Salute 22 Maggio 2024 10:32

Adolescenti, quasi 6 ore al giorno ‘attaccati’ allo smartphone

Le conseguenze: ‘brutti voti a scuola, sovrappeso, ansia, tristezza e aumento del senso di solitudine. Lo studio

Adolescenti, quasi 6 ore al giorno ‘attaccati’ allo smartphone

Tra le adolescenti c’è chi arriva a prendere il proprio smartphone in mano 115 volte al giorno, per un totale di quasi sei ore con lo sguardo rivolto al piccolo schermo. Tra queste una su 5, circa il 17%, è probabilmente dipendente dai social media ed a rischio di sviluppare disturbi mentali. Ad indagare quanto la salute dei giovani d’oggi possa essere compromessa da un uso eccessivo dello smartphone, e in particolare dei social, è una ricerca pubblicata sulla rivista Archives of Disease in Childhood. Lo studio è stato condotto da Silja Kosola dei Wellbeing Services County, ad Espoo in Finlandia. I ricercatori hanno contattato tutte le 49 scuole superiori presenti nelle tre grandi città della Finlandia: Helsinki, Espoo e Vantaa, coinvolgendo 1.164 studentesse tra i 15 e i 16 anni.

Quasi 6 ore al giorno ‘attaccati’ allo smarphone

Di 656 degli adolescenti partecipanti, circa il 56,5%, è stato analizzato l’uso medio giornaliero dello smartphone per tre giorni consecutivi. Per altri 298 giovani, il 26% del totale, sono stati presi in esame, invece, i dati relativi ad un’intera settimana. Risultato? Questi adolescenti trascorrono circa 350 minuti, ovvero 5,8 ore al giorno con uno smartphone tra le mani. Nel dettaglio, il tempo medio trascorso sui social è di 231 minuti, pari 3,9 ore. I ricercatori finlandesi hanno analizzato anche le tipologie di app più utilizzare dai giovani. L’analisi ha coinvolto circa la metà del campione, il 48,5% del totale, che corrisponde a 564 adolescenti. Tra questi 205 ragazzi, poco più del 36,3%, trascorrevano meno di tre ore al giorno sui social, mentre 77, il 14%, vi trascorrevano sei ore ed oltre.

Ansia, tristezza e solitudine

Successivamente è stato studiato il comportamento del solo genere femminile: è risultato che le ragazze prendono in mano il telefono da 58 a 356 volte al giorno, con una media di 145. Le app di giochi sono le più utilizzate da una ragazza su cinque, con un uso medio di 24 minuti al giorno. Ben 183 adolescenti, il 17%, sono stati considerati a rischio dipendenza dai social media. E oltre un terzo, 371 in tutto, ha ottenuto punteggi superiori alla soglia per un potenziale disturbo d’ansia. Ma non è tutto: l’utilizzo inappropriato dello smartphone influenza negativamente anche la vita di tutti i giorni. Maggiore è il tempo giornaliero trascorso sui social e minore è risultata la media dei voti scolastici, con un aumento dell’ansia ed un peggioramento della forma fisica. La dipendenza dai social incrementa il cattivo umore e la stanchezza e scatena sensazioni di solitudine. Alla luce dei dati raccolti i ricercatori hanno concluso che “le conseguenze per la salute che derivano da un utilizzo di quasi sei ore al giorno dello smartphone sono davvero serie”, evidenziando la necessità di porre un freno a questa cattiva abitudine.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...