Salute 11 Gennaio 2019

A Milano la mostra Onda sulla persecuzione di malati psichici e disabili. Rizzi (Regione Lombardia): «Ricordare per non commettere più questi errori»

La rassegna dal titolo “Schedati, perseguitati e sterminati” allestita al Palazzo di Giustizia di Milano fino al 16 febbraio. Merzagora (Onda): «L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale: restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente»

di Federica Bosco

Mantenere accesi i riflettori e viva la memoria per non dimenticare gli oltre 200 mila pazienti psichiatrici e disabili tedeschi perseguitati ed assassinati tra il 1939 ed il 1945: con questo obiettivo la Fondazione Onda e la Società Italiana di Psichiatria hanno portato a Milano la mostra internazionale “Schedati, perseguitati e sterminati” dedicata alla persecuzione di malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo ed il fascismo. Dopo Berlino, Vienna, Londra, Osaka, Toronto, Città del Capo e Roma, la mostra è approdata al Palazzo di Giustizia di Milano dove sarà visibile gratuitamente fino al 16 febbraio, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 19; il sabato dalle 8,30 alle 13. La tappa milanese che ha ottenuto il Patrocinio di Regione Lombardia, del Comune di Milano, dell’associazione Nazionale Magistrati, del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania, del Goethe Institut Mailand e dell’ordine dei Giornalisti, nonché del ministero della Salute, del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, è stato reso possibile grazie al contributo di donatori privati e di Fondazione Laps Libera Accademia Progetti Sperimentali Onlus ed è stata promossa in tutte le scuole lombarde dove sono previste visite guidate durante il periodo dell’esposizione.

«Con questa esposizione Onda palesa la sua sensibilità nella difesa del diritto alla salute, alla dignità delle persone, al di là delle etnie, delle fedi religiose e delle diversità culturali – ha dichiarato la Presidente della Fondazione Onda, Francesca Merzagora – L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale ovvero restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente».

«Questa pagina della storia è una delle pagine più buie della storia contemporanea e deve essere assolutamente raccontata e ricordata e solo così avremo la certezza che determinati errori non si commetteranno più – ha sottolineato Alan Christian Rizzi, Sottosegretario con delega ai rapporti con le delegazioni internazionali di Regione Lombardia -. Una delle tematiche necessarie a sviluppare questo percorso è anche il ricordo della legge Basaglia, 40 anni fa, che ha prodotto processi rivoluzionari, all’interno della quale si evidenziata la necessità di iniziare un percorso innovativo dove il malato non era più considerato un recluso ma un ricoverato».

Articoli correlati
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
“Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”: il 17 aprile a Roma la consegna dei premi
Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare […]
Contratto medici, sentenza Corte costituzionale: «Oneri contrattazione collettiva sono a carico delle regioni»
La Consulta ha respinto il ricorso del Veneto per l'assistenza in favore dell’autonomia degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali
Depressione, in Italia colpisce 3,5 milioni di persone. Il dossier della Fondazione Onda
Meno del 50% di chi ne soffre riceve diagnosi tempestiva e trattamento corretto. Oltre un anno e mezzo tra comparsa dei primi sintomi e decisione di rivolgersi a un medico, circa due anni prima di ricevere una diagnosi corretta.
Onda, parte l’Open Week Donna: al Policlinico Umberto I di Roma visite gratuite per le donne
In occasione della 4a Giornata nazionale della salute della donna (22 aprile), i medici specialisti del Policlinico Umberto I aderiscono all’iniziativa (H)Open Week Donna, promossa da ONDA, Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna, con iniziative che hanno l’obiettivo di promuovere l’informazione e i servizi per la prevenzione delle più importanti patologie femminili. Una settimana di eventi dedicati alle cure […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...