Salute 11 Gennaio 2019

A Milano la mostra Onda sulla persecuzione di malati psichici e disabili. Rizzi (Regione Lombardia): «Ricordare per non commettere più questi errori»

La rassegna dal titolo “Schedati, perseguitati e sterminati” allestita al Palazzo di Giustizia di Milano fino al 16 febbraio. Merzagora (Onda): «L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale: restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente»

di Federica Bosco

Mantenere accesi i riflettori e viva la memoria per non dimenticare gli oltre 200 mila pazienti psichiatrici e disabili tedeschi perseguitati ed assassinati tra il 1939 ed il 1945: con questo obiettivo la Fondazione Onda e la Società Italiana di Psichiatria hanno portato a Milano la mostra internazionale “Schedati, perseguitati e sterminati” dedicata alla persecuzione di malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo ed il fascismo. Dopo Berlino, Vienna, Londra, Osaka, Toronto, Città del Capo e Roma, la mostra è approdata al Palazzo di Giustizia di Milano dove sarà visibile gratuitamente fino al 16 febbraio, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 19; il sabato dalle 8,30 alle 13. La tappa milanese che ha ottenuto il Patrocinio di Regione Lombardia, del Comune di Milano, dell’associazione Nazionale Magistrati, del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania, del Goethe Institut Mailand e dell’ordine dei Giornalisti, nonché del ministero della Salute, del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, è stato reso possibile grazie al contributo di donatori privati e di Fondazione Laps Libera Accademia Progetti Sperimentali Onlus ed è stata promossa in tutte le scuole lombarde dove sono previste visite guidate durante il periodo dell’esposizione.

«Con questa esposizione Onda palesa la sua sensibilità nella difesa del diritto alla salute, alla dignità delle persone, al di là delle etnie, delle fedi religiose e delle diversità culturali – ha dichiarato la Presidente della Fondazione Onda, Francesca Merzagora – L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale ovvero restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente».

«Questa pagina della storia è una delle pagine più buie della storia contemporanea e deve essere assolutamente raccontata e ricordata e solo così avremo la certezza che determinati errori non si commetteranno più – ha sottolineato Alan Christian Rizzi, Sottosegretario con delega ai rapporti con le delegazioni internazionali di Regione Lombardia -. Una delle tematiche necessarie a sviluppare questo percorso è anche il ricordo della legge Basaglia, 40 anni fa, che ha prodotto processi rivoluzionari, all’interno della quale si evidenziata la necessità di iniziare un percorso innovativo dove il malato non era più considerato un recluso ma un ricoverato».

Articoli correlati
Torna l'(H)Open Week di Fondazione Onda: servizi gratuiti per donne in 129 ospedali
Dal 13 al 18 luglio torna l’(H)Open Week di Fondazione Onda: servizi gratuiti dedicati alla salute della donna in 129 ospedali con i Bollini Rosa
Disabili, le vittime indirette della pandemia. Rota (Anffas): «Riaccendere i riflettori sul “Dopo di noi”»
Durante l’emergenza Covid arrivato un importante impulso dal governo, il presidente della Fondazione nazionale “Dopo di noi”: «Il decreto Rilancio prevede un incentivo di 20 milioni di euro per il Fondo nazionale istituito dalla legge 112 del 2016, che consente di pianificare il futuro delle persone con disabilità grave».
di Isabella Faggiano
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Coronavirus e RSA, Senior Italia FederAnziani: «Porre fine a mattanza, tamponi a tappeto nelle strutture per anziani e disabili»
Il Presidente Senior Italia FederAnziani Roberto Messina: «Non è il tempo di polemiche, ora è il momento di agire per salvare vite e fermare il senicidio»
Depressione, è il medico di famiglia il punto di riferimento dei pazienti. Ma spesso non basta
Siracusano (Tor Vergata): «Il medico di famiglia è la prima frontiera, il primo sportello a venir contattato dalla persona che sta male, ma deve subito interfacciarsi con uno specialista, perché il grande problema, oggi, sono le depressioni non trattate e cresciute in recidiva»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...