Salute 11 Gennaio 2019

A Milano la mostra Onda sulla persecuzione di malati psichici e disabili. Rizzi (Regione Lombardia): «Ricordare per non commettere più questi errori»

La rassegna dal titolo “Schedati, perseguitati e sterminati” allestita al Palazzo di Giustizia di Milano fino al 16 febbraio. Merzagora (Onda): «L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale: restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente»

di Federica Bosco

Mantenere accesi i riflettori e viva la memoria per non dimenticare gli oltre 200 mila pazienti psichiatrici e disabili tedeschi perseguitati ed assassinati tra il 1939 ed il 1945: con questo obiettivo la Fondazione Onda e la Società Italiana di Psichiatria hanno portato a Milano la mostra internazionale “Schedati, perseguitati e sterminati” dedicata alla persecuzione di malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo ed il fascismo. Dopo Berlino, Vienna, Londra, Osaka, Toronto, Città del Capo e Roma, la mostra è approdata al Palazzo di Giustizia di Milano dove sarà visibile gratuitamente fino al 16 febbraio, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 19; il sabato dalle 8,30 alle 13. La tappa milanese che ha ottenuto il Patrocinio di Regione Lombardia, del Comune di Milano, dell’associazione Nazionale Magistrati, del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania, del Goethe Institut Mailand e dell’ordine dei Giornalisti, nonché del ministero della Salute, del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, è stato reso possibile grazie al contributo di donatori privati e di Fondazione Laps Libera Accademia Progetti Sperimentali Onlus ed è stata promossa in tutte le scuole lombarde dove sono previste visite guidate durante il periodo dell’esposizione.

«Con questa esposizione Onda palesa la sua sensibilità nella difesa del diritto alla salute, alla dignità delle persone, al di là delle etnie, delle fedi religiose e delle diversità culturali – ha dichiarato la Presidente della Fondazione Onda, Francesca Merzagora – L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale ovvero restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente».

«Questa pagina della storia è una delle pagine più buie della storia contemporanea e deve essere assolutamente raccontata e ricordata e solo così avremo la certezza che determinati errori non si commetteranno più – ha sottolineato Alan Christian Rizzi, Sottosegretario con delega ai rapporti con le delegazioni internazionali di Regione Lombardia -. Una delle tematiche necessarie a sviluppare questo percorso è anche il ricordo della legge Basaglia, 40 anni fa, che ha prodotto processi rivoluzionari, all’interno della quale si evidenziata la necessità di iniziare un percorso innovativo dove il malato non era più considerato un recluso ma un ricoverato».

Articoli correlati
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Solitudine e fragilità dell’anziano: a Milano il convegno Onda
Vulnerabilità, perdita di autosufficienza e disabilità sono alla base di fragilità fisica ed emotiva e di solitudine tipica delle persone anziane. Condizioni destinate a interessare una fetta sempre più consistente della popolazione visto che, secondo Istat nel 2065 gli over 65 saranno quasi 20 milioni. Il convegno di Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna […]
“Una cicogna per la sclerosi multipla”: ecco il progetto di Onda
Al via il nuovo progetto di Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere): “una cicogna per la sclerosi multipla”, nato con il patrocinio di AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus) SIN (Società Italiana di Neurologia) e il contributo incondizionato di Teva. La nuova iniziativa promossa da Onda, ha l’obiettivo di costituire un network […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Caregiver: ONDA e Farmindustria insieme per sostenere ‘l’esercito silenzioso’. Scaccabarozzi: «Molte sono donne, miglioriamo qualità della loro vita»
«Finalmente politica e istituzioni stanno dedicando attenzione a questa figura che ha un ruolo determinante nel welfare salute. Sono fiduciosa che si troveranno convergenze», così Rossana Boldi, vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone