Salute 27 Giugno 2019 16:28

“A fianco del coraggio”, Roche premia le storie dei bambini affetti da emofilia

Un premio letterario che quest’anno è stato dedicato ai minori affetti da emofilia. Vincitore della terza edizione è Alessandro Marchello: «Un’emozione grande»

Si intitola “Guardami! Sto volando!” il racconto di Alessandro Marchello, vincitore della terza edizione del premio letterario #Afiancodelcoraggio. Il progetto promosso da Roche, quest’anno ha raccolto le storie di chi ha vissuto accanto a un amico, un fratello, una sorella o un familiare, le difficoltà legate all’emofilia. L’idea è proprio quella di dare così voce ai bisogni e i desideri dei malati, e allo stesso tempo di raccontare le difficoltà e i sentimenti di chi si trova al loro fianco.

LEGGI: GIORNATA MONDIALE EMOFILIA, MANCA ATTUAZIONE ACCORDO MEC. L’APPELLO ALLE REGIONI: «GARANTITE LA QUALITÀ DEI SERVIZI»

Il racconto vincitore sarà tradotto in uno spot prodotto da Medusa che andrà poi in onda nelle sale cinematografiche. A scegliere il primo classificato, una giuria popolare e una giuria di tecnici. Quest’anno il premio ha voluto raccogliere le storie dei più giovani, coinvolgendoli con la realizzazione di un fumetto, un mezzo espressivo a loro particolarmente congeniale. È nato così il volume “Al fianco del coraggio – Il Fumetto“, che raccoglie tutte le storie delle persone che hanno aderito al concorso, reinterpretate da fumettisti affermati a livello nazionale e internazionale.

«Questa volta abbiamo ascoltato la voce dei papà – commenta il presidente Roche Italia, Maurizio De Cicco – che ci hanno raccontano la malattia dei bambini affetti da emofilia ed è un qualche cosa che ci fa capire quanto sia importante poter condurre una vita normale. Grazie anche a questi eventi, passiamo messaggi di speranza di una vita migliore e devo dire che il ruolo di Roche è quello di mettere a disposizione dei farmaci che consentono di dare nuove speranze di cura anche ad una patologia rara e difficile come può essere l’emofilia».

«E’ un’emozione grande – esulta ai nostri microfoni il vincitore Alessandro Marchello -. Si tratta di raccontare una storia che io vivo in prima persona ma che racconta la storia di bambini speciali. E’ un’emozione che io vivo ogni volta che li incontro, perché è davvero speciale quando loro scoprono la possibilità di rendersi indipendenti e di fare quel piccolo gesto terapeutico che è un buco nella vena, che però cambia la loro vita da così a così».

Articoli correlati
Emofilia, Schmitt (CSL Behring): «Necessario approccio olistico per poter essere partner del SSN»
Macchia (Managing Director di Rarelab): «Necessario il superamento dell’impostazione “a silos” per raggiungere un percorso di cura e di alleanza più ampio per dare risposte al paziente»
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta
La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»
Emofilia, un nuovo modello di sanità nel Rapporto di OMAR
Nel Rapporto “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia”, le problematiche legate alla patologia e il ruolo chiave della Value Based Health Care (VBHC)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...