Salute 5 Dicembre 2018

Aggressione Crotone, fuori pericolo dottoressa aggredita. Parla il Direttore dell’Ospedale San Giovanni di Dio: «Lavoriamo con la paura, è una costante»

Lucio Cosentino, Direttore del nosocomio calabrese, sottolinea: «La dottoressa sta bene dal punto di vista medico, ma è provata psicologicamente. C’era volontà di uccidere, decisivo l’intervento del migrante». Poi sottolinea: «Manca educazione civica»

Immagine articolo

Una aggressione brutale, un tentativo di omicidio che, se non fosse intervenuto un venditore ambulante presente in zona, avrebbe potuto portare a conseguenze ben più gravi. Ora sta bene Maria Carmela Calidro, medico dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, anche se chiaramente sotto shock. Un evento che ha sconvolto una intera comunità, a cominciare dai colleghi del nosocomio crotonese. «Per questa mattina – spiega a Sanità Informazione il Direttore dell’Ospedale San Giovanni di Dio Lucio Cosentino – ho indetto un sit-in in biblioteca alle 11.30 con la presenza di tutti gli operatori della sanità: medici, infermieri, tecnici e così via. Distribuiremo a tutti una coccarda bicolore in segno di rigetto e di solidarietà alle donne e ci auguriamo che diventi un fatto di sensibilizzazione generale per evitare che possa ripetersi un fatto del genere». L’Ospedale, purtroppo, è già stato al centro delle cronache per un altro grave episodio avvenuto in estate, quando un medico della rianimazione è stato aggredito dai parenti di una persona in fin di vita. «La paura è costante», sottolinea il Direttore Cosentino. E intanto c’è chi prova a reagire a questa ondata di aggressioni verso i camici bianchi: è nato il Codice rosso, un pronto soccorso telefonico per la violenza in corsia.

LEGGI ANCHE: CROTONE, DOTTORESSA AGGREDITA CON CACCIAVITE. ANELLI (FNOMCEO): PAROLE NON BASTANO PIU’, DDL AGGRESSIONI DIVENTI DECRETO LEGGE

Direttore, come state reagendo a un episodio così grave?

«La reazione purtroppo è sempre virtuale. Questa mattina (il giorno dopo l’aggressione, ndr) ho indetto un sit-in in biblioteca alle 11.30 con la presenza di tutti gli operatori della sanità: medici, infermieri, tecnici e così via. Distribuiremo a tutti una coccarda bicolore in segno di rigetto e di solidarietà alle donne e ci auguriamo che diventi un fatto di sensibilizzazione generale per evitare che possa ripetersi un fatto del genere. L’aggressione si è verificata al di fuori del perimetro ospedaliero anche perché dall’ultimo evento dell’estate scorsa, grazie a uno stretto rapporto tra l’ospedale e la direzione strategica, abbiamo un po’ potenziato i controlli per l’accesso in ospedale ed è più difficile entrare e compiere atti del genere. Ieri sono rimasto impressionato positivamente sia dell’operato della polizia che dell’operato del Sostituto procuratore dottor Alfredo Manca, sono stati presenti costantemente. Polizia e Procura hanno portato la solidarietà alla collega aggredita».

C’è paura tra gli operatori?

«La paura è ormai costante. Abbiamo adempiuto ai suggerimenti del Ministero convocando una commissione che si è riunita dopo l’ultimo episodio, ma lei capisce bene che qui il territorio è caldo».

Gli ultimi dati dicono che addirittura un operatore su due viene aggredito: pensa che l’inasprimento delle pene sia sufficiente o servono misure più forti?

«Questo non glielo so dire. Io credo che il problema vada affrontato a monte con una educazione civica che ci manca».

La dottoressa è fuori pericolo?

«È fuori pericolo. Dal punto di vista medico sta bene, dal punto di vista psicologico è un po’ provata».

È stato decisivo l’intervento dell’uomo marocchino?

«Non decisivo, ma fondamentale. Se non fosse intervenuto questo migrante probabilmente oggi non potremmo parlare della dottoressa perché questo stava tentando di ucciderla. Voleva colpirla fino in fondo».

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, l’allarme di Anaao Campania: «Siamo vittima di un corto circuito culturale che è necessario fermare»
Il segretario regionale Vincenzo Bencivenga: «Le aggressioni sono infortunio su lavoro, con Inail stiamo lavorando per istituire un osservatorio ad hoc». Maurizio Cappiello (Direttivo Nazionale): «Al vaglio due proposte di legge, auspichiamo certezza della pena per questi reati»
Ddl aggressioni, Mautone (M5S): «Aumentano dove SSN funziona peggio. Asl e Ospedali siano al fianco dei medici nei contenziosi»
Il medico e senatore Cinque Stelle sottolinea: «Fondamentale migliorare l’assistenza e ridurre le liste d’attesa negli ospedali, che sono i primi fattori di contrasto tra pazienti e operatori sanitari». Il termine per presentare gli emendamenti al disegno di legge scade lunedì 29 aprile alle 12
Aggressioni ai medici, a Boscotrecase parenti di una donna deceduta ‘assaltano’ Medicina d’urgenza: macchinari distrutti e operatori feriti
Giornata di follia al nosocomio in provincia di Napoli: i Carabinieri intervenuti hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania, e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici
Spot risarcimenti, Rostan (LeU): «Peggiora rapporto medico-paziente». Appello al Ministro Grillo su aggressioni: «Serve equiparazione medico-pubblico ufficiale»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali di Montecitorio lancia l’idea di «un patto territoriale fra i medici di base e le aziende ospedaliere per ridurre il ricorso ai Pronto soccorso e di conseguenza gli atti di violenza». E sul ddl anti-violenza rilancia: «Pronti a ritirare nostre firme se può servire a dar seguito alla legge: occorre restituire dignità al lavoro dei medici e degli operatori sanitari consentendo la procedibilità d’ufficio»
Giovane dottoressa aggredita a Bagheria si sfoga su Facebook: «Siamo soli, quel posto è un ring». Maio (FIMMG CA): «Subito legge per procedibilità d’ufficio»
L'episodio avvenuto nella guardia medica della località vicino Palermo: 15 giorni di prognosi. Sui social tutta la sua amarezza. «Nelle sue parole ci riconosciamo tutti, fino a quando potremo andare avanti così?», sottolinea Tommasa Maio, responsabile FIMMG Continuità assistenziale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...