Salute 3 Luglio 2023 15:34

Addio al colesterolo cattivo con due iniezioni all’anno. Ecco come funziona e per quali pazienti è indicato

L’esperto: «Può aiutare i pazienti a dimezzare i livelli di colesterolo “cattivo” LDL nel sangue e a mantenerli stabili nel tempo»

Addio al colesterolo cattivo con due iniezioni all’anno. Ecco come funziona e per quali pazienti è indicato

Solo quattro persone su 10 riescono a tenere a bada il colesterolo cattivo con le cure convenzionali. Ma ora c’è una buona notizia anche per il restante 60%: si chiama Inclisiran ed è un farmaco rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale. «Quando l’ipercolesterolemia ha una base genetica è più difficile che risponda in modo adeguato ai trattamenti standard – spiega il professore Marcello Arca, past-president della Società Italiana per lo Studio dell’Aterosclerosi (SISA). Più in generale, gli obiettivi fissati dalle linee guida, ovvero valori di LDL al di sotto dei 55 mg/dl, non sono semplici da raggiungere in tutti i pazienti», aggiunge il professore Marcello Arca.

Colesterolo alto e rischio cardiovascolare

Ma tenere i livelli di colesterolo nel sangue entro il range consigliato è la prima arma di prevenzione contro le malattie cardiovascolari. «Queste patologie, in Italia, sono la prima causa di morte – dice il professore Furio Colivicchi, past-presidente dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO) -. E l’ipercolesterolemia è l’elemento centrale del loro sviluppo».

Inclisiran, come agisce

«Inclisiran – continua Colivicchi – può aiutare i pazienti a dimezzare i livelli di colesterolo “cattivo” LDL nel sangue e a mantenerli stabili nel tempo». Inclisiran interferisce con l’RNA (materiale genetico) per limitare la produzione di PCSK9, una proteina in grado di aumentare i livelli di colesterolo LDL. «Impedendo la produzione di PCSK9 – aggiunge Arca – il farmaco favorisce la riduzione dei livelli di colesterolo LDL».

Chi può assumerlo

Il farmaco può essere prescritto, in aggiunta alle terapie convenzionali, a chi non risponde adeguatamente ai trattamenti. «I pazienti eleggibili sono quelli ad alto rischio cardiovascolare – dice il past-president della SISA -. Il farmaco può essere prescritto da medici specialisti ed è erogato in convenzione con il Sistema sanitario Nazionale».  Inclisiran è un farmaco biologico, innovativo e «come dimostrato dagli studi scientifici – aggiunge Colivicchi – anche sicuro».

Come e quando assumerlo

Tempi e modalità di somministrazione sono un altro indiscutibile vantaggio. «Inclisiran dovrà essere somministrato solo due volte all’anno, ogni sei mesi, per via sottocutanea», dice Arca. La somministrazione andrà effettuata in ospedale sotto la supervisione medica. «Somministrare il farmaco in ospedale – sottolinea Colivicchi – significa avere un controllo totale sull’aderenza terapeutica. E avere la sicurezza che il paziente assuma correttamente il farmaco, si traduce nella certezza che per i successivi sei mesi la colesterolemia di quel soggetto sarà dimezzata e il  suo rischio cardiovascolare – conclude il professore – notevolmente ridotto».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.