Politica 10 Settembre 2020

Alleanza Stop 5G: «600 comuni con noi, sabato in piazza per la moratoria»

Sul piede di guerra i sindaci contrari alla tecnologia 5G: col Dl Semplificazione non potranno più opporsi all’installazione di antenne di ultima generazione

Immagine articolo

«Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti». L’aforisma attribuito ad Albert Einstein ha riecheggiato alla Camera in una delle conferenze stampa dove meno ci si sarebbe aspettati di ascoltare le parole del celebre fisico tedesco: quella dell’Alleanza Stop 5G, che ha annunciato per sabato 12 settembre alle 15 in Piazza del Popolo a Roma una grande manifestazione nazionale. La richiesta è sempre la stessa: una moratoria per le antenne 5G, una tecnologia che ritengono non sicura per la salute.

La comunità scientifica ancora non ha una risposta univoca sul tema delle conseguenze sulla salute delle frequenze 5G: da tempo l’Associazione dei Medici per l’Ambiente Italia (ISDE) chiede che sia applicato il principio di precauzione, mentre un recente report dell’Istituto Superiore di Sanità sembra smentire la pericolosità per la salute di questa tecnologia.

In tutti i casi l’impegno dell’Alleanza Stop 5G non si ferma: nata nel 2018, ha organizzato 100 conferenze e convegni in tutta Italia e raccolto 340mila firme per fermare la sperimentazione. L’Alleanza ha fatto proseliti tra le amministrazioni locali: ben 600 comuni (in rappresentanza di 5 milioni di persone) hanno aderito alla richiesta di moratoria del 5G.

«Mancano studi preliminari sui suoi effetti ambientali e sanitari – spiega Maurizio Martucci, portavoce nazionale Alleanza Italiana Stop 5G -. Ora stiamo raccogliendo i fondi per realizzare uno studio indipendente: per ora abbiamo raccolto 77mila euro».

Uno stop alle ordinanze anti 5G è ora arrivato dal governo Conte: col Dl Semplificazione, infatti, i primi cittadini italiani non potranno più opporsi alle antenne di quinta generazione. L’articolo 38, che detta “Misure di semplificazione per reti e servizi di comunicazioni elettroniche” prescrive la modifica delle disposizioni contenute nella legge numero 36 del 2001, in cui si delegava ai comuni la possibilità di scegliere se procedere o meno all’installazione delle antenne di telefonia mobile. Inoltre, stabilisce in modo molto chiaro i limiti ai regolamenti comunali. Dunque, i sindaci possono adottare regole che minimizzino l’impatto per i propri cittadini, ma non possono più opporsi all’installazione delle antenne se queste rispettano i limiti di emissione dei campi elettromagnetici e i piani urbanistici.

«Si tratta di un bavaglio incostituzionale nei confronti dei sindaci», spiega ancora Martucci a cui fa eco Ugo Mattei, giurista e presidente del Comitato per la Difesa dei Beni Pubblici e Comuni Stefano Rodotà, che avanza l’idea di un referendum abrogativo contro la norma e spiega: «Chi avanza delle perplessità sul 5G non vuole tornare ai piccioni viaggiatori, non siamo dei terrapiattisti».

A sostenere l’Alleanza la deputata ex M5S e ora al Gruppo Misto Sara Cunial, nota per le sue posizioni antivacciniste, protagonista qualche giorno fa della manifestazione dei cosiddetti ‘negazionisti’ del Covid a Roma.

Sul piede di guerra i primi cittadini, una cui delegazione sarà alla manifestazione di sabato: «Non possiamo più essere garanti della salute pubblica, ogni principio di precauzione viene cancellato con il Dl Semplificazione – spiega Domenica Spinelli, sindaco di Coriano (Rimini) -. Ora al gestore di telefonia basta una SCIA per mettere un’antenna. C‘è stato anche il caso di un gestore che ha chiesto di togliere la proprietà di un terreno il cui proprietario 30 anni fa aveva siglato un contratto con l’operatore. Abbiamo scoperto che nell’ambito di quel contratto di 30 anni fa, il gestore ha il potere di imporre un obolo diverso da quello iniziale pena la richiesta di espropriare il terreno. Anche per questo i cittadini hanno sempre più paura di non essere tutelati dalle istituzioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
Giornata Mondiale della vista, l’80% dei casi di cecità sono prevenibili
Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cui seguirà una maratona in diretta streaming sulla pagina Facebook di IAPB Italia. Stirpe (Fondaz. Bietti): «L’organizzazione della sanità dovrà contenere il rischio contagio e trattare le urgenze delle quali l’epidemia ha ritardato la cura». Mariotti (OMS): «Senza una buona vista si rischia tre volte di più di ammalarsi di depressione e di avere incidenti stradali»
Dalla cottura dei cibi a come affrontare i disturbi del sonno, il vademecum FIMMG per i corretti stili di vita
Marrocco (FIMMG): «I comportamenti quotidiani 'arma' importante per superare problematiche»
Amiloidosi cardiaca, diagnosticarla in tempo per gestirla al meglio. Presentato un documento di consenso tra associazioni di pazienti
Il progetto è stato realizzato dall’Osservatorio Malattie Rare con il contributo non condizionante di Pfizer e porta la firma di fAMY, Conacuore, Fondazione Italiana per il Cuore e UNIAMO FIMR Onlus
Valore dei plasmaderivati nelle malattie rare. Il progetto PRONTI incontra i farmacisti del SSN della Regione Lazio
Nell’ambito del progetto promosso da CSL Behring, impegnata nella produzione di farmaci per le malattie rare, si è tenuto oggi un evento ECM online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...