Salute 30 Novembre 2023 10:46

ADHD: l’intelligenza artificiale legge la risonanza e fa la diagnosi  

I ricercatori dell’Università della California hanno messo a punto uno strumento dotato di intelligenza artificiale che, analizzando immagini di risonanza magnetica, è in grado di misurare le oggettive differenze nel cervello di chi è affetto da ADHD e diagnosticarlo

ADHD: l’intelligenza artificiale legge la risonanza e fa la diagnosi   

Disattenzione, impulsività e iperattività motoria: sono questi i principali sintomi del deficit dell’attenzione-iperattività (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, ADHD), considerato tra i disturbi più comuni nell’età dello sviluppo. La diagnosi può richiedere molto tempo e necessitare di una valutazione multidisciplinare. Oggi, grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale (AI) questi tempi potrebbero essere notevolmente accorciati. I ricercatori dell’Università della California hanno messo a punto uno strumento dotato di intelligenza artificiale che, analizzando immagini di risonanza magnetica cerebrale, permette di diagnosticare l’ADHD. Questo sistema, presentato al meeting annuale della Radiological Society of North America (RSNA) è in grado di rintracciare le differenze nette nel cervello di adolescenti col disturbo, precisamente presenti in nove tratti di materia bianca, a livello delle fibre nervose.

Chi ha partecipato allo studio

Per lo studio il team ha selezionato un gruppo di 1.704 individui con e senza ADHD. Utilizzando le scansioni ottenuti da una sofisticata risonanza magnetica, i ricercatori hanno confrontato la materia bianca nel cervello. Le immagini di 1.371 individui sono state utilizzate per addestrare lo strumento di intelligenza artificiale a distinguere i giovani con ADHD da quelli senza. Il sistema è stato poi testato su 333 giovani, tra cui 193 con ADHD e 140 senza. Con l’aiuto dell’IA, i ricercatori hanno scoperto che nei pazienti con ADHD presentano differenze significative in nove tratti di materia bianca.

L’incidenza dell’ ADHD

L’ADHD è un disturbo comune spesso diagnosticato in età infantile e persistente nell’età adulta. Secondo dati del Centers for Disease Control and Prevention negli Usa si stima che 5,7 milioni di bambini e adolescenti tra i 6 e i 17 anni ne soffrano. In Italia i dati sono molto meno precisi: la più recente revisione pubblicata sull’argomento risale al 2018 ed esamina 15 studi dai quale emerge che il 2,9% dei bambini e dei ragazzi di età compresa tra 5 e 17 anni ha ricevuto una diagnosi di ADHD.

Un disturbo sempre più diffuso

“Il disturbo si manifesta spesso in età precoce e può avere un impatto notevole sulla qualità  della vita – spiega il coautore dello studio Justin Huynh, dell’Università della California, San Francisco – . È sempre più diffuso tra i giovani, anche a causa  dell’uso eccessivo di smartphone e altri dispositivi molto distraenti”. Questo innovativo strumento potrebbe, dunque, facilitare la diagnosi e garantire una presa in carico tempestiva dei bambini affetti da ADHD, con un conseguente miglioramento dei risultati ottenuti. Le differenze rivelate nella risonanza magnetica dall’Intelligenza Artificiale “non sono mai state viste prima a questo livello di dettaglio – assicura Huynh-. In generale – conclude il ricercatore -. le anomalie osservate nei nove tratti di materia bianca coincidono con i sintomi dell’ADHD”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...