ridurre il rischio quotidiano di reazioni allergiche alimentari”, scrivono i ricercatori. Ciò, tuttavia, non esime dal continuare a evitare i cibi che scatenano allergie. Con questa indicazione il farmaco è stato approvato lo scorso 16 febbraio dalla Food and Drug Administration americana. In Europa non è ancora disponibile per questo utilizzo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...